DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

giovedì 28 marzo 2013

consigli per il consultante e per gli astrologi

 
Oggi trattiamo un tema molto importante: quello dei rischi che corre il consultante e come farebbe il grillo parlante eccomi a darvi dei buoni consigli.

 Accade spesso che chi ha necessità di un consulto e di un chiarimento, scelga di rivolgersi a più astrologi. Questo è sbagliato. E' necessario spiegare che ogni astrologo ha una specializzazione in qualcosa e non tutti sono preparati a rispondere a domande che riguardano tecniche astrologiche studiate da altre scuole. Facciamo un esempio:
 
"Avevo Giove in 10^ casa di rivoluzione eppure mi sono accaduti un sacco di guai"

Mi è capitato di leggere affermazioni come queste in siti in cui vi è la più totale inesperienza su come leggere le RS. 
Questo tipo di affermazioni invece dovrebbero essere rivolte a chi si occupa della materia altrimenti è come chiedere a un meccanico di curare una persona. Un meccanico può occuparsi di auto, tram, trattori, motorini, ma non di persone. Sarebbe assurdo no? Eppure accade: il consultante non sa che si sta rivolgendo a un incompetente per quello specifico item e l'astrologo incompetente ha comunque la presunzione di sapere la risposta.

Allora, se vi interessano le rivoluzioni solari dovete rivolgervi solo a chi pratica questa tecnica; se volete avere chiarimenti in merito al vostro karma dovete chiedere solo a chi pratica tale branca; se volete sapere delle parti di fortuna dovete chiedere solo a chi ha competenza in questo. Quando vi rivolgete all'astrologo, dunque, chiedetegli se prima è preparato nel settore che vi interessa e chiedetegli le referenze; fatevi dare una dimostrazione della sua autorevolezza nel campo.

Non chiedetemi di Karma e astrologia esoterica in cui non sono preparato abbastanza perché non mi interessa; non chiedetemi di parlare di asteroidi perché non sono preparato in questo e non mi interessano nemmeno loro; chiedetemi di rivoluzioni solari o di temi di coppia e saprò rispondervi dato che la mia esperienza si basa completamente e totalmente su questi campi del sapere astrologico.

Io che conosco la materia posso affermare qualcosa in merito all'affermazione di prima su Giove; ma non può farlo qualcuno come Astromauh per esempio o come Paolo Fox, o Branko, giusto per citare alcuni nomi a caso, perché loro sono specializzati in altro; ed alcuni nemmeno ce  l'hanno. Giove in X^ casa di rivoluzione non significa affatto che non dovremo aspettarci eventi negativi se ciò è descritto da altre posizioni di rivoluzione solare. Non è stato compreso che ogni pianeta si manifesta autonomamente e così se per esempio abbiamo un'ascendete in I2^ casa di rivoluzione e contemporaneamente Giove è in X^ casa di rivoluzione, troveremo un vantaggio ma vivremo difficoltà in altri campi, tanto più gravi quanto più saranno dissonanati i transiti e l'IPA (indice di pericolosità dell'anno che come ho detto prima, sino a 40 non ha alcun valore nel contesto di una RS buona; e per tale bisogna sapere di cosa si sta parlando)

Non penso sia difficile da capire ma lo è se non si studia. Purtroppo non tutti studiano e capiscono soprattutto se nel proprio tema natale Mercurio è dissonante a Saturno. Cosa ci vogliamo fare?

L'importante è dunque avvisare il consultante che non può chiedere a chiunque delle risposte a specifici quesiti. Molte volte accade che chi è preoccupato da cattive posizioni si rivolga ad altri nella speranza di ottenere indicazioni diverse. Ma così facendo sarà orientato a credere solamente a chi gli fornisce un responso più positivo perché le persone hanno bisogno di notizie belle che spingano a non demoralizzarsi ancor di più:

una volta una consultante mi ha scritto a proposito del fatto che aveva terminato da poco una relazione di coppia col suo partner. Mi ha chiesto se la cosa poteva essere recuperata e io le ho detto che la comparazione tra i due temi natali lasciava presagire incompatibilità. Alché mi risponde dicendo che un'altra astrologa le aveva detto invece che egli era la sua anima gemella e che il rapporto era karmico. Cosa potevo rispondere?
Se credi nel karma segui quell'astrologa, se non credi nel karma segui me o chiunque altro pensi sia competente, e poi verifica.

Cosa ne posso sapere di Karma dato che non mi interessa?
E cosa diavolo ne può sapere Mauruzio Tonino (giusto per citarne uno) di RS se non le ha mai studiate?  

Per questo le domande sulle rivoluzioni solari possono essere rivolte solo da chi accetta pure le cattive informazioni ed è disposto ed è nelle condizioni di far qualcosa per cambiarle. Tutti gli altri non sono adatti a ricevere questo tipo di consulenza e sono pregati di rivolgersi ad altri astrologi.

Pertanto, se volete indicazioni a proposito delle rivoluzoni solari non dovete andare a chiedere ad astrologi specializzati in altro. Cosa potranno rispondere? I più presuntuosi esprimeranno un gudizio, i più umili si asterranno dal formulare qualsiasi parere.

Se non hanno esperienza e competenza nel campo, cosa potranno consigliare? Per questo il consultante corre il rischio di non capire più nulla e di ritrovarsi a non capire quale strada dovrà scegliere ed eventualmente quale strategia adottare.

Altro consiglio importante: valutate sempre la competenza di un astrologo mettendolo alla prova. Se siete soddisfatti del suo metodo continuate a seguirlo. Se non siete soddisfatti chiedete altrove. Se non vi piace il suo metodo cambiate strada e pensate ad altro. Evitate confronti tra i vari metodi per non scatenare inutili conflitti tra le diverse scuole.

Consiglio per gli astrologi: l'accusa più fondata che ci fanno i nemici dell'astrologia è quella che ogni scuola è in conflitto con le altre. Questo sarà vero sino a quando ognuno sconfinerà nel campo degli altri e non rimarrà rispettosamente a pensare alle proprie competenze. Pertanto il CIDA e tutti i suoi membri si occupino delle loro materie escluse le RSM in cui non sono competenti; i Morpurghiani si occupino solo delle loro materie e non di RSM in cui non sono competenti;  gli astrologi a indirizzo umanistico si occupino di tutte le loro materie tranne che di RSM dove non sono competenti; gli astrologi a indirizzo esoterico si occupino di stelle fisse, parti arabe, lune nere ma non di RSM dove non sono competenti. D'altra parte gli allievi dell AA si occuperanno di RSM ma non di stelle fisse, non di astrologia Morpurghiana, non di astrologia classica, non di astrologia Uraniana, non di astrologia karmica etc. etc. (tranne eccezioni che eventualmente afronteremo un'altra volta)

8 commenti:

Anonimo ha detto...

"Pertanto il CIDA e tutti i suoi membri si occupino delle loro materie escluse le RSM in cui non sono competenti"

Caro Giuseppe, ma lei sa che Ciro Discepolo è uno dei più fedeli iscritti al Cida e che iscritti al Cida sono anche altri seguaci dell'Astrologia Attiva? Il Cida è un'associazione dove sono presenti tutte le correnti per cui dire che i membri del Cida non sono competenti in materia di rsm non è per niente esatto!

Stefano

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Devo correggerti: Discepolo non è affatto uno dei più fedeli iscritti al CIDA ma è un membro fondatore della stessa associazione, da cui si è allontanato poco dopo.

Proprio perché esistono membri dell AA che sono iscritti al CIDA (io stesso sono stato abbonato per molto tempo a sestile e L.A.) ho parlato di eccezioni e che le avrei discusse in un altro articolo.

Ma dato che ne stiamo parlando, ti spiego la questione: se qualcuno del CIDA appartiene pure alla scuola di AA, allora è competente per parlare di RS, perchè studia alla scuola di Discepolo che è il massimo esperto al mondo di tale tecnica astrologica.

Ma generalmente, chi è iscritto al CIDA non appartiene alla scuola di AA e io mi rivolgo a loro.

Anzi, proprio all'interno del CIDA vengono rivolte le maggiori critiche al metodo Discepolo e questo lascia presupporre che non vi siano mebri dell AA al suo interno.

Non possono sapere le regole se non frequentano abitualmente la scuola di AA, ovvio! E se alcuni membri frequentassero la scuola dell AA e fossero contemporaneamente mebri del CIDA, allora gliele spiegherebbero!

Ma so che per il quieto vivere nessuno si permette a correggere gli errori di chi non appartiene alll AA. So per certo che è così ma non chiedermi di fare nomi, giusto per non sollevare inutili polveroni.

Lo stesso discorso vale per tutte le altre associazioni, scuole e organizzazioni.

Morale della favola: che sia CIDA, o qualsiasi altra associazione in cui si criticano le RS senza essere i maggiori esperti al mondo in tale item, non fa differenza: parli solo chi ha voce in capitolo e ognuno badi a quello in cui è più competente.

Anonimo ha detto...

Signor Giuseppe, chieda a Ciro Discepolo: non potrà che confermarle di essere iscritto al Cida ininterrottamente da circa 40 anni.
Era stato pubblicato anche sul sito del Cida non tanto tempo fa, l'elenco dei soci da più tempo e c'era proprio Discepolo. Glielo chieda!

Stefano

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Caro Stefano, se uno è socio fondatore risulterà iscritto penso, anche senza bisogno di versare la quota annuale necessaria. Forse non sai che non esiste più alcun rapporto tra Discepolo e il CIDA tranne nelle volte in cui è stato costretto a replicare ad offese. Vuoi che io non conosca i fatti? Ti sembra plausibile? Informati meglio. Leggerai prossimamente un libro autobuiografico in cui Discepolo spiega tutta la vicenda e chiarirà le idee un po' a tutti quanti.

Chiarito il punto, mi sembra inutile soffermarsi ancora su questa cosa.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Inoltre, se è stato uno dei fondatori del CIDA non può essere iscritto! Non è un iscirtto ma un ex socio fondatore. Rimarrà sempre uno dei fondatori! Se fondi qualcosa e poi la cedi a un altro, tu non avrai più nulla a che vedere con questo, ma sarai pur sempre il fondatore no? Non penso sia difficile da comprendere. In ogni caso, scusami l'errore di battitura del commento precedente.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

ovvio che il suo nome comparirà sempre! Se è uno dei fondatori è ovvio che comparirà alla voce FONDATORI. Non ha senso davvero tutta questa discussione e mi sembra assurda davvero... Mah!

Anonimo ha detto...

Mi scusi se insisto, signor Giuseppe, ma Ciro Discepolo paga regolarmente ogni anno la sua quota di iscrizione al Cida. Può controllare lei stesso, chieda alla delegata della Campania, alla segreteria del cida o a Discepolo stesso. Non c'è niente di male in questo. Linguaggio Astrale è una bella rivista e non ce ne sono più altre. Anche io la ricevo. Che cosa c'è di sbagliato?

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Ciao Stefano, nessun problema figurati :)
Sì, non c'è nulla di sbagliato in L. A. e Sestile. Io amo tutta l'astrologia e mi piace documentarmi su tutti i lavori degli altri colleghi anche se talvolta non li condivido. Assolutamente nulla di male. Per quale motivo dovrebbe esserci qualcosa di male? L'unica cosa sbagliata è intromettersi nel lavoro degli altri e questo spessissimo accade dappertutto, non solo tra i membri del CIDA.

parlo del CIDA perché lì leggo le cose più eclatanti in merito.

Siccome insisti a dire che Discepolo paga regolarmente la quota d'iscrizione al CIDA, allora glielo chiederò.