DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

lunedì 23 gennaio 2017

Da dove nascono i nomi dei segni zodiacali?


Anticamente la vita sociale era scandita dal ritmo delle stagioni e da certi fenomeni astronomici. Probabilmente persino le feste e le abitudini che si svolgevano durante un certo periodo dell'anno dovevano servire come riferimento per contrassegnare certe costellazioni con un nome specifico. Per esempio, quando comincia a fare caldo, (generalmente in primavera), ancora oggi si procede con la tosatura delle pecore. Quindi è assai probabile che il sorgere o il tramontare di certe costellazioni in un preciso momento dell'anno serviva come riferimento per cominciare a compiere determinate azioni come appunto la tosatura delle pecore. Perciò, probabilmente, gli antichi babilonesi chiamarono quelle stelle con l'appellativo di "Ariete" proprio per ricordarsi che al loro comparire o scomparire in un dato momento dell'anno, si doveva procedere con la pratica della tosatura. Si tratta di supposizioni ovviamente, ma è un principio di indagine. Su questo argomento scriverò molto nel mio prossimo libro dedicato all'archeo-astrologia. Naturalmente, se qualcuno potesse confermare la mia tesi gliene sarai grato.

Sia chiaro che, e lo ribadisco ancora, che i segni zodiacali hanno assunto lo stesso nome delle costellazioni zodiacali ma sono due cose completamente diverse: l'astrologia, sin dal 200 a.C. prende in esame lo zodiaco tropico e non le costellazioni. Da ciò si desume che non fu dato a quella costellazione l'appellativo di "Ariete" perché nascevano soggetti con un carattere equiparabile a quello di un montone; ma questa fu un'associazione che fu effettuata probabilmente dopo il periodo ellenistico: giacché non si vollero abbandonare i nomi delle costellazioni zodiacali, gli antichi usarono gli stessi animali per creare parallelismi con il carattere di chi nasceva in un momento  preciso dell'anno. Perciò possiamo ipotizzare che dapprima i nomi vennero assegnati alle costellazioni zodiacali solo a scopo calendariale (per datare i periodi dell'anno in cui si dovevano svolgere precise operazioni e funzioni sociali). Successivamente gli stessi nomi furono impiegati anche per i segni zodiacali e si cercarono dei parallelismi tra quegli animali e il carattere delle persone che nascevano in quel preciso momento dell'anno a partire dall'equinozio di primavera (punto di inizio dello zodiaco tropico). Così nacque il detto "Forte come un Leone", "Velenoso come uno Scorpione", Testardo come un Toro, "impavido come un Ariete etc. etc.  

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ciao Caro
Buon anno! Scusami se ti disturbo.. purtroppo il 2016 inizio 2017 è stato terribile su ogni lato, amicizie lavoro (che mi ritrovo senza un altra volta).. fino ad arrivare ad attacchi di panico e infelicità. vorrei tanto uscirne. sto pensando ad un ennesimo spostamento.. per quanto riguarda l'amore sono anni ma anni che niente non conosco neppure nessuno. 
Mi dispiace non poterti dare almeno un contributo che farò se le cose si sistemano.
sai su internet tipo astrologia in linea mi da per il 2017 urano in opposizione a tutto. ma sull'amore ho poco da spazzare  nulla, sul lavoro nemmeno, la salute è così così.. tu cosa ne pensi? la mia vita andrà avanti così?
milano 
grazie mille se mi vorrai rispondere sei sempre molto gentile con me.

Delle opposizioni di Urano a tutto il resto del cielo non ci importa un granché perché anche aspetti dissonanti possono portare qualcosa di positivo e viceversa, aspetti armonici possono essere disastrosi. Basta controllare due o tre date importanti della propria vita per rendersi conto di questa realtà che solo i ciechi non sanno osservare, forse. Se il trigono di Urano a Venere radix mi portò la chiusura di una relazione, a te, l'opposizione potrebbe invece portare qualcosa di interessante. Altrimenti cosa potrebbe significare dato che non c'è nulla di concreto? Evidentemente porta qualcosa di nuovo, ma che avrà il sapore della deflagrazione, magari a seguito di una brutta situazione. Per esempio mi viene in mente il caso di un ragazzo che se non avesse avuto un brutto incidente non sarebbe tornato in Italia e non avrebbe conosciuto la sua compagna. Tra l'altro, avere una quinta Casa super affollata indica proprio una vita sentimentale molto ricca. Non mi sorprenderei se nascesse un amore proprio in modo burrascoso e imprevisto, dato che nel TN abbiamo la congiunzione Marte-Mercurio-Urano-Venere-Sole in 5^. Qui abbiamo assoluto dinamismo, non stasi, e nemmeno il nulla. Marte-Plutone in 5^ Casa di rivoluzione e Nettuno in VII Casa di rivoluzione testimoniano lo scenario che ipotizzo: un amore che potrebbe nascere da una situazione burrascosa. In realtà, il transito di opposizione si realizzerà nel 2018 anche appoggiato da Nettuno sulla Luna in X. Perciò io credo che la situazione sentimentale migliore potrebbe concretizzarsi nel 2018. Questo anno in corso non mi sembra drammatico ma Urano in 8^ Casa di rivoluzione potrebbe far presagire angosce legate alla paura di morire. Nettuno è attualmente in trigono all'ascendente e perciò anche questo aspetto potrebbe portare timori e fobie. Infatti, come accennato prima, non possiamo leggere i transiti al positivo o al negativo a seconda dell'aspetto che creano. È anche vero che Nettuno è pure in quadratura a sé stesso e Saturno transita in 6^. Però, ripeto, la RS in corso non è terribile. Intanto aspettiamo il transito di Giove su tutti quei pianeti in 5^ e vediamo se crea l'effetto sorpresa di questo 2017. Se poi Giove in 5^ non porta nulla allora dovremmo aspettare il transito in VII e quindi verso la fine del 2018. 

Nessun commento: