DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

sabato 25 marzo 2017

Il test circolare di Al Rami

Ho ideato una lastra da sovrapporre a un grafico astrologico. Si tratta di un sistema per velocizzare la verifica di alcune mie ipotesi. Dopo aver raccolto centinaia e centinaia di date inerenti a fatti importanti accaduti nella vita di tutti i miei consultanti, finalmente posso procedere con le verifiche. Al momento non posso aggiungere altro perché mi piace tenervi sulle spine; ma prossimamente vi farò sapere quali sono i risultati ottenuti. Inoltre spero di pubblicare tutto in un libro, se e solo se otterrò esiti positivi. Il mio intento è quello di scoprire metodi di analisi sempre più efficaci e affidabili. Insomma: credo che ogni astrologo non dovrebbe mai accontentarsi di quel che sa e deve sempre evolversi. 


Quindi posso fare richieste qui?
Il punto è come trasformare la domanda in modo che sia utile, che possa giungere.
Quando ti ho mandato la prima e-mail  della rinascita, stavo piangendo e quindi non ho pensato molto. Ho cercato una maniera di non sparartela subito ma alla fine, senza volerlo, sono rimasta vaga.
In altre richieste che ti hanno fatto, ho letto che gli astri hanno indicato incontri particolari.
Ogni anno faccio questi tre desideri: trovare un compagno, lavorare con la mia arte guadagnando e andarmene via di casa.
Purtroppo temo che per il mio compleanno non riuscirei a trascorrerlo a centinaia di chilometri.
Potrebbe accadere (perché no?) ma cerco di non farmi delle aspettative perché poi starei davvero male.
Anche questi tre miei desideri potrebbero sembrare aspettative. Io li vedo molto come obiettivi.
Mi fanno sperare che ci sarà un futuro per me.
Ci saranno degli incontri per me, delle occasioni indicate dagli astri? Ci saranno delle svolte?
Spero che la richiesta sia chiara. Se così non fosse, ti chiedo di dirmelo.
A volte mi è molto difficile parlare di come mi sento.
Grazie mille.

Il segreto delle persone di successo è avere un piano B, un'alternativa. Perciò, se non dovessero realizzare un loro progetto hanno sempre un piano di riserva su cui concentrarsi. Io per esempio, ho numerosi progetti in mente come per esempio quello di pubblicare un libro di astro-antropologia che risponda a nuovi quesiti e che faccia riflettere anche gli scettici. Ma se non dovessi riuscirci oppure se non dovessi vendere nemmeno una copia, in ogni caso ho altre "cartucce al mio fucile". Perciò, anche se tu non dovessi avere le possibilità di fare quel viaggio di compleanno, io penso che in ogni caso sia giusto fare altri progetti così che se non riesci a realizzare uno, almeno puoi realizzare un altro. Insomma, l'idea di fondo è mettere le mani in pasta un po' ovunque: quando cerchiamo lavoro non inviamo un solo curriculum, ma ne inviamo decine e decine, anche per fare lavori che non sono propriamente quelli che desideriamo davvero. Però, più allarghiamo il nostro campo d'azione e più è facile ottenere qualcosa. 

Relativamente alla questione sentimentale è chiaro che non possiamo aspettare i giusti passaggi planetari. Bisogna agire, fare qualcosa. Ma cosa? 
Un mio vecchio amico cercava l'amore della sua vita, ma era un po' troppo esigente e non è voluto mai scendere a patti con sé stesso. Quando gli è capitata l'occasione ha rifiutato l'incontro e così se ne è "andato" senza aver mai vissuto una storia d'amore in vita sua. 
Io sono dell'idea che chi vuole veramente amore si adatta: sarebbe un po' come svendersi e andare col primo che capita, a prima impressione. Ma io penso che non dobbiamo fare dei moralismi, non dobbiamo guardare la cosa con gli occhi della ragione, ma occorre abbandonarsi ai piaceri della vita. 

Ricordo una mia consultante che non aveva ancora chiuso la sua relazione che già pensava a un altro partner, a ricominciare. Ecco: quello sì che è vero desiderio d'amore. Ovviamente non sto parlando di amore con la A maiuscola. Infatti quest'ultimo potrebbe giungere anche quando non abbiamo alcun tipo di aspettativa: conosciamo una persona, ci piace, ci usciamo. All'inizio non ci dice niente, non ci fa battere il cuore; ma poi, standoci assieme qualcosa può scattare. 

