DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

giovedì 13 aprile 2017

Dissonanze cognitive e interpretazione della realtà

Quella qui sotto è una nuova foto della Luna scattata con il mio telescopio avendo a disposizione il supporto per il telefonino. In realtà si tratta della Luna piena ma qui vi è un lato in ombreggiatura a causa del fatto che il puntatore della camera non fosse allineato perfettamente con l'oculare. Alle volte le cose non sono come appaiono, ma sono come ce le immaginiamo nella nostra testa o come le intendiamo a partire dagli elementi a disposizione. Questo è l'argomento del giorno. 


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La mia recensione all'ultima pubblicazione di Ciro Discepolo.
L'idea di un libro di accusa, di un libro che serva a fare il punto della situazione sulla condizione in cui versa oggi l'astrologia, è sicuramente audace ma è onesto. Discepolo ancora una volta armato della sua penna come fosse una spada, questa volta non si risparmia e colpisce duramente. Lo abbiamo visto difendere l’astrologia senza scendere a patti con nessuno, spesso mostrando un atteggiamento assai critico verso alcune altre astrologie, quelle del tutto e del contrario di tutto, per intenderci. Ma questa volta i toni sono molto più severi proprio perché la condizione in cui ci troviamo sta precipitando vertiginosamente: per ogni astrologo serio, che studia con passione e dedizione, ce ne sono mille che si autocertificano tali ma che sono solo buoni a fare gli oroscopi. Discepolo non teme di mandarli al rogo ma non dimentica nemmeno di lodare chi invece si presta a fare anche (o solo) un’astrologia di qualità. Nonostante l’autore non mi cita tra quelli che si sono inchinati al “sistema” producendo oroscopi per TV e giornali, mi sento chiamato in causa e allo stesso tempo non posso che essere d’accordo. Non ci ho mai guadagnato un quattrino, ma ho solo ricevuto pesanti critiche da alcuni “colleghi” nonostante fossi stato sempre onesto nel riferire che l’astrologia seria è un’altra cosa. Pensavo potesse essere una scorciatoia valida per poter divulgare la vera astrologia ma, evidentemente, ero in errore. Tuttavia Discepolo mi cita tra i suoi allievi e colleghi che fanno le cose con estrema onestà; e di questo ne vado fiero. Il libro è articolato in diversi capitoli tra cui, uno a carattere epistemologico tratto da una precedente pubblicazione, ma che ben si sposa con gli argomenti di denuncia contro le nuove astrologie così intrise e farcite di spiritualismi zen e psicologismi alla carlona. 

Secondo la mia opinione, la giustificazione psicologica a monte di questi approcci così distanti dall’astrologia giudiziaria, probabilmente sta in una specie di moralismo puritano che fa inorridire dinnanzi ad affermazioni che definiscano con chiarezza una data situazione. In parole povere, affermazioni che descrivano i fatti con chiarezza ed emettano dei giudizi netti, asserzioni per certi versi “falsificabili”, sono un problema da evitare perché costringono a mettere in discussione il proprio apparato di regole astrologiche. Da lì giunge spesso l’idea che non sia possibile fare previsioni: un autoinganno, un’autodifesa. Quel che invece andrebbe fatto, sempre secondo costoro, è concepire la realtà secondo una prospettiva ideale, a volte religiosa, che dispensi dal formulare giudizi critici. Perciò l’astrologo si trasforma in un narratore che soddisfa il proprio ego: lì dove non arriva la tecnica arriva la propria creatività, con la soddisfazione di aver costruito una bella storia da propinare al consultante. Il tutto, sempre condito dalla presunzione di aver compreso la pratica psicologica. In questa girandola di autoinganni e di presunzioni, ecco che nascono gli oroscopi e le consulenze “acchiappalike” (non lo sapevo, ma questo mio neologismo si sta diffondendo molto in rete). Non che tutti quelli ad approccio psicologico siano destinati a questo triste epilogo; ma quel che si legge in giro è proprio questo. Dunque ben venga la critica dell’autore, che ribadisco, è rivolta solo a certi astrologi, ai ciarlatani per intenderci. Il testo non si risolve solo in critiche, ma espone anche altri argomenti molto interessanti come per esempio l’analisi logica delle circostanze attorno a una data situazione e a un dato fatto, quando si legge una rivoluzione solare, nonché alcune considerazioni sul “metodo”. 

Un altro capitolo è dedicato al grande André Barbault che ha saputo elaborare gli algoritmi utili alla sua astrologia mondiale, lavoro di ricerca che il Discepolo usa come pretesto per demarcare la linea netta tra un’astrologia pratica e concreta, ossia quella giudiziaria, dalle altre astrologie che invece presentano i tratti dell’ambiguità e che sono utili a chi ha un approccio completamente diverso: non quello che cerca risposte a fatti concreti, magari attraverso un’analisi costruttivista e sperimentazioni; ma quello che, invece, ha bisogno di mettere sé stesso, le proprie speculazioni filosofiche e spirituali prima del metodo.
Dottor Giuseppe Galeota "Al Rami".
Ho scritto questa recensione cercando di essere quanto più distaccato possibile, proprio per offrire al lettore uno spaccato che fosse il più corrispondente possibile con quell'opera. Tuttavia vorrei precisare che, nonostante questo apparente distacco emotivo (tra l'altro è tipico del mio Mercurio in Capricorno), non smetterò mai di lodare e stimare Ciro Discepolo che è stato il mio maestro e che continua, tutt'ora, a insegnarmi qualcosa nonostante i miei vent'anni di pratica e i miei studi personali. Al di là di quello che la gente può contestargli, rimane uno dei massimi astrologi al mondo e questo è indiscutibile. Con ciò non voglio sminuire il lavoro di altri professionisti perché ognuno, nel suo grande o piccolo, ha contribuito al mondo dell'astrologia. 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 Riflettevo sulle proprie capacità di elaborare le informazioni provenienti dal mondo esterno. Ci pensavo a fronte di un episodio accadutomi oggi. Sapete che abitualmente chiedo ai miei consultanti una serie di date da inserire nel mio database. Una volta che ne avrò raccolte abbastanza, potrò procedere alla loro analisi per "falsificare" alcune mie ipotesi e certi assunti contemplati dalla manualistica. Proprio oggi una persona mi ha contattato per chiedermi cosa fosse venuto fuori dall'analisi di quelle date e io le ho risposto che al momento non ho controllato nulla perché mi sto occupando di altre cose: sarà un lavoro che potrò sbrigare tra due anni circa. Questa persona ha replicato dicendo che era molto delusa perché si aspettava altro e che per lei io non ero altro che un truffatore. Pensava che quelle date servissero per farle un altra previsione astrologica. Mi sono scusato dicendo che forse non ero stato abbastanza chiaro, ma la sua reazione indubbiamente è stata esagerata. 

Dopo aver letto quali fossero i miei intenti ha assunto un atteggiamento accusatorio sempre più duro concludendo che non solo sarei un ciarlatano, un truffatore, ma che se avesse saputo a cosa mi sarebbero serviti quei dati, non me li avrebbe forniti. Stando alle sue accuse dovevo vergognarmi. E perché mai? Cosa è scattato nella testa di questa persona? Ha forse subìto in passato episodi di violazione della privacy? E per quale motivo allora ha deciso di chiedere un consulto astrologico? Rispetto alle mie intenzioni e ai miei modi, il suo atteggiamento è stato assolutamente fuori luogo, mentre lei, sorda completamente a ogni mia speigazione e chiarimento, aveva già deciso di mettermi alla gogna. E per cosa? Per una sua personalissima elaborazione della realtà e ancor più soggettiva intepretazione dei miei scritti. 
Ecco: la realtà è costruita dentro la propria testa a seconda delle proprie risorse cognitive e a seconda delle proprie esperienze. E un episodio come questo ci dice molto del mondo interno di questa persona. Si parte dal presupposto che non esista altra verità al di fuori della propria e questo impedisce a due persone di comprendersi. Alla base del cambiamento di prospettiva dovrebbe esserci l'umiltà, ossia la capacità di ammettere che il proprio punto di vista potrebbe essere sbagliato, soprattutto se ci viene offerta un'altra chiave di lettura dei fatti. Quindio occorre anche fiducia. 
Queste reazioni sono predittive del mondo interno del soggetto e ci parlano di come essa percepisce e vive alcune (o tutte) le relazioni. Un espisodio del genere non ha nulla da insegnare a questa persona tranne il fatto che darà sempre ragione ad alimentare sospetti nei confronti della gente "come me". Non è la prima volta che sul web le mie gentilezze e le mie richieste siano interpretate per l'opposto di quel che in effetti rappresentano. Ovviamente ciò non significa null'altro che il mondo del web complica la comunicazione anzicché semplificarla; ma questo non è sufficiente a giustificare l'accaduto poiché, abbiamo visto, all'aumentare dei chiarimenti la situazione è peggiorata. Ossia: le proprie premesse guidano gli occhi... Per quella persona sono un ciarlatano, e tale resterò ai suoi occhi: nessuno può cambiare il suo modo di percepire il mondo, le persone, le cose. Cosa fare? Certo non ha molto senso insistere.
 
