DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

martedì 14 febbraio 2017

Occidentali's Karma: il significato esoterico


(CLICCA QUI PER LEGGERE IL TESTO DELLA CANZONE)
(CLICCA QUI PER IL VIDEO DEL SIGNIFICATO DELLA CANZONE)

Nei miei precedenti articoli non ho fatto mistero del fatto che a me piacesse molto la canzone di Francesco Gabbani anche se non la vedevo una delle possibili vincitrici del festival: mi sembrava poco consona allo spirito sanremese che ci ha abituati a canzoni d'amore. Ma mi sono accorto che invece i tempi sono cambiati e la vittoria, dunque, spetta a chi propone qualcosa di nuovo. Già avevo anticipato (CLICCA QUI) che quella fosse la mia canzone preferita perché incarna il mio stato d'animo quando leggo certi articoli del web. 
Per quanto la gente si sforzi di apparire speciale (c'è persino chi dice di provenire dalle Pleiadi e di aver completato la sequenza di Fibonacci-che tra l'altro è già completa così com'è-) quel che emergerà agli occhi di chi ha un minimo di cervello, è che infondo siamo ancora scimmie, nude, senza pelliccia, ma scimmie. Scimmie nel senso di cialtroni, altrocché evoluti! "L'evoluzione inciampa", si ferma proprio quando c'è chi presume di avere la verità in mano e di sapere tutto. E "comunque vada panta rei", ossia tutto scorre, tutto è normale, la vita continua a scorrere anche se il mondo del web insiste a partorire soggetti che si definiscono esseri di luce connessi alle vibrazioni cosmiche. Ma quando poi gli si chiede di spiegare le cose, si defilano dietro a un "se tu non percepisci la mia energia la colpa è tua che non sei connesso alla matrice del risveglio quantico". 

Oppure ti citano il nome di uno scienziato che ovviamente non hanno mai studiato veramente ma di cui hanno letto qualche articolo, a sua volta interpretato a modo proprio. Il che corrisponde al fatto che queste persone ci credono dei deficienti ignoranti o proprio sono veramente convinti di quel che dicono. E parlano di karma, ego, amore universale. Se poi si pretende un po' di chiarezza, si chiede loro di spiegare le cose, dare dimostrazioni, ecco che sfoderano la loro arma segreta: "non rispondiamo ai troll".  E menomale che hanno questa grande connessione con l'universo! Se l'avessero per davvero credo capirebbero che certe domande meritano una risposta, proprio perché altrimenti si scadrebbe nel ridicolo, nella millanteria. 

Convincersi che non vi è conoscenza se non quella del cuore, è una bella frase poetica; ma non è onesta. Non significa nulla tranne questo: "non so spiegarti niente a parole, ma credo ciecamente in quel che credo perché lo sento dentro, e questa è l'unica verità che conosco". Ma io mi domando: perchemmai la gente dovrebbe credere a quel che sente dentro al proprio animo senza mettersi in discussione, senza appellarsi anche alla forza della ragione e al confronto e senza studiare veramente? Perché queste persone si sono costruite un loro mondo di fantasia dove non ha senso alcuna dimostrazione, dove non ha senso il ragionamento, dove non ha senso il dubbio ma esistono solo certezze. 

Forse proprio perché la gente di oggi non ha più alcuna certezza del proprio futuro, si aggrappa con forza a certe convinzioni dogmatiche. Tanto più c'è caos interno e tanto più certa gente potrebbe sentire la necessità di credere con forza  a una verità assoluta. Ed è un bel inganno della propria mente pensare che possa bastare sentire dentro di sé che una cosa sia vera, per credere che in effetti sia così. È una bella trovata geniale: se la verità non ammette prove oggettive allora non ha senso ragionarci su! Ed ecco che così è possibile credere a qualsiasi cosa, anche al fatto di avere il sangue alieno, o di provenire da Sirio, o di essere elefanti rosa. Si chiama AUTO-REFERENZIALITA'.  

Il cervello inganna! Se mi costruisco una verità in cui convergono idee di pace, amore, salvezza, illuminazione, e cose che si discostano dal sapere convenzionale, nutrirò il mio ego perché ciò mi farà sentire superiore agli altri, mi farà sentire illuminato, sapiente! Ma c'è differenza tra il sentirsi sapienti ed esserlo davvero! Ma siccome questi soggetti dicono di avere la verità dentro sé stessi proclameranno anche di esser sapienti, da soli. E non è forse ego smisurato? Insomma a volte si crede solo a ciò che ci fa stare bene e ci fa sentire importanti. Se qualcuno non ha una laurea, non ha un lavoro, non ha una vita soddisfacente, allora per sentirsi bene con sé stesso dirà che la laurea non serve a nulla e che nei libri ci sono solo bugie, dirà che solo lui si è risvegliato  e che gli altri hanno le fette di salame sugli occhi, dirà di avere la verità in mano, dirà di aver capito tutto dell'universo, dirà che ha capito alla perfezione la fisica anche senza mai aver aperto un libro, dirà che ne sa più dei fisici che nomina, dirà che viene dalle Pleiadi etc. etc. E Gabbani cosa consiglia? "Singing in the rain!" Balliamo sotto la pioggia, lasciamo perdere: gli altri si credono dei maestri, guru? E voi lasciatevi scivolare addosso tutto quanto come la pioggia sulla vostra pelle.

Non  vi è un significato esoterico nella canzone di Gabbani. Il termine esoterico è solo un espediente per far comprendere che oggi come oggi si è sempre alla ricerca di qualcosa di più profondo; e spesso abituati a cercare troppo in profondità si può cadere in un pozzo senza fondo e perdere di vista la verità, quella che sta proprio davanti agli occhi e che non è sempre tutta misticismo zen, connessioni cosmiche, frequenze e salti quantici, inganni della massoneria, cospirazioni. Si scende nel pozzo per poi risalire e rivedere la luce, non per rimanervi giù per sempre! 

Occidentali's Karma è la gente del web e di Facebook: persone che parlano di spiritualità, saggezza, ego, che sanno tutto di tutto ma che non sanno spiegare nulla, che hanno la verità in mano ma lo credono solo loro. Insomma, persone come noi, ma che si sono identificate troppo con il loro interesse per l'ignoto, al punto da perdere totalmente il contatto con la realtà, talmente tanto da giurare e stra giurare che sono gli altri a non aver capito nulla. E allora? Ommmmmmmmmmmmmm!

Non voglio esser frainteso: io credo che la realtà sia molto più complessa di quella che abbiamo dinnanzi agli occhi; ma è sempre meglio rimanere coi piedi ben piantati per terra, è meglio rimanere umili e possibilisti: mai atteggiarsi a maestri di saggezza, mai pretendere di volerne sapere di più di chi studia per davvero. Bisogna sempre essere abbastanza umili da ricordarsi che bisogna avere grandi competenze per poter parlare di certi argomenti, che occorre esser laureati e specializzati se si vuole affermare e capire veramente qualcosa dell'universo, della realtà, di certe energie. Altrimenti si finisce per fare la figuraccia di quegli arroganti che pensano basti leggere qualche articolo qua e la per aver capito tutto... Possono fregare sé stessi, gli altri, ma non chi ha studiato veramente...
 (clicca qui per ascoltare la canzone)

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Sei un'altro chippato da onde scalari a servizio di sua maestà massoneria....100%shitbull

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Mi dispiace per lei, ma penso che massoni e massoneria siano solo un gruppo di esaltati, ignorante su molti punti e non in possesso di tecnologie militari.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Inoltre, quando non si è d'accordo su certi punti, un espediente è proprio quello di dire che l'interlocutore e controllato la massoneria, contiene dei microchip nel proprio cervello, è manipolato, non sa niente. Qui, non esiste più un nemmeno la possibilità di un confronto costruttivo e serio, perché la conversazione è già chiusa dalla convinzione di certe persone come quella di cui sopra, che non ci sia proprio nulla da discutere. Ed è questo l'atteggiamento di chi ha il proprio ego talmente gonfio che sta per scoppiare. Tempo fa, ci si confrontava utilizzando il cervello, oggi invece non si cerca più un confronto costruttivo ma si chiude il mediatamente la questione additando il proprio interlocutore come una persona che hai il cervello bloccato e per cui non si può parlare. E questo naturalmente è molto offensivo. Ma sul web questo si può fare, perché si è coperti dall'anonimato ed è il posto dove sguazzano le persone più ostili, non veramente illuminate.

Anonimo ha detto...

Yes ,approvo

Anonimo ha detto...

Invece io credo che , siccome sono una di quelle scimmie ballerine, non avendo studiato posso rispondere cosi:
Il male e' stato creato dal bene, e' tutto una energia o una sorta di onda che non ha capo ne coda, non esiste vento, cielo ,mare, stelle, e' tutto interconnesso , ma i nostri sensi e le nostre emozioni filtrano il tutto rendendo al cervello cio' che esso emana,ovvero delle divisioni, l essere primo che fu creato, cosidetto ariman, harimann , satan,ecc.. ha creato a sua volta cio che ora conosciamo in forma fisica intrappolando le anime in delle forme e controllando anche le frequenze superiori e inferiori ben sapendo di aver un limite, fisico e temporale, ha gia perso...gli uomini si distinguono in tre categorie, i divini dove il supremo si puo manifestare, i neutri che posson prendere entrambe le vie o rimanere logici e i inumani, questi ultimi son i piu affascinanti, intelligenti, capaci, illuminati , ma fanno il lavoro nero....non hanno connessione ne esperienze, quindi.... vedi un po te insomma se vuoi unirti al social ballo delle scimmie..

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

La prima cosa che le consiglierei di fare è quella di domandarsi: "come mai Gabbani parla proprio di questi internettologi del web che credono di sapere tutto, che parlano di Buddha, che parlano di Karma?" Perché questo è diventato un vero problema di questi tempi moderni! Non è un problema parlare di energie, non è sbagliato parlare di Buddha o del Karma, ma è sbagliato parlarne di questi argomenti credendo di aver individuato la verità.

Nemmeno il più grande scienziato affermerebbe di aver individuato la verità: lui parla sempre di ipotesi e parla sempre di prove e di verifiche. Voi no. Voi siete troppo sicuri di avere la verità in mano. Lei ha parlato di cervello. Ma lei ha mai studiato neuroscienze? No. E allora come fa a parlare di argomenti che non conosce? Perché sicuramente avrà letto qualcosa qua e la sul web e si sarà fatta una sua idea personale. E va bene.

Ma se bastasse fare così allora non ci sarebbe bisogno di prendersi una laurea e di fare un percorso che richiede anni di studi. Ma voi, senza studiare vi permettete di parlare di argomenti che non conoscete, o che conoscete malissimo. Cosa c'è di onesto in tutto ciò? Cosa c'è di serio? Cosa c'è di rispettoso? Niente.

Allora, ognuno può parlare di quel che vuole, ognuno può esprimere la propria idea, ma per essere davvero ONESTI dovreste diventare più UMILI: cioè dovreste imparare che non avete nessuna verità in mano e che le vostre idee sono solo ipotesi, come quelle di qualsiasi altra persona. Niente di più e niente di meno.

Inoltre dovreste imparare anche a mettervi da parte quando si parla di certi argomenti complessi che riguardano la psicologia, le energie, la mente, etc. etc. Cioè, dovreste imparare che di sicuro ci sono migliaia di persone che conoscono le cose centomila volte meglio di come le conoscete voi. Infatti chi studia seriamente conosce meglio le cose, le conosce in maniera più approfondita e si accorge quando gli altri dicono cavolate.


Quindi, per non essere delle scimmie che ballano, potreste provare a formulare le vostre idee usando la parolA: "FORSE", la parola:"IPOTESI", la parola:"NON SO QUASI NULLA MA SECONDO ME POTREBBE ESSERE COSI"; oppure potreste usare la parola: NON HO LA VERITA' IN MANO MA FORSE LE COSE STANNO COSI', oppure potreste dire:"NON SIAMO ESPERTI E FORSE ABBIAMO CAPITO MALE CERTE COSE", oppure:"SE MI SBAGLIO SPERO CHE UN ESPERTO MI CORREGGA". Insomma, umiltà.

fabrizio biasini ha detto...

Bella risposta giuseppe. Ben argomentata. Ma... per quel che vale non mi trovi daccordo su una cosa. La Conoscienza non si trova nelle universita. Almeno non quelle odierne. Non da oggi purtroppo avere un titolo anche universitario non corrisponde a conoscere o sapere, ma esserti adeguato a un percorso di studi, spesso dogmatico e non scientifico per potersi fregiare ed essere un prodotto vendibile nel mercato della compravendita di "competenze". E tutto cio non ha nulla a che vedere con la Conoscienza. Spero di essere stato chiaro.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Gentile sig. Fabrizio, non possiamo nemmeno pretendere di trovare la conoscenza sul web. In ogni caso posso assicurare che i moderni corsi di laurea tengono conto dei nuovi cambiamenti di paradigma e i cambiamenti in campo epistemologico. Almeno, per quella che è la mia esperienza, l'università mi ha offerto tanta onestà intellettuale. Perciò al momento non vedo posto migliore dove trovare vera conoscenza.

Anonimo ha detto...

Fabrizio, parli di conoscenza e non sai nemmeno come si scrive. Non è una critica ma un suggerimento di come la legge del contrappasso ti sta indicando una strada.

Michael Jackson per la Pace nel Mondo ha detto...

LEGGENDO TRA LE RIGHE...
"...Il termine esoterico è solo un espediente per far comprendere che oggi come oggi si è sempre alla ricerca di qualcosa di più profondo;... e perdere di vista la verità, quella che sta proprio davanti agli occhi ---, connessioni cosmiche, frequenze e salti quantici, INGANNI DELLA MASSONERIA, COSPIRAZIONI..."
per poi risalire e rivedere la luce, non per rimanervi giù per sempre!

http://mjacksonlafintamorte.altervista.org/vero-significato-occidentalis-karma-francesco-gabbani/
...
https://www.facebook.com/Il-Misterioso-Significato-di-OCCIDENTALIs-KARMA-di-Francesco-Gabbani-290472444734296/