Insomma, quel che consiglio io non è qualcosa di romantico. Non dirò mai di aspettare che arrivi il vero amore e il principe azzurro sul cavallo bianco. No. Io sono molto più concreto e realista: bisogna scendere a patti. Se davvero si vuole amore allora ci piace quasi chiunque, perché quasi chiunque può essere il potenziale amore della nostra vita, a prescindere da quel che ci comunica a primo impatto. La mia idea è quella che bisogna essere più leggeri. Forse sarà la mia venere in 3^ Casa a farmi pensare in questi termini. Insomma, per amare bisogna essere disponibili a donarsi. Questo non ha nulla a che fare con l'essere promiscui. Significa solo essere aperti a più possibilità. Sia inteso che poi massima fedeltà!

Per esempio io consiglio di conoscere più persone contemporaneamente, cercare di costruire qualcosa con ognuno. Poi il primo che "abbocca all'amo" è quello che ha saputo cogliere meglio il tuo desiderio di amore e ha saputo vedere quello che altri non vedono ed è quello che merita che tu ti apra veramente. Insomma, io credo che quasi ogni uomo è un allocco tra le mani di qualsiasi donna se essa è capace di sfoderare le sue armi seduttive. Credo che anche tu sia capace di tirare fuori il tuo lato seduttore che non significa essere una poco di buono, ma significa far subito intendere che puoi donare amore e affetto a chi lo vuole accettare. Non va a segno il tuo intento? Ok: prova con un altro, e con un altro ancora, e con un altro ancora. Fissarti su di una sola persona e aspettare che possa notarti è uno spreco di energie e di tempo prezioso. 

A prescindere da dove trascorrerai il tuo compleanno, comunque sappi che avrai Giove in X Casa che sovente riguarda le nostre crescite ed emancipazioni. L'obiettivo che ti consiglio di inseguire è quello di emanciparti, di allagare i tuoi orizzonti, aprire il tuo cuore per davvero. Se veramente sei alla ricerca dell'amore io credo che non ci sarà nessun ostacolo al mondo che potrà impedirti di realizzare questo desiderio. Un vero desiderio, genuino, è senza sé e senza ma: non vede limiti, né confini, né impedimenti.  Chi ama, ama e non aspetta che l'amore venga dall'esterno. L'amore te lo devi andare a prendere e può nascondersi nei posti davvero più impensabili. 

Fa' notare a chi ti piace che ti piace.  Non c'è nulla di male: dovesse ritrarsi indietro potresti sempre usare il famoso escamotage che quasi ogni donna ha usato almeno una volta nella propria vita: "stavo scherzando" oppure "hai frainteso". In questo modo non ti sentirai ferita nell'orgoglio e il tizio si sentirà un fesso. E potrai mirare le tue frecce verso un'altra direzione. Gemellare ma efficace. Ricordati che voi donne ci tenete in pugno: un sorriso e una carezza può fare miracoli...

28 commenti:

Anonimo ha detto...

Riguarda la teoria dei gradi questo test circolare?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Non so cosa sia la teoria dei gradi né che l' ha elaborata.

Anonimo ha detto...

Dottor Al Rami buonasera, secondo lei per un matrimonio è più importante uno stellium in settima o in ottava casa?
Glielo chiedo perché ho letto in giro che l'ottava casa riguarda di più i rapporti con il partner, mentre la settima può riguardare sia contratti di lavoro o eventuali nemici...
Grazie e buona domenica.

Mauro ha detto...

Io non credo che chi cerca l'amore si debba o possa "adattarsi". Certo poi bisogna vedere che tipo di amore si cerca e quali bisogni si vogliano soddisfare con l'"amore" - parola dietro cui si può celare la ricerca dei bisogni più diversi. Quello dell'adattarsi è un discorso che saggiamente si può applicare ad altri campi della vita, ma molto più difficilmente a quello dell'amore, anche se c'è chi riesce ad adattarsi anche in amore. Se una persona proprio non ci piace e non ne siamo innamorati, non è che possiamo costringerci a farcela piacere a tutti i costi (e a quale prezzo e conseguenze poi?), anche se questa persona fosse follemente innamorata di noi. Poi vabbe', se uno volesse contrarre matrimonio solo perché ricerca una colf a buon mercato che gli lavi e stiri le camicie, allora forse può anche "adattarsi"...

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Gentile signor Mauro, qui nessuno dice che bisogna farsi piacere chiunque, ma dico che chi desidera veramente l'amore gli piace quasi chiunque. Perciò chi è veramente desideroso d'amore ha più probabilità di trovare un partner o una partner punto quindi l'obiettivo da raggiungere e prima di tutto assicurarsi che si desideri per davvero raggiungere la felicità in amore. Perché se ci sono delle resistenze, allora vuol dire che il desiderio di amore e più debole delle resistenze che ci impediscono appunto di realizzare questo desiderio.

Anonimo ha detto...

La teoria secondo cui ogni singolo grado ha un certo significato. Si è occupato di quest'argomento, ad es., Peter Van Wood

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Gentile anonimo, se quando ci sposiamo è messa in evidenza l'ottava casa, e sarà presente l'importante impegno economico che ci sta dietro a ogni matrimonio oppure hai soldi ricevuti dai parenti. Mi ricordo di averlo letto da qualche parte che qualcuno associa la politica alla ottava casa. In realtà questo è un grave errore perché non è la politica in sé per sé ed essere descritte dal ottava casa ma sono i vitalizi conseguenti alla professione di politico ad essere descritti dall'ottavo campo. L'ottava casa riguarda alla fine delle cose, la sessualità e soprattutto le questioni economiche. Perciò quando ci si sposa, i fattori più frequenti sono quelli legati alla settima e alla quinta casa. E ci stanno i fattori di ottava soltanto per descrivere le questioni economiche tipiche di un matrimonio

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ancora una volta chiedo scusa per la grammatica e la punteggiatura ma, ma sono con il registratore vocale del mio telefonino

Anonimo ha detto...

Forse Al Rami intendeva che nella fase iniziale di una conoscenza bisogna essere poco rigidi ed evitare di emettere subito giudizi, ma cercare di conoscere un minimo la persona. Se poi si capisce che non fa per noi pazienza, ma almeno provarci. Credo criticasse l'atteggiamento che potrebbe avere una persona con Venere in vergine.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ah! Si conosco la questione dei gradi e per brevissimobrevissimi tempo ho fatto confronti. Ma non è questo il mio esperimento. È previsionale e non interpretativo.

Anonimo ha detto...

Ok :) attendiamo curiosi!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Esattamente. Il tipo Vergine è molto spesso un prodotto culturale della società. Quindi a prescindere dalla componente astrologica, la nostra cultura ci impone un modello eccessivamente romantico ed esclusivista che rifatto ci impedisce di concentrare la nostra attenzione in maniera più elastica e tollerante punto

Anonimo ha detto...

Concordo. Tra l altro, leggendo i libri di C. Discepolo, lui spesso parla, con riferimento ai transiti che potrebbero testimoniare un innamoramento, come un trigono tra Giove e luna, di un abbassamento delle difese che predispone verso l'altro e quindi all'innamoramento.

Anonimo ha detto...

A me sembra invece che la società attuale stia promuovendo il metodo "usa e getta", dove non c'è romanticismo affatto, ma un "amore" consumistico, ossia della serie "quando mi stanco ti scarico" e se ci rimani male sei un maschilista paternalista; non a caso c'è grandissima crisi nei matrimoni e in generale nei rapporti di coppia, per cui siamo passati da un sistema delle cose in cui ti veniva imposto tutto, ad un altro dove la libertà è eccessiva e la promiscuità si fa spazio inevitabilmente.

Non c'è più il corteggiamento di una volta, ci si scrive nei social, spesso fra persone accoppiate, ci si incontra, si va quasi sempre subito al dunque e dopo si ragiona se si può continuare o meno, con un guardare al presente, non al futuro, zero programmazione, ma vivendo alla giornata, costruendo un legame dove i bisogni da soddisfare devono essere esclusivamente di natura materiale e sessuale, senza legami di cuori per intenderci.

Sgarbi è il prototipo del maschio attuale; usa un linguaggio volgare e aggressivo, la dialettica non gli manca, ma i contenuti pratici, essendo discontinuo e infedele, sono quasi del tutto nulli, attira perchè è imprevedibile e non è mai fermo sulle proprie idee, cambia pensiero ogni santo giorno, non ti promette assolutamente nulla, sentimentalmente è un deserto, ma materialmente è molto generoso, una manna per la donna moderna attuale, la quale non vuole particolari coinvolgimenti e si fa soddisfare tramite il possesso materiale, sapendo che la soddisfazione spirituale è roba inconsistente.

Figli non ne vuole fra le scatole, tanto meno promesse di matrimonio, chi ha dato alla luce una creatura grazie a lui si è beccata del denaro per crescere il figlio e basta, sapendo che il padre non sarebbe mai stato presente. E lui non ha problemi a dirlo, anzi!

Dunque vi è una precarizzazione dell'amore (se possiamo definirlo ancora tale) e inevitabilmente una crescita dell'individualismo, dell'edonismo e dell'autocelebrazione, guai a chi manifesta i suoi difetti, non si scampa, apparire è il motto! E se scopri che la tua ragazza ti ha cornificato, sbagli ad arrabbiarti, devi essere elastico e moderno, ossia come dicono a Napoli bisogna saper portare le corna!