Anche nella ricerca astrologica, psicologica, scientifica, accade qualcosa di analogo. Lo psicologo che si rispetti, infatti, sa benissimo che il proprio sistema di premesse, credenze, il proprio vissuto interiore può condizionare fortemente la lettura di una determinata situazione, di un contesto, di una patologia. Figuriamoci cosa accade se a fare un lavoro del genere ci sono astrologi a digiuno di queste conoscenze. Ebbene io sono un ciarlatano nella misura in cui lo era Galielo che in più fu costretto ad abiurare. E voi pensate che Galileo non fece sangue amaro pur sapendo di non essere un impostore mentre tutto il mondo glielo gridava?
Sembra chiaro che questo episodio di oggi trova un parallelo con l'argomento degli astrologi ciarlantani discusso più su. La definizione stessa di carlatano, infatti, varia non solo in base alle reali capacità dell'astrologo, ma anche in funzione di come il soggetto legge la realtà. Ma esiste un punto del discorso in cui sia possibile riconoscere una verità oggettiva? Esiste sicuramente una visione critica delle cose, ma pare che molto dipenda sempre dai punti vista. Questo, però, non ci deve condurre a un relativismo sfrenato perché il metodo scientifico ci aiuta proprio a ridurre il più possibile questo rischio.

Questa persona ha davvero bisogno di ricredersi? Oppure il bisogno che si ricreda è solo il mio? Certo è fastidioso sentirsi giudicati, ma la vita è anche questa...

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se possibile vorrei sapere le mie caratteristiche e cosa mi riservano i prossimi mesi dell'anno.
Grazie. M.
È il tipico caso di chi si fa troppe domande. Nell'ambito della psicologia potremmo dire che lei potrebbe sfiorare la diagnosi di dubbio patologico, se ovviamente vi fossero i presupposti. In ogni caso questo tema mostra un soggetto assai analitico che, mosso da una dominante Luna, finisce per non essere veramente critico. Insomma, è un tipo di analisi più asservita a questioni artistiche o estetiche, dove ciò che conta è il buon gusto visto che il Sole è nella Bilancia. Se la 6^ Casa si dovesse esprimere attraverso la necessità di curare il prossimo, allora sarebbe più una cosa legata al mondo estetico (per esempio dentisti che fanno protesi per abbellire il sorriso). Ma in questo caso, non credo che la dominante Luna possa permettere un'attività del genere: infatti credo che la pigrizia possa essere notevole, a maggior ragione se l'ascendente è Toro e non Gemelli. Infatti qui l'ascendente si trova a 29 gradi del Toro e se lei fosse nato anche solo 4 minuti dopo, cambierebbe e il profilo risulterebbe più dinamico, comunicativo. 

L'interesse sociale è fortissimo e forse lì potrebbe esprimersi lo spirito analitico e preciso. Marte in 3^ Casa e in Cancro, Luna dominante in Sagittario, Casa I in Gemelli la rendono un buon scrittore. Ecco: credo che se lei facesse questo mestiere potrebbe farlo in maniera impeccabile. Credo che lei possa guadagnare notevoli cifre ma vi è anche il rischio di perdere del denaro a causa della propria ingenuità. Tuttavia ciò che è perso sarà sempre recuperato grazie a piccoli e grandi colpi di fortuna garantiti da un lavoro originale o praticato in maniera anticonvenzionale. È chiaro l'interesse per i viaggi visto che la Luna è nel Sagittario. 
Durante il corso dell'anno astrologico (cioè dal suo compleanno) ci sono stati inghippi sotto il profilo dei sentimenti; ma con l'ingresso di Saturno in 8^ Casa radix e in 2^ Casa di rivoluzione, mi aspetto un periodo di forti spese. Agosto e Settembre mi sembrano interessanti per migliorare la propria condizione psicofisica grazie al passaggio di Giove sul Sole radix che oltre a offrire miglioramenti sul piano della salute e dell'umore, offre un periodo di maggiore apertura alle possibilità fortunate. Aspettiamo a vediamo cosa accade, anche se non mi aspetto cose eclatanti dato che la rivoluzione solare in corso non è delle migliori. 
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

Buongiorno Dott. Giuseppe Al Rami, le scrivo perché avrei bisogno di un consiglio riguardo a dove trascorrere il mio prossimo compleanno. Per problemi economici non riuscirò a spostarmi di molto dal luogo di nascita quindi le chiedo di potermi aiutare nel trovare la soluzione più consona alla mia situazione tenendo in considerazione dell'aspetto economico. Sono nata il (...) con un margine di incertezza che va dalle 20,45 alle 21 e  Il campo in cui ho bisogno in questo momento di una particolare protezione è la mia salute. Attualmente oltre ad avere problemi di salute che riguardano il mio sistema immunitario, sto facendo delle cure ai denti apparecchio ed inoltre a breve dovrei mettere un  impianto dentale, sono titubante se in base al quadro della mia prossima rivoluzione solare possa rimanere anche nel luogo di nascita avendo un Sole e Marte in 6 casa di rivoluzione  solare e un Ascendente in 12 casa e quindi esorcizzare con l'intervento ( l' impianto) tali pianeti oppure questa situazione potrebbe compromettere non solo la riuscita dell' intervento ma anche il mio stato di salute in  generale con un peggioramento del mio sistema immunitario. Pensavo di trascorre il mio compleanno ad (...) che ne pensa?... 

avrei uno stellium in settima casa e so che è pesante ma in questo momento gli altri settori non mi interessano, ho bisogno di proteggere la mia salute a costo di avere problemi legali, col partner ...oppure esclude questa soluzione e può consigliarmi una destinazione migliore, possibilmente, sempre in (...) o al massimo in Italia perché un viaggio all'estero non posso sostenerlo. Inoltre un' altra cosa che devo dirle è che ho avuto problemi col dentista con cui ho fatto l'apparecchio quindi ho dovuto cambiare dentista e con mio marito abbiamo pensato di far causa al  primo dentista perché mi ha provocato dei danni irreversibili quindi di tenere in considerazione l'aspetto causa legale. Spero possa aiutarmi, la ringrazio anticipatamente.
Prima di tutto la ringrazio per la fiducia. La sua richiesta mi costa molta titubanza nel risponderle perché non vorrei si facesse un'idea sbagliata dell'astrologia. Non vorrei che lei pensasse a questo sistema come alla panacea per guarire tutti i mali. Parliamo di una disciplina che non è una scienza esatta e perciò le chiederei di puntare sull'astrologia ma sempre facendo ricorso ai medici. Quando si tratta di salute conviene sempre ribadirlo. Forse lei già lo sa, ma qualche lettore maligno potrebbe sempre fraintendere, volutamente, o involontariamente, i miei intenti. Un viaggio di compleanno in qualsiasi punto dell'Italia non cambia nulla. Bisognerebbe spostarsi verso la Francia per evitare l'ascendente di rivoluzione in 12^ (anche questo potrebbe penalizzare la salute) e per piazzarlo, invece, nell'11^; ma avremmo poi uno stellium in 8^ che sarebbe come zapparsi sui piedi. 

