DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

martedì 10 dicembre 2013

Nelson Mandela, Franca Rame, Don Andrea Gallo


Cosa hanno in comune questi tre personaggi?
Hanno in comune la data di nascita.
Selvaggia Lucarelli su facebook scrive: 
"Comunque vorrei far notare che Franca Rame, Don Gallo e Mandela erano nati tutti il 18 luglio. Fossi un astrologo, ci farei un trattato".

Colgo l'occasione per parlarne, giacché mi sento chiamato in causa visto che sono un astrologo. 

In astrologia, quella seria, si afferma che non è sufficiente nascere nello stesso giorno e nello stesso mese di un'altra persona, per poter affermare che c'è qualcosa in più in comune oltre al segno zodiacale. 
Ogni essere umano è unico e irripetibile perché è condizionato dall'ambiente, dalla scoietà, dal suo patrimonio genetico e infine dalle influenze astrali, che non si riducono assolutamente al semplice segno zodiacale, ma che si riferiscono a una moltitudine di elementi legati alle influenze planetarie. In questo modo, il profilo astrologico di un qualsiasi soggetto diviene una miniera di informazioni quasi illimitate.

Dunque, cosa hanno in comune questi tre personaggi oltre al fatto di esser nati nello stesso giorno? Vediamo immediatamente cosa le "stelle" ci suggeriscono, ma in maniera molto sintetica per motivi di spazio e di tempo, cercando di cogliere il nocciolo, l'essenza di ognuno. 
 
Di Mandela ne stanno parlando in continuazione proprio questi giorni perché il leader sudafricano  purtroppo è deceduto pochi giorni fa. Non esiste occasione migliore per parlarne. 


Questo qui sopra è il grafico astrologico di Mandela e possiamo scorgere immediatamente una concentrazione di pianeti sul lato destro del grafico, tipico dei personaggi politici o di chi si occupa del sociale, a partire da Padre Pio a Obama, e chi più ne ha più ne metta. La concentrazione di pianeti in VII^ casa è segno indiscusso del rapporto dialettico tra guerra e pace che caratterizza la vita dei soggetti contrassegnati da tale aspetto. Venere svetta come pianeta dominante, conferendo la benevolenza che in altri casi si sarebbe sviluppata attraverso un forte narcisismo. Se però dovessimo definire con più precisione la tendenza più importante di Mandela, io certamente tirerei in causa la componente 8^ Casa Scorpione, che rappresenta una fortissima spinta interiore nei confronti di tutto ciò che è nascosto, segreto, sotterraneo. La vera natura di Mandela, è legata alle questioni di morte e trasformazione; aveva un carattere tortuoso e complicato e per questo ribelle. Ma se il desiderio è forte è perché qualcosa viene perennemente a mancare: la libertà. Si tratta della componente Sagittario costituita dall'ascendente, che si è manifestata attraverso l'attrazione per il lontano sia in senso geografico e sia in senso metafisico. Sono sicuro, e forse in qualche biografia potrebbe venir fuori, che fosse una specie di stregone con una grandissima dose di intuizione o preveggenza. Naturalmente, la componente Cancro Solare, ha esasperato la sensibilità Scorpione già molto forte. 
Questo qui sopra è il grafico astrologico che descrive il 2013 del leader politico. Abbiamo una concentrazione di pianeti in 8^ Casa, come alla nascita. Ecco che gli elementi legati alla Morte emergono proprio in corrispondenza della sua dipartita. Mi fermo qui per non addentrarmi in discorsi troppo tecnici che potrebbero annoiare. Mi occuperò del caso con più attenzione nei prossimi giorni. 

