DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

lunedì 29 aprile 2013

Incontri & scontri

Ecco una foto "malriuscita" con la cantante Chiara Galiazzo nel bel mezzo di una passeggiata "Milanese". 
Esclama: "questa è una delle tante cose strane che mi sono accadute nella mia vita" in risposta al mio biglietto da visita da astrologo. 

Peccato per la pioggia continua che mette davvero cattivo umore: fortuna che stamane mi sono svegliato in autobus col sole che si rifletteva sul mare della mia terra, in un cielo terso e sereno. Perdonatemi, ma è tutta un altra storia...

Veniamo al caso di oggi: 

E' la prima volta, che ti scrivo sul blog, dopo il tuo invito. Lo faccio con estrema gratitudine e piacere perche', nel mio piccolo, mi occupo anch'io qualcosina di astrologia ed il tuo modo di interpretare le nozioni astrologiche lo trovo molto adatto, se posso esprimermi con tale termine. Insomma, a mio vedere sei un talento, a cui si associano vasta cultura sul campo e passione per la materia, il che e' raro a vedersi.
Ora ti pongo la mia domanda, ovvero problema. Ti scrivo in realta' per una questione affettiva. Sono passati oramai anni e non esagero a scriverlo, da quando ho avuto l'ultima relazione seria con un uomo, tra l'altro lui era di parecchi anni piu' grande di me'. In questa relazione, all'inizio, c'era dell'affetto ma la vera scintilla da parte mia non c'e' mai stata. Era una relazione, che col tempo prese una piaga pesante,  tormentata e pericolosa, con tanto di minacce da parte sua, verso la fine della relazione, nel caso io lo lasciassi. La relazione sugui' quasi subito dopo un amore andato a male, in cui ero a pezzi e, come a farlo apposta, mi si presento' questa, che quasi mi distrusse definitivamente. Fu' solo una semi coincidenza del mio percorso di vita, che mi fece per forza allontanare da lui e quasi a rivivere una nuova vita.
Ebbene, recentemente, nello stesso stabile dove lavoro, ho avuto modo di interagire professionalmente con un uomo. In realta' mi ero rassegnata a rimanere il piu' sola possibile, visto le vicende passate e, lo ammetto, sto' anche bene cosi' ma come spesso accade in questi casi, prima o poi qualcuno incrocia il nostro interesse. In realta' i segnali di interesse li ha iniziati a dare lui ed io ho abboccato, senno' non starei qui' a scriverti. Putroppo ho scoperto poco piu' tardi, che ha dei figli e mi chiedo ancora adesso se convive od e' sposato. Insomma, in questi casi, non c'e' verso da parte mia e non mi interessa questo tipo di relazione. Ma questo non e' il problema piu' arduo, perche' ho l'impressione, che vedendolo piu' spesso, mi ''prenda'' troppo la sua presenza. So' solamente, che e' di due anni piu' grande di me'. Dal punto di vista astrologico, pensi che questa relazione possa prendere vita? Ed in caso contrario, vedi qualcos'altro all'orizzonte per me'? Attualmente ho Urano in VII casa delle relazioni e questa posizione non mi convince molto.
Sono nata (ti prego di omettere i miei dati) il (...)
Buona giornata.

Partiamo dal presupposto che Venere si trova spaccata su Saturno e questo la dice lunga sulla tua sfortuna in amore e che sovente accompagna donne che rimangono nubili. Inoltre abbiamo pure il semiquadrato del pianeta dell'amore con Plutone che descrive senza alcuna possibilità di equivoco i rapporti contrassegnati dal "torbido" dalla violenza, nonché da alcuni blocchi sessuali o sentimentali. La 5^ in Aquario e la VII^ in Ariete sai bene non ti aiutano affatto; però possiamo sperare nell'aiuto di due punti fondamentali del tuo tema: la strettissima congiunzione Sole-Giove che ti potrà portare fortunati aiuti insperati, e il sestile tra Sole e Luna che armonizzano la sfera di coppia possono essere una carta da giocare. Nonostante ciò la vedo molto critica. Di regola, la fase lunare in cui sei nata dovrebbe indurti alle unioni per questioni di "principio" e a forzare le situazioni, pure a causa della dissonanza Luna-Netuno che esaspera la sensibilità cancerina in sbalzi d'umore che possono accendere la miccia a relazioni poco chiare e che alimenteranno ulteriormente il tuo "caos" interiore e ti spingeranno, all'opposto a compensazioni verginee di struttura, ordine, regola, catalogazione.
Nettuno transita ancora in 5^, mentre Urano in VII^. Sicuramente nulla di tranquillo e stabile almeno fino a quando Nettuno sarà nella casa degli amori.
Se erigo la RS 2013 per Milano (non so dove vivi adesso) ottengo Giove in 5^ casa che mi piace molto; ma non penso potrà esserti tanto utile per un storia a lungo termine, anche perché ripeto, i transiti non sono ancora al top.
In ogni caso, quello che sta per venire è un anno molto positivo sotto diversi aspetti, tra cui quello lavorativo. Plutone transitante in trigono alla Luna può migliorare il tuo equilibrio e indirettamente testimoniare l'inizio di una relazione. Naturalmente tutto ciò dopo il tuo compleanno.

2 commenti:

marcelloviv ha detto...

Ciao Al Rami, ti disturbo per sottoporti un quesito di tipo, per così dire, “metodologico”.
Premetto che nell’analisi di una Rs mi attengo alle 30 regole del Maestro Discepolo. Quindi parto dalla posizione dell’Asc. di rivoluzione rispetto al tema Rdx, poi passo a quella di eventuali stellium o del Sole nelle case di rivoluzione, alla posizione di Marte e degli altri malefici, ecc., sino a giungere allo studio dei pianeti benefici quali Giove (salvo l’effetto bistabile) e Venere.
Ciò posto ed arrivando al dunque, se il consultate dovesse chiedere non "semplicemente" un’analisi della Rs ma qualcosa di specifico per l’anno a venire relativamente, ad esempio, alla situazione sentimentale o alla salute, al lavoro, ecc. da dove partire? dall’esame della posizioni di Venere per l’amore ad es. o conviene sempre partire dal primo punto della scaletta di Discepolo? personalmente segue sempre il canovaccio tracciato dal Maestro, anche perché un anno con un Asc. di rivoluzione in 1° Rdx, un Sole in 6° di rivoluzione e, per esagerare, uno stellium in 12° non può far presagire nulla di buono neanche dal fronte dell’amore o del lavoro, ecc. anche se avessimo, ad es. una Venere in 5° (amore) o un Giove in 10° (progressi professionali).
Tu cosa ne pensi? come ti comporti?
Grazie per l’attenzione e, se il tema può essere di un qualche interesse, per l’eventuale risposta. Saluti affettuosi da un “discepollo”.

Kronos ha detto...

Provo a vedere la situazione da una prospettiva differente. Saturno cristalizza le situazioni. Trattasi di un solitario in primis per scelta, senza dover per forza scomodare le colpe degli altri. Spesso l'amore e' di fronte a noi ma siamo selettivi o cio', che ci viene servito sul piatto d'argento, non ci intriga abbastanza. Scendiamo negli abissi dei rapporti difficili perche' inconsciamente abbiamo bisogno di sfidare le nostre forze arrivando agli estremi della resistenza. O, ancora, prestiamo interesse verso qualcuno, sapendo gia' a priori, che cio' non avra' seguito perche' in amore abbiamo l'impressione di poter rischiare quasi la nostra pelle e cio' ci fa comodo. Forse qui' potrebbe centrare il semiquadrato con Plutone in I casa, che hai citato. Nella sfera amicizia, parlando di 11.casa, possiedo comunque persone piuttosto valide.
Sintetizzando il discorso, mi chiedo se con tale posizione natale si e' portati a pensare, che sia meglio un uovo oggi, che una gallina domani? O tutto o, meglio nulla, insomma.