DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

mercoledì 7 agosto 2013

Un amore... che è un caos

 
Egregio Signor Galeota,
sono (...), spero mi possa rispondere perchè sono curiosa di sapere come andra' questa situazione: io sono nata (...)separata.
Lui N., nato il (...) non so il suo stato civile, quindi meglio tenere anonima e senza riferimenti e-mail (GRAZIE)
E' tornato dal passato nel senso che ci siamo conosciuti circa 3 anni fa, x suo lavoro, fa medico, sta ancora studiando, non c'e' stato nulla di sentimentale ne' amicale... ora secondo Lei cosa ci puo' essere?
 GRAZIE, spero di cuore Lei possa dirmi se avro' un po' di "leggerezza"...

Attendo con ansia e gratitudine.

Partiamo da una serie di presupposti: 
1) Senza orario di nascita di uno o di entrambi i soggetti non è possibile vedere alcunché del rapporto.
2) Non si può stabilire se tra due persone nascerà mai l'amore: prova a leggere il mio libro sulle relazioni di coppia e troverai un sacco di risposte circa queste tematiche. 
3) Tentare di rispondere alla tua domanda equivale a tirare una monetina per vedere se uscirà testa o croce; cioè significa tentare di indovinare. Ma questa è una domanda che puoi fare a un mago e io non lo sono.

Ma vediamo però che cosa puoi aspettarti:
Prima di tutto con la tua Venere in 12^ casa sei predisposta agli amori impossibili. Ricordo il caso di una ragazza che con la stessa posizione astrologica mi ha rivelato di essere innamorata di un uomo da oltre quattro anni, e di non riuscire a pensare a nessun altro. Lui non la vuole, ma lei non si rassegna e non riesce a capire che spreca il suo tempo inutilmente, dietro a uno che non la merita e che sopratutto non la ama. Invece Venere in 12^ casa vuole il sacrificio e lei aspetta e spera. Forse aspetterà per sempre, chissà. Esiste un modo per venir fuori da tutta questa tendenza al sacrificio in amore? Sì cara amica lettrice! La soluzione sta in diverse strategie astrologiche; oltre che in qualsiasi altra soluzione che puoi apprendere utilizzando qualsiasi altro sapere e conoscenza. L'importante, prima di tutto, è conoscere se stessi.
Ora, non importa se Venere in 12^ casa riceve trigoni bellissimi. La 12^ è quella dei sacrifici e quindi ne avrai sia con aspetti positivi che negati. La regola è valida sempre. 

Da questo anno astrologico non aspettarti grandi cose positive in amore: Nettuno in 5^ casa di rivoluzione si affianca altransito di Giove nella 5^ radix. Io penso che qualcosa di interessante possa accadere nel corso dell'anno astrologico; ma non penso si possa trattare di qualcosa di duraturo. Non ci sono transiti così importanti da farmi pensare in qualcosa di speciale. Immagino, pertanto, una relazione contrassegnata da caos, paure, ripensamenti, incomprensioni, situazioni ingarbugliate, nascoste, confuse. Di chi si tratta? Bo? Nessuno può dirlo.

Se acquisterai il mio libro potrai leggere alcune interessanti soluzioni per rendere meno dura quella Venere e per potenziare i prosismi transiti, in direzione di un amore più sereno.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Secondo me la domanda se possa aspettarsi qualche cosa di leggero è già in partenza fuori luogo. In amore non esiste nulla di leggero. Certo, ci fa diventare più gioiosi e curiosi, ma solo all'inizio. Perchè va da sè che nel momento che ci interessa qualcuno, ma veramente, cominciano i problemi per capire le intenzioni e le possibili proiezioni future in costruzione di qualche cosa di serio.
Per il leggero, basta uscire e incontrare pinco pallo e sempronio...e non impegnarsi proprio

Paola

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Dipende dal significato che attribuisci alla parola leggero: possiamo intenderlo come un rapporto, sì importante, ma non tale da potersi sviluppare in direzione di un matrimonio o una convinvenza; e non perché mancano i sentimenti, ma perché potrebbero presentarsi molte incompatibilità che, col tempo, posso ridurre l'intensità dei sentimenti.

Anonimo ha detto...

Egregio Signor Galeota,

NON posso esimermi nell'esprimerLe il mio ringraziamento per la risposta che ha dato alla lettrice che ha lasciato commento in relazione alla mia domanda.

Per "leggero",non intendo davvero cio' che ella, ha supposto,ma nella sua risposta sta una buona parte del mio pensiero,e "purtroppo" nella mia vita ....sta l'altra parte di ragioni, delle quali nessuno ,giustamente, è a conoscenza, ma che francamente spero, capiti a pochi.

RingraziandoLa,ancora per la delicatezza che ha avuto nella comprensione del caso senza reputare il termine "leggero" relativo ad una donna di facili costumi(cio' che la lettrice ha probabilmente capito)ho apprezzato molto il suo beneficio del dubbio, che Le confermo è una minima parte di quello che avrei potuto scriverLe per il significato che do al termine "leggerezza"

Grazie