Questo qui sopra invece è il tema di Franca Rame. La concentrazione dei pianeti è sul lato alto del grafico. Mentre Mandela mostra una componente Venere fortissima, l'attrice, morta in questo stesso anno, ha il Sole in posizione fortissima. Rappresenta l'ego, l'orgoglio, il fatto di mostrare se stessi come divi o regine. Posizione abbastanza comune tra gli attori e alcuni personaggi dello spettacolo. Anche alcuni politici dispongono dello stesso aspetto, che ovviamente rappresenta un "io" ipertrofico, il desiderio di stare al centro dell'attenzione. In questo caso la componente Sagittario è fortissima, più importante che nel caso precedente. Una componente Cancro che si sviluppa in territorio sagittariano è il segno indiscusso del candore e dell'ingenuità, del perbenismo e della morale che l'anno spinta alla carriera politica, assieme all'ascendente Bilancia. Interessante notare in Mandela l'accumulo di pianeti in VII^ Casa Bilancina e l'ascendente Bilancia della Rame. Ecco, sebbene in forma diversa e su scale di intensità differenti, abbiamo più o meno gli stessi richiami al desiderio della vita sociale. La differenza sta nel fatto che la Rame usava qualsiasi professione e interesse come prolungamento di se stessa; non aveva un reale desiderio di libertà come quello di Mandela. Ovvio direte voi, se la storia lo racconta. Per questo mi limito a confermare, attraverso la lettura astrologica, il loro destino. Gli uomini mentono, l'astrologia no, come usa affermare il mio maestro. 
Potrà sembrarvi incredibile ma non lo è per me che da anni sono abituato alle analisi e le previsioni astrologiche, ma pure in questo caso, analizzando il grafico dell'anno 2012-13, abbiamo ancora una volta una forte concentrazione di pianeti in 8^ casa, quella che assieme all'11^ riguarda la morte.
Anche in questo caso mi fermo qui nonostante ci sia un mucchio di roba da dire.
Questo qui invece è il tema natale di Don Andrea Gallo, deceduto anche lui quest'anno. Purtroppo non dispongo dell'orario di nascita e non posso dire assolutamente nulla se non una lettura scolastica, le solite cose che si possono dire a proposito del segno del Cancro. Eviterò per non ridurre questo blog a quello di un oroscoparo.

Tirando le somme, abbiamo tre personaggi importanti nati nello stesso giorno e tutti morti nello stesso anno, ma in momenti diversi. Per ognuno di loro ci sono passaggi planetari completamente differenti. Dunque, esiste qualcosa di astrologico che possa spiegare la morte di questi tre personaggi nel 2013? No. Infatti ognuno risponde a stimoli astrologici assolutamente personali e quindi si tratta di una pura e semplice casualità che fa parte delle normali leggi statistiche. Insomma, è possibile che oltre a questi tre personaggi, durante il corso del 2013 possano essere morte altre persone nate nello stesso giorno. Parliamo più semplicemente di "legge dei grandi numeri"; e non è necessario scomodare l'astrologia per spiegare l'accaduto. 

Spero di aver saziato, anche se molto sinteticamente, la curiosità delle persone interessate a questa singolare (apparentemente) coincidenza. 
Un abbraccio a tutti i mie fan e ricordate: "Tide The Wind Horse!" 

1 commento:

Kronos ha detto...

Buon pomeriggio, Giuseppe!
Stavo leggendo con interesse la tua analisi dei tre temi natali. Non e' mia intenzione giudicare qual'ora sia una coincidenza la morte di tutti e tre i personaggi famosi o meno ma mi limito a farti una domanda.
Mi ha incuriosito parecchio la Luna in Scorpione in 12.casa di Mandela e l'associazione con la sua prigionia per ben 27 anni di vita. Una cosa simile, seppur di durata inferiore e sempre per una questione di ribellione al potere, l'ho osservata in un altro personaggio politico con posizione uguale, che pero' e' meno noto. A prescindere dai possibili aspetti di tensione al Luminare notturno (nel caso di Mandela solo un debole quadrato con Saturno in fase di separazione), possiedi per caso qualche dato alla mano riguardo al potenziale nesso tra una Luna scorpionica (quindi, debilitata gia' di suo) in 12.casa e la prigionia?
Leggendo la sua biografia mi ha, inoltre, affascinato la sua rivelazione personale quando fu elletto a Presidente della Repubblica del Sud Africa, di come una poesia della raccolta 'Vita e morte' di Henley (1875), intitolata 'Invictus' o 'Invincibile' fu la causa principale del continuare la sua vita in prigionia.

Grazie
Kronos