DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

sabato 5 agosto 2017

Astrologia e psicologia



Dottor Galeota buonasera, sono L. e vorrei porle una domanda per quanto riguarda la mia vita sentimentale.
Sono una donna ancora sposata nonostante da molti anni che voglio separarmi dal marito (...) circa 4 anni fa ho avuto una relazione e pensavo di essermi innamorata, ma è stata disastrosa mi ha fatto impazzire ne sono uscita con un anno di analisi, psicofarmaci e un intervento (...) Intorno alla pasqua di questo anno 2017 ho conosciuto un gemelli, sono stata molto attratta da lui inizialmente ma non sono riuscita ad andare oltre sessualmente sono scappata mi sono chiusa eppure è un bell'uomo. Mi chiedo forse non era il momento giusto, riusciro' ad innamorarmi di nuovo di qualcuno e a liberarmi sessualmente (considerando che è sempre stato un problema per me) dopo l'esperienza negativa di quattro anni fa'? Riusciro' a liberarmi del mio partner e ad innamorarmi di nuovo? in base all'astrologia è possibile? e quando? Grazie dottor Galeota per una sua risposta. (...)
 
Gentile signora, prima di tutto benvenuta  su questo mio sito e grazie per la fiducia che ripone in me. La prima cosa che mi verrebbe in mente di chiederle, prima di procedere con l'analisi astrologica, è: il suo passato, il suo vissuto, è veramente così grave da spingerla a un blocco totale della sua sessualità? Ne vale la pena rimuginarci su? E inoltre: è veramente così grave concedersi anche con la consapevolezza che tutto potrebbe finire da un momento all'altro? Perderebbe la sua dignità? E chi la giudica? Perderebbe la vita? E chi l'ammazza? Il fatto di non concedersi fisicamente è bastato per farla sentire al sicuro? Non mi sembra visto quel che mi ha raccontato. E allora perché continua a far combaciare il sesso con la sicurezza affettiva? Sono domande provocatorie che vorrei facesse a sé stessa e di cui non mi interessa davvero avere la risposta poiché lei non è né sotto processo, né sotto inquisizione e io non sto qui per dirle se le sue risposte sono giuste o sbagliate. Però sono certo che possono smuovere qualcosa in lei. 
 
Fatta questa premessa, ecco cosa vedo dall'analisi del suo grafico astrologico. Non poteva che esserci un Sole in 8^ Casa: in effetti riguarda la sessualità e che essa ricopre un ruolo assai importante nella propria vita, in bene e in male. Tra l'altro c'è anche Venere nella stessa casa, in aspetto di sesquiquadrato a Plutone, un chiaro segno di frustrazione sessuale/affettiva. Ma ho trovato molti casi in cui questa frustrazione non raggiunge limiti eccessivi e tuttavia può essere gestita bene. Per esempio ci sono soggetti sì insoddisfatti, ma che comunque hanno fatto i conti con i loro limiti. Tra l'altro, la stessa posizione si riscontra anche in casi totalmente opposti: soggetti insoddisfatti del partner perché non riescono a reggere il ritmo o perché non sono molto portati per la sessualità. 
 
Io non vorrei essere "antiscaramantico", ma mi sembra che questo anno astrologico in corso possa esserci qualche variazione nella sua vita sessuale: Urano in 8^, stellium con Plutone in 5^, mi sembrano come minimo un piccolo passo in avanti. Non dico che la sua vita, di punto in bianco cambia; ma sono certo che lei possa innamorarsi ancora e vivere un'altra storia, questa volta con delle novità dal punto di vista sessuale. Certamente mi aspetto ancora angosce, paure, incertezze a causa di Nettuno in VII; ma al diavolo il pessimismo! Giove a mesi transiterà nella sua 5^ Casa e questo potrebbe portarle una buona apertura nei confronti dell'amore e del sesso. Non dico che sarà una situazione definitiva; ma sono certo che si aprirà molto. Molti auguri! 
 
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 Buongiorno sono (...)  nato a (...).
La chiamo per una consulenza gratuita. 
In passato soffrivo in forma molto forte di ansia depressiva con attacchi di panico. Poi avevo trovato un lavoro e mi era passata.
Mi sono anche sposato (in comune) con una ragazza conosciuta in Italia ma russa con una figlia (e come se fosse mia).
Poi per me e ricominciato un periodo nero (non so perché un periodo nero che c'è ancora oggi),  e iniziato con il fatto che al lavoro mi volevano lasciare a casa, poi nel 2015 al lavoro mi sono fatto male ad un piede, e li inizia un casino: mi hanno operato 4 volte ( l ultima e stata due settimane fa), ora non posso muovere il piede per sempre, dovrò presentare la domanda di invalidità,  però mi sono tornate le crisi.
Veniamo ad oggi, mi hanno fatto l ultimo intervento l'11 luglio, mi hanno tolto un pezzo dalla cresta iliaca e me lo hanno messo nel piede, facendomi un artrodresi e bloccandomi articolazione.
Ora dopo averti fatto la spiegazione ti chiedo, le mie sono solo crisi? perché a volte ma ora spesso mi manca il fiato, ogni dolore penso sia infarto e vivo con la paura (vorrei la verità  senza alcun remore per favore), poi riusciremo a sposarci in chiesa? e poi noi voremmo  avere figli, riusciremo?
E poi dimmi ciò che vedi per favore. (...)
Ti ringrazio in anticipo e ti porgo distinti saluti.
 
Caro lettore, benvenuto anche a te. Sa cosa succede quando abbiamo paura di qualcosa? Che la evitiamo e quando non possiamo evitarla, allora ci affidiamo al sostegno di qualcuno. E così non facciamo altro che alimentare sempre di più la paura: dimostriamo a noi stessi che non siamo capaci di avere il controllo delle cose, e ingigantiamo sempre di più il problema. Però, la cosa "divertente" è che lo stesso problema, lo stesso e identico, ognuno lo vede in maniera diversa. C'è chi lo vede come uno stimolo per superarsi, chi invece lo vede come una montagna insormontabile. Lei mi dirà: ognuno è fatto in modo diverso. Sì e no. Se noi fossimo in un modo e non potessimo cambiare, allora a cosa servirebbe lo psicologo? Quindi, la prima convinzione da scardinare è che noi siamo fatti in un certo modo e lo saremo per sempre. Ma lei è lo stesso di 30 anni fa? Non  credo. E pensa che sarà ancora uguale per i prossimi anni? E chi le da tutta questa certezza? Lei ha smesso forse di imparare? Esiste forse qualcuno che smette di imparare? C'è chi non vuole imparare. Ma noi siamo naturalmente portati a mutare. Le dirò una cosa: anche io ho sofferto di crisi di panico. Mi è successo. Ma non solo: per anni e anni sono stato malissimo, tristissimo, depresso. Quindi, prima ancora di essere un astrologo, io sono una persona che la capisce benissimo. Allora io le chiedo: mettiamo il caso che nella sua vita a un certo punto le vengano a mancare alcune certezze, alcune sicurezze, cosa succederebbe? Fino ad ora è morto qualcuno? Vuole un consiglio? Per tutto il mese, tutti i giorni, veramente tutti i giorni senza eccezioni, si concentri sul suo corpo. Lo studi per bene e analizzi tutto: il suo cuore batte bene? E il respiro com'è? E i dolori alle gambe? E il piede? E la testa? E la schiena? Dedichi almeno una ventina di minuti al giorno per fare questa analisi millimetrica e microscopica dei suoi problemi. In pratica deve farsi un check-up completo. Se durante il giorno sente qualcosa che non va, la metta un secondo da parte per tornarci poi con calma quando dovrà fare l'analisi di tutto il resto. Scelga un momento del giorno in cui nessuno la disturba e può preoccuparsi in santa pace dei suoi problemi. Se vuole si lamenti ad alta voce, si preoccupi liberamente di tutto quel che le va, ma dovrà farlo solo ed esclusivamente in un momento preciso del giorno (per esempio alle 15.00 di ogni pomeriggio, per venti minuti) e per tutti i giorni. Può anche scegliere di farlo in due momenti della giornata: per esempio al mattino e alla sera. L'importante è che si concentri su tutti i suoi problemi. Mi ricontatti poi tra un mese. Forse lei mi dirà che sono un pazzo se le consiglio una cosa del genere. Ebbene, io potrei dirle che lei è pazzo se chiede consiglio a un astrologo. Voglio dire: se ha fiducia nell'astrologia, che è una cosa un po' bizzarra, allora provi ad averne anche verso quel che le chiedo: tentar non nuoce. Allora, venendo alla questione astrologica, lei ha la Luna dissonante a Nettuno e quest'ultimo è in 12^ Casa. Ebbene, si tratta proprio dell'aspetto astrologico tipico delle persone che in un certo periodo della vita diventano nevrotiche. Poi la cosa può passare. Il dispositore della 6^ Casa in Gemelli (Mercurio), si trova in 9^ e questo mi parla di problemi di salute legati alla deambulazione. Io penso che le sue problematiche di salute siano prevalentemente a carattere di mobilità e poi di tipo psicosomatico. Dovrebbe solo smettere di fumare, se può. Se non fuma, tanto meglio. Vorrei rassicurarla: ora Nettuno sta transitando proprio in opposizione alla Luna radix e questo aspetto dura parecchi mesi: riguarda le paure, le angosce, gli stati di tensione, le fobie. Non riguarda qualcosa di peggio. Non trovo altri cambiamenti importanti nella sua vita, almeno per questo periodo di due anni. Per il futuro poi dovremmo controllare. Il Matrimonio le consiglio di ritardarlo il più possibile. Per i figli non credo credo potrebbe succedere tra due o tre anni. Ma la cosa richiede molta più attenzione e qui, purtroppo posso dedicare solo pochissimo tempo.
 

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao al..mi arrendo definitivamente all'evidenza dei segni compensati..
Il segno dove noto maggiormente ciò è il toro..all'inizio pensavo che avesse caratteristiche comuni allo scorpione perché essendo suo opposto ne fosse immagine speculare..ma sbagliavo..
Infatti trovò una differenza abissale tra un sole in toro e una Venere nel segno..poi magari esisteranno casi puri ma è uno dei segni che vedo maggiormente compensati..che ne pensi di queste osservazioni?ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao Al Rami, domanda non astrologica ma gliela faccio solo per sapere il suo parere da psicologo:
Perché d'estate la gente diventa tutta più rincoglionita e alcuni di loro impazziscono?
Come può il caldo influire così tanto nella psiche umana?
Grazie

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Per l'anonimo delle 20.33 (per piacere firmatevi perché altrimenti, anche con una semplice iniziale: faccio fatica a capire se chi mi scrive è la stessa persona o no). Sarà un caso, o non so, ma sono due giorni che sto lavorando a un caso in cui parlo del Toro compensato. Si tratta di un articolo lungo una decina di pagine word che spero di pubblicare sul prossimo numero di L.A. per la stagione autunnale. Si può essere Toro compensati pur amando come un Toro classico. Sì, è solo il segno solare a compensarsi. Trovo sensata la sua affermazione e confermo che il più facile da veder compensato è il Toro, ma al secondo posto dopo la Bilancia.

Per l'anonimo delle 20.35 (che non so se sia lo stesso delle 20.33 ma presumo di no). A dire il vero non è solo il caldo a produrre grossi cambiamenti nella psiche, ma è persino il buio. Per esempio i suicidi sono a livelli altissimi nelle zone della Terra dove le ore di luce sono inferiori a quelle di buio. La ragione è semplice: l'organismo umano è fatto in maniera tale da adattarsi all'ambiente. L'adattamento comporta dei cambiamenti a livello neurofisiologico, endocrino. Questo significa che il cervello produce ormoni di un certo tipo a seconda delle condizioni dell'ambiente, con lo scopo di mantenere l'omeostasi, ossia un equilibrio neurofunzionale. In soldoni, se per esempio fa troppo freddo il cervello comunica al corpo, tramite appositi neurotrasmettitori, di tremare per innalzare la temperatura del corpo. Ora, il corpo umano non è "costruito" per andattarsi in condizioni estreme e a sbalzi repentini. Esiste una soglia entro la quale l'essere umano muore o reagisce per evitare il maggior numero di danni possibile. Per esempio, al gelo estremo, il sangue defluisce dalle terminazioni cirporee per concentrarsi prevalentemente in difesa degli organi vitali. Ecco perché le dita di mani e piedi possono andare in cancrena. Dunque si parla di adattamento. Ora, questo è ovvio che si ripercuote anche a livello psicologico. Perciò, al caldo torrido, chi non è abituato a temperature del genere e a esposizioni così prolungate a tale caldo (o freddo) (considerando che ognuno ha una soglia di sopportabilità differente), può reagire in modo estremo. Si tratta di una perdita del controllo lì dove il sistema di adattamento va in tilt, tenendo conto, però, che non si può fare una separazione tra psiche e soma; e che perciò a un cambiamento fisico corrisponderà anche un cambiamentio psichico e viceversa.

