DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

venerdì 23 giugno 2017

Gli astri dell'ipocondria


A mio parere occorre prima di tutto stabilire cosa è l'ipocondria, e lo faremo utilizzando il DSM 5.  Quando parliamo di questo autorevole e prestigioso testo di studio, citiamo l'ultimo aggiornamento esistente al mondo per la diagnosi dei disturbi psicologici e psichiatrici. Quindi non si tratta di un testo obsoleto: è l'ultimo aggiornamento autorevole nel campo della psicologia, della psichiatria e risale al 2015. Attualmente, per formulare una diagnosi, viene impiegato da tutti gli psicologi e psichiatri del mondo. 

Se trattiamo l'ipocondria così come concepito dal DSM 5 che è il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell'American Psychiatric Association, allora alla voce ipocondria troviamo anche la dicitura "ansia di malattia". Alla pagina 365 del suddetto testo, alla descrizione delle caratteristiche diagnostiche vi è scritto che la maggior parte degli individui ipocondriaci è ora classificata come avente il "disturbo da sintomi somatici" e in una minoranza di casi si applica invece la diagnosi di disturbo di ansia di malattia. 

Il disturbo di "ansia da malattia" comporta la preoccupazione di avere o di contrarre una grave malattia non diagnosticata. I sintomi somatici non sono presenti o se presenti sono soltanto di lieve intensità. Una valutazione completa non riesce a identificare una grave condizione medica che possa giustificare le preoccupazioni del paziente.

Mentre la preoccupazione può nascere da un segno o da una sensazione fisica non patologica, il disagio dell'individuo non proviene principalmente dal sintomo in sè, ma piuttosto dalla sua ansia per il senso, il significato e la causa del sintomo. Se sono presenti un segno o un sintomo fisici si tratta spesso di una normale sensazione fisiologica (...).

Oggi l'ipocondria si classifica come un disturbo da "sintomi somatici" e i soggetti tendono ad avere livelli molto elevati di preoccupazione riguardante la malattia. Essi valutano i propri sintomi fisici come ingiustificatamente minacciosi, dannosi o fastidiosi e spesso pensano il peggio riguardo alla propria salute. Anche quando vi sono prove del contrario alcuni pazienti continuano ad aver molta paura circa la gravità dei loro sintomi e nei casi in cui il disturbo sia grave, le preoccupazioni per la salute possono assumere un ruolo centrale nella propria vita, diventando appunto una caratteristica dell'identità del soggetto. Il che andrebbe anche a discapito delle relazioni interpersonali. Gli individui provano tipicamente un' ANGOSCIA (Pesci, 12, Nettuno) che si concentra principalmente sui sintomi somatici e sul loro significato.

Apparentemente potrebbero sembrare ossessioni, ma è esattamente ansia e paura. Non è classificata tra i disturbi ossessivi compulsivi.

È chiaro: la propria sensibilità è concentrata sul proprio corpo e vi è un eccessiva attenzione che spinge a sopravvalutare i segnali (6^ Casa) di questo. Di per sé possiamo ipotizzare una dispercezione, una dilatazione, un'inflazione nell'interpretazione dello stimolo sensoriale; perciò possiamo ipotizzare anche un Giove leso in 6^ Casa: mancanza di senso critico per le questioni di salute. Ma sarebbe plausibile anche una dissonanza tra Marte e Giove, Sole e Giove, nell'asse 6^-12^ Casa. Altrimenti credo plausibili anche casi in cui sia toccato almeno uno dei due punti.
Sappiamo benissimo che nulla è oggettivo sino in fondo, ma esiste una soglia percettiva media comune a tutti quanti e che ci permette di interpretare i segnali provenienti dal corpo (la propriocezione); ma non va dimenticato che l'interpretazione dello stimolo sensorio varia a seconda del significato emotivo che è acquisito con l'esperienza. Il che ci fa intendere che la realtà è fortemente soggettiva.

Non va nemmeno sottovalutato il fatto che, da un punto di vista sistemico, la propriocezione può essere influenzata dalle relazioni che il soggetto vive con le figure a lui vicine; e in termini Piajettiani soprattutto in funzione di un problema avvenuto durante una delle fasi di avvicinamento e allontanamento del bambino dalla madre o dal caregiver. 

Considerando che si tratta di paura e angoscia, non possiamo sottovalutare il peso di un Nettuno dominante, oppure in 12^ o in 6^ e naturalmente lesioni della Luna a Nettuno se coinvolta la 6^ o la 12^ Casa. 

L'immagine di sopra non è stata scelta a caso: si tratta di domare le proprie paure... 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Salve Dott. Galeota,
approfitto di questo consulto gratuito per sapere quando piu' o meno trovero' stabilita' in amore...

Sono nato ad(...)
Grazie!
E.

Rispondere a questa domanda è molto difficile perché come ben sa, io non credo all'esistenza di un destino ineluttabile, di un copione già tutto scritto. Io credo sempre che con l'ingegno, con l'intelligenza, possiamo cambiare le cose a nostro favore. O quantomeno, credo che solo qualcosa sia ineluttabile, come per esempio la morte. 

Per quanto riguarda la sua stabilità in amore, io penso che dipenda sempre, al 50% da noi, dalle nostre capacità di saper riconoscere la partner più affine a noi. Ci vuole non solo senso critico, ma pure una buona dose di capacità strategiche e non trascuriamo il fattore fortuna, nonché un briciolo di determinismo. 

Partiamo dal presuppostoche lei ha la Luna dominante e in congiunzione perfetta al DS. Questo ci parla di due cose: 
1)lei è instabile di suo, perché è mutevole ma spesso sacrifica le emozioni per qualcosa di più pesante (Luna opposta a Saturno, anch'esso dominante in 12^);
2)lei tende a incontrare proprio partner instabili o a vivere la relazione di coppia a cicli alterni, oppure in modo infantile, o è la partner stessa a esserlo perché lei sceglie quella tipologia di donna, consapevolmente o no. 

 Credo che la comprensione di questi due punti può esserle di aiuto per riorganizzare il suo campo percettivo e selezionare le sue compagne con un arma positiva in più. 

Credo che quando Urano in 5^ Casa sarà opposto al Sole, lei potrebbe cambiare in modo radicale il suo modo di vivere l'amore e i sentimenti. Questo transito giungerebbe nel 2020, quindi tra pochi anni. Se al contempo fa una buona rivoluzione solare mirata, il tutto potrebbe essere potenziato per favorire un incontro più stabile. Quindi, approfitti di questi pochi anni per cominciare a fare un lavoro su di sé. 

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Riguardo le malattie mentali di stampo psicologo, possono iniziare a mostrarsi guardando un grafico di rivoluzione solare?
Se per esempio un Marte in sesta casa è opposto a un Urano in dodicesima potrebbe indicare un qualche problema psicofisico?
Vale anche per eventuali altri pianeti su questo asse, dove il fisico e la psiche risultano colpite in qualche modo...
Grazie

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Credo che uno sguardo ai transiti e alle rs possa essere non solo Giusto, ma pure necessario. Sull'insorgenza dei sintomi, però, non ho ancora materiale di studio.

Anonimo ha detto...

Io sono un po' ipocondriaca, ho sole e luna in dodicesima casa, ho un aspetto negativo tra luna e Nettuno e tra sole e Giove

Anonimo ha detto...

Spesso l'ipocondria porta ad un'eccesso di analisi ed accertamenti alla ricerca di malattie in realta' inesistenti. Ma il contrario? Ossia il rifiuto di fare analisi per il rischio di scoprire malattie come si potrebbe definire? Sempre ipocondria ma con componente di fuga rispetto a quella tipica ossessiva? Potrebbe essere nettuniana quest'ultima tendenza?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ogni forma di paura è nettuniana, ma non necessariamente patologica. Aver paura di sottoporsi a esami medici non è una patologia contemplata nel DSM-V. Quindi, forse non esistono casi del genete o non sono sufficientemente gravi da esser catalogati come un disturbo.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Esiste, però, la iatrofobia, che è lapaura dei medici (come chi ha pauradel dentista). In questo caso, parliamo di qualcosa che potrebbe essere invalidante. Se riesco a trovare un caso di soggetto patologicamente impaurito dai dottori posso provare a stabilire quali fattori astrologici potrebbero essere di spicco.

Anonimo ha detto...

Il commento dove si invitava a porre la domanda astrologica a chi gestisce la pagina Facebook indicata e' stato cancellato. Ho posto la domanda e a parte essere stato cancellato il post, in un post successivo la signora e' stata anche offensiva. Siccome io non conosco di persona nessuno dei due mi auguro che l'invito a chiedere a lei non avesse intento diverso da quello astrologico (come sembra aver inteso la signora che si sente stalkerizzata da qualcuno che chiama Al) ... mah. Comincio a non leggere piu' e a non commentare piu' queste pagine se il risultato di un'interazione e' questo.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ho cancellato il messaggio dopo essermi reso conto che potevo esser frainteso e che la mia ironia poteva essere non colta. Ma è troppo tardi e lei è andato per davvero a visitare quella pagina. Mi spiace di averla coinvolta.

Difatti si tratta di una persona molto offensiva e megalomane che, appunto sgrammaticata e priva di sintassi, colta da deliri di onnipotenza, ritiene che tutti siano truffatori compreso il sottoscritto.

Appartiene a quella signora il TN pubblicato giorni fa sul mio blog e nel post intitolato "la guerra nel cervello".

Le rinnovo le mie scuse e la prossima volta cercherò di non fare ironoia. Infatti stamane avevo un brutto presentimento...