Con questo scritto non sto dicendo che tutti quanti siano così, ma la maggioranza sì! Il concetto si avvicina a chi parla di astrologia evolutiva, karmica e poi magari pianta coltellate sulla schiena di persone a cui dal vivo lecca il deretano. Per farla breve, è facile dire amore, difficile è praticarlo.

A.P.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Giusto e condivisibile al 100%. Ma se allarghiamo l orizzonte notiamo che quest' atteggiamento è sempre figlio di una componente Verginea che spinge alla ricerca del difetto.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sappiamo bene che dalla medesima causa possono giungere atteggiamento opposti, la cosiddetta equifinalità di cui parli in numerosi miei interventi e video.

Anonimo ha detto...

Certamente, il classico caso di cercare il pelo nel pagliaio è una costante della Vergine. Ovviamente ci metto di mezzo anche i maschi nel contesto del decadimento, in quanto per la maggiore guardano soltanto a sè stessi, non sono emotivamente predisposti a diventare genitori, seguono troppo i vizi e poco le virtù, hanno comportamentali superficiali e per lo più banali, facilmente prevedibili, vogliono tutto e subito e tendono al culto del corpo peggio delle donne, spuntando sopracciglia, usando creme e lozioni, depilandosi il corpo e lucidando le labbra con il burro cacao.

A.P.

Anonimo ha detto...

Salve al..
Essendo diventato adulto ho fatto caso che la mia condizione psicofisica,sociale etc è cambiata drasticamente!
Ora sul tn non so dove guardare per avere una visione precisa,ma ho fatto delle ipotesi..
-quarta casa,seconda parte della vita ma non mi convince perché se è vuota guardare solo il segno/governatore mi sembra riduttivo..
-controllare la posizione di Giove,che in contrapposizione a mercurio/giovinezza, riguarderebbe l'età adulta..
Cosa ne pensi?
Ciao!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

La 4^ Casa riguarda la seconda parte della vita e non l'età adulta. Ma possiamo dire che i cambiamenti sociali sono da leggere sempre attraverso la X Casa che è proprio quella che riguarda le nostre crescite. Sì, Giove come significatore della maturità ci può stare.

I cambiamenti importanti della vita sono descritti nel TN e sono databili? Sto cercando di verificarlo. Per il momento sono in forte dubbio.

Anonimo ha detto...

Al un ultima domanda..
Per una persona impegnata sentimentalmente cosa possono dire Plutone in settima e l'accoppiata Marte Saturno ascendente in quinta di RS?
Ps:riguarda la mia donna amata..pure se non posso farci niente un uomo può sempre sperare haha

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sappiamo bene che dalla medesima causa possono giungere atteggiamento opposti, la cosiddetta equifinalità di cui parli in numerosi miei interventi e video.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Giusto e condivisibile al 100%. Ma se allarghiamo l orizzonte notiamo che quest' atteggiamento è sempre figlio di una componente Verginea che spinge alla ricerca del difetto.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ho trovato che l accoppiata Marte-Saturno in una Casa è assai pesante anche in funzione del organo fisico in analogia col settore. La quinta Casa è legata ai genitali e al cuore. (Vedi il caso di Al Bano). Allora è la riduzione dei piaceri conseguenti a dispiaceri affettivi o di altra natura. Per esempio la rinuncia a uscire la sera con gli amici a causa di problemi vari

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ho trovato che l accoppiata Marte-Saturno in una Casa è assai pesante anche in funzione del organo fisico in analogia col settore. La quinta Casa è legata ai genitali e al cuore. (Vedi il caso di Al Bano). Allora è la riduzione dei piaceri conseguenti a dispiaceri affettivi o di altra natura. Per esempio la rinuncia a uscire la sera con gli amici a causa di problemi vari

Anonimo ha detto...

Ciao Al, vorrei chiedere un tuo parere in merito a questi aspetti :

Toro(Venere) Asc Pesci(Nettuno-Giove)

cuspide 6casa Leone
cuspide 8a Scorpione

(Sole 2casa Toro)--- T--(Giove cuspide 7a Vergine)
(Urano 5a Leone)---- Q--(Nettuno 7a Scorpione)
(Plutone 6a Leone)-- Q--(Venere 2a Toro )
(Plutone 6a Leone)-- S--(Nettuno 7a Scorpione)
(Marte 4a Cancro)--- T--(Nettuno 7a Scorpione)

Con tali aspetti vedi un infarto con successiva operazione ?

Q = Quadrato
S = Sestile
T = Trigono
O = Opposizione

Grazie , ciao












Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Valori Leone e scorpione sono tipici, ma bisogna considerare anche i fattori di rischio componente variabile.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Valori Leone e scorpione sono tipici, ma bisogna considerare anche i fattori di rischio componente variabile.

Anonimo ha detto...

Grazie e buona serata