Anonimo ha detto...

Nb non ho detto che un toro compensato non può amare come un toro vero..mi riferivo soltanto alla mia esperienza in quanto la mia ex aveva Venere in toro,potevo fare qualsiasi altro esempio di pianeti,e non ha niente in comune con le sfaccettature opposte che può avere il sole..
Ps:cosa può indurre astrologicamente una donna a rifiutare di praticare sesso orale?ciao!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Non la sto capendo. Non ho mai pensato quel che lei dice adesso. Per quanto attiene la sessualità possiamo ipotizzare valori Vergine, Bilancia, Sagittario, Scorpione, ognuno per motivi diversi. Conosci un uomo dello Scorpione, con Sole in 6^ e Venere in Bilancia che è un puritano.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Conosco

Aria ha detto...

Buongiorno :-) chiedo scusa per il quesito fuori contesto ma credo sia un argomento di interesse generale. Sono venuta grazie ad una persona a conoscenza di una regola secondo la quale non si nasce se non con almeno un pianeta congiunto ad una della case cardinali. Guardando una serie di temi effettivamente ho notato che sembrerebbe essere proprio cosi'. Nel mio tema questo non accade e sono abbastanza certa dell'orario che potrebbe avere al massimo uno scarto di qualche minuto (ho provato varie tecniche di rettifica). Quello che volevo chiedere e cosa ne pensa lei di questa regola e se il fatto di essere nati con cesareo possa influenzare questa cosa è spiegare la mancanza di questa congiunzione.

Valentina

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Gentile Valentina benvenuta sul mio blog. Quello che lei ha letto in giro si chiama bufala. Non esiste alcuna ragione al mondo per cui tutti gli esseri umani dovrebbero nascere con un pianeta congiunto a un angolo del proprio quadro astrologico. Forse lei ha interpretato male quello che ha letto perché è una cosa proprio impossibile da realizzarsi. In realtà quello che sappiamo è che chi nasce con un pianeta posto vicino all'ascendente o vicino a un altro angolo del proprio cielo di nascita, ha un astro dominante che spicca più di tutti gli altri. E questo non è né meglio né peggio di chi invece nasce senza pianeti in posizione dominante. A tal proposito le consiglio di cercare su YouTube il mio video didattico in cui spiego come si calcola la dominante.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ricapitolando, ciò che ha letto è falso, è sbagliato. Noi nasciamo con i pianeti posti in qualsiasi posizione e non solo quando i pianeti sono in congiunzione all'ascendente. Chi le ha detto una cosa diversa è sicuramente un buontempone.

Anonimo ha detto...

Perché i commenti vengono pubblicati due volte?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Boh... quando rispondo col telefonino mi fa questo scherzo...

Aria ha detto...

Bene, grazie per la risposta è buona serata :-)

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Devo darti completa ragione sui dubbi dei giorni scorsi..
1 Urano e' controcorrente ma il suo opportunismo fa sembrare di no
2 gli acquario che conosco infantili e lagnosi hanno pianeti in pesci..visto il periodo del anno è pure normale..simpatico notare che ciò avviene anche agli ascendenti visto l'estensione della prima casa nel segno pesci..

Un altra cosa..mi puoi confermare/smentire queste affermazioni?
1 segno solare:base
2 dominante:il segno alla seconda
3sole casa:il segno alla terza
Ciao!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ad essere onesti non ho capito la domanda: che significa "il segno alla seconda, alla terza"?

Anonimo ha detto...

Tipo potenza matematica

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sto maturando l'idea di non fare più una separazione tra segno e Casa. Piuttosto credo che i due fattori debbano essere presi insieme. Questo ci fornisce indicazioni sulla tipologia specifica di segno a cui appartiene il soggetto.
Quindi non direi che vale di più il Sole nelle Case e poi il Sole nel segno; ma che esiste una tipologia di segno che varia a seconda della Casa solare. La dominante è a parte, direi che ha la stessa importanza.