Allora bisognerebbe cambiare completamente scenario. In più non abbiamo la certezza dell'orario di nascita e perciò non è possibile nemmeno individuare una località che sia valida, senza rischi di sorta. Perciò rimanga a casa se non può permettersi viaggi lunghi, e quel che viene viene: chissà, magari quegli interventi possono esorcizzarele cattive posizioni astrologiche. Anche a lei chiedo la cortesia di inviarmi una decina di date importanti accadute nella sua vita, con giorno mese e anno, affinché io possa inserirli nel mio database statistico. Per me significherebbe ripagare la mia disponibilità. Grazie. 
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 Ciao Giuseppe, è possibile sapere se una mia amica riuscirà ad avere una sua stabilità interiore... e ad avere relazioni stabili? Sta passando il transito di Saturno sul sole ed è in uno stato di depressione.. Grazie.
Ne deduco che sia un Sagittario proprio come me, con la differenza che il transito di Saturno sul mio Sole radix mi ha permesso balzi in avanti nello stato della mia emancipazione, bandando più al sodo e alle cose serie. Pensi che da quando ho abbandonato i vari gruppetti astrologici di facebook, la mia vita è migliorata in maniera esponenziale: mai più un confronto con un collega, mai più diffondere il mio materiale su Facebook, sempre per la solita storia che c'è chi vede il marcio dappertutto, o in me specificamente. Qualcuno oserebbe dire: fatti una domanda e datti una risposta. Un semplice caso di proiezione? Potrei correre il rischio dell'identificazione proiettiva stando a certe cattiverie; e non nel famoso "insight" che ha tutto di positivo. Ma non divaghiamo e lasciamo alle galline e ai galletti l'abuso delle nozioni psicologiche, ossia la saggezza da due soldi. 

Il quadro astrologico di questa persona ci parla di una fortissima componente Sagittario/Ariete che mi fa pensare a impulsività e ingenuità senza precedenti. Parliamo di una sorta di irrequietezza che le impedisce una vita statica, anche in campo sentimentale dato che in aggiunta abbiamo pure una Luna in 5^ Casa che, appunto rende instabili gli affetti erende influenzabili oltre che sensibilissimi agli innamoramenti facili. Insomma, dovrebbe imparare a riflettere di più e a non agire in maniera impetuosa. Ritengo sia una persona senza filtri, assolutamente spontanea, schietta. Una visione incantata del mondo, fantasiosa, poetica, non è certo la condizione ideale per difendersi in questo mondo di squali. E io lo so benissimo visto che condivido con questa donna la stessa fiducia nel mondo, sebbene il mio ascendente Vergine mi riporti sul pianeta Terra. 

Forse la gente percepisce questo suo candore, questa sua ingenuità ed è più facile che qualcuno possa prendersi gioco di lei. Allo stesso tempo potrebbe peccare di presunzione sopravvalutando sé stessa. Indubbiamente è una donna libera, indipendente, può anche essere colta visto che è difficile trovare un Sagittario povero di conoscenza. La congiounzione tra Nettuno e Venere non sempre si manifesta al negativo e perciò potrebbe pure condurre ad amori romantici appaganti. Certo, la componente narcisistica è notevole... Io credo che questo Saturno sul Sole farà del bene perché la costringerà a ridimensionare molto il suo essere così dinamica e scalpitante. Penso che una buona dose di razionalità le permetterà di capire i rapporti di coppia con maggiore equilibrio. Quest'anno astrologico potrebbe nascere un sentimento e credo che potrà cambiare molto della vita sentimentale di questa persona anche per via dell'ingresso di Urano nella sua 5^ Casa. Altrimenti se ne riparla per maggio 2018. 

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao al voglio condividere con te alcune riflessioni che mi portano a porti delle domande..
quanto la casa influenza il pianeta ospitato dal punto di vista psicologico?nei libri si legge che chi ha Venere in scorpione vivrà l'amore in modo contorto e complicato, ma ieri sera mi sono accorto di essere super ingenuo in questo settore..e quindi mi sono domandato se ciò fosse possibile per la presenza di questa Venere nella nona casa..cosa ne pensi?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Possiamo semplificare il discorso dicendo che certe posizioni astrologiche si manifestano all'attivo o al passivo. Perciò tutto va ricondotto al segno solare. Uno Scorpione con Venere in Bilancia è complicato in amore come è complicato in amore qualsiasi Scorpione. Un Sagittario con Venere in Scorpione no. Comanda il segno solare a meno che non vi siano altri elementi a supporto di Venere, come per esempio aspetti a Plutone. A prescindere da quel che si cerca, le relazioni amorose che giungeranno avranno tinte Scorpione: la partner avrà tali attributi, l'aspetto sessuale sarà rilevante, il rapporto potrà produrre trasformazioni. Magari si cerca chiarezza, semplicità, linearità e invece si finisce per trovare il contrario e appunto vivere relazioni complicate e tormentate.