DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

martedì 17 ottobre 2017

Oroscopo di concepimento

OROSCOPO DI CONCEPIMENTO.
DOMANDA: DATO CHE LA VITA COMINCIA AL CONCEPIMENTO, PERCHÈ STENDIAMO UN TEMA DELLA NASCITA?

RISPOSTA: Le energie in gioco, evidentemente non sono le stesse. Al momento del concepimento potremmo ipotizzare un imprinting “animico”, mentre alla nascita vi sarebbe un imprinting “cosmico”. Il primo non so come si legga; ma il secondo si legge con l’astrologia.

L’astrologia è nata per interpretare quel che accade alla nascita.
Quel che accade prima della nascita, non è più competenza dell’astrologia.
Come possiamo verificare che l’imprinting astrologico avviene alla nascita e non al concepimento? Semplicissimo: attraverso la pratica e l’apprendimento della conoscenza astrologica. 

L’astrologia è una disciplina in costante evoluzione e si basa sulle osservazioni. In più di 3500 anni di pratica abbiamo potuto perfezionare il significato dei simboli astrologici e perciò siamo in grado di dire molte più cose su di un dato segno zodiacale o di un pianeta, in relazione a un comportamento o al vissuto del soggetto. Ovviamente c’è ancora molto da scoprire.

Ma se fossimo fuori strada vorrebbe dire che in 3500 anni mai nessuno si è accorto di redigere un quadro astrologico sbagliato di nove mesi. Il che è ovviamente ridicolo perché indicherebbe una non corrispondenza del 100% tra condizioni astrologiche e il vissuto del soggetto. Questo è in totale disaccordo con l’esperienza di tutti gli astrologi del mondo e non spiegherebbe il successo dell’astrologia.

In realtà esiste già un’astrologia del concepimento ed è a supporto di quegli astrologi che non riescono a comprendere appieno il quadro astrologico di un individuo. Ma ovviamente questo non significa che il quadro non sia parlante; poiché letto da un altro astrologo, i dubbi vengono dipanati. 

Questo calcolo del tema astrologico del concepimento si chiama Trutina Ermetis e non viene impiegato per conoscere il “destino” o il carattere del soggetto; ma viene usato per avere informazioni a proposito dell’anima del futuro bebè.

Ovviamente, non potendo essere verificato in concreto, si tratta di un calcolo che si basa sulla mera speculazione mentale; e la sua validità, non potendo essere attestata, rientra nel campo della fede.

Tra l’altro, il calcolo suddetto non si basa sulla verifica vera e propria del momento esatto del concepimento perché questo non coincide con l’atto dell’inseminazione. Uno spermatozoo può fecondare l’ovulo anche molte ore dopo il rapporto sessuale. Quindi non si può calcolare il momento esatto dell’avvenuta fecondazione. Rimane un momento misterioso che evidentemente non ha nulla a che vedere con un imprinting cosmico che invece deve essere palese.

Infatti tutta l’astrologia si basa sul principio della luce solare. Il Sole che sorge all’orizzonte dall’oscurità, il sorgere di una stella, non sono altro che l’allegoria della nascita, il venire appunto alla luce fisica. L’ascendente è ciò che viene fisicamente alla luce. Ogni posizione astrologica viene alla luce. Il punto più importante dell’oroscopo è l’ascendente, il punto che testimonia ciò che viene alla luce fisica, vera e propria.
Nel caso del concepimento non viene alla luce nulla. Non c’è alcuna luce fisica. Perciò il principio che ne sta alla base non è astrologico. L’astrologia si basa sulla radiazione luminosa. La nascita è venire al mondo dall’oscurità alla luce. Il concepimento non ha a che fare con la luce poiché avviene in totale oscurità.

Perciò il concepimento non ha una natura astrologica. Il momento del concepimento è di una natura diversa. Si tratta di un’altra energia antitetica a quella astrologica.
Il concepimento riguarda la trasmissione del codice genetico. La nascita riguarda la trasmissione dell'informazione astrologica.

In astrologia si prendono in considerazione anche le condizioni, genetiche, epigenetiche, oltre che cosmiche. La società, la cultura sono elementi che condizionano l'espressione dei geni e l'espressione delle potenze astrologiche.

Il concepimento ha a che fare con la trasmissione genetica e non con la trasmissione di informazioni astrologiche. Quelle astrologiche si verificano solo alla nascita perché l'astrologia si basa sulla radiazione luminosa. Le influenze "animiche" legate al concepimento sono di altra natura perché non riguardano la radiazione luminosa. Riguardano invece l'oscurità. Totalmente un'altra cosa.

6 commenti:

Gianni Detratti ha detto...

Scusa Giuseppe, credo che del tuo ragionamento, mi sfugga qualcosa. Se uno nasce di notte, al buio di una grotta, non viene alla luce, e quindi non possiamo redigerne il tema natale? il fatto che noi non conosciamo l'attimo del concepimento, non vuol dire che non esista il tema natale del concepimento, solo perchè non lo conosciamo...che sia inutile specularci sopra, visto che non conosciamo l'attimo, siamo quasi daccordo, però io non cestinerei l'argomento, perchè potrebbe dirci cosa accade in quei nove mesi...aborti, nascite premature...non sono un sostenitore del tema del concepiomento, e non voglio neppure occuparmene, ma penso che i giovani astrologi non dovrebbero evitare gli argomenti scomodi, per paura di destabilizzare le loro certezze.
Un caro saluto
gianni

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Nascere sotto un cielo senza luna significa essere illuminati dalle stelle. Non esiste una nascita che avvenga nell'oscurità più totale ed esiste sempre anche una flebile luce affinché possa compiersi il parto. Non essere a conoscenza dell'avvenuto ricevimento è una critica non ha la teoria del concepimento Ma all'astrologia che si basa sulla teoria del concepimento che è stata costruita senza tener conto di questo fattore importante. Per il resto non mi sento un giovane astrologo ma nemmeno uno vecchio punto però in questi 20 anni di pratica ho affrontato a lungo questo tema e mi sono fatto questa idea che sicuramente non è superficiale

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Scusa per la grammatica ma sono con il registratore vocale. Ho scritto che non essere a conoscenza dell'orario del avvenuto concepimento è una critica all'astrologia del concepimento. Per il resto ti rimando alla sperimentazione dell'astrologia del concepimento per renderti conto che non funziona. Perciò tutto quel che si potrebbe dire in aggiunta di questo è solo filosofia.

Gianni Detratti ha detto...

Caro Giuseppe, qualsiasi evento terreno è oroscopizzabile, anche quelli che avvengono in assenza di luce. Io ovviamente parlavo di una grotta sotterranea, dove non arriva nemmeno una flebile luce. Ma per te arriva, va bene.In campo scientifico, ogni tanto, viene demolito un dogma, che prima era stato avvallato da studi e ricerche varie. Finchè le osservazioni di fatti, non saranno certificate da qualche pubblicazione su riviste scientifiche, come Nature o Science, dovremo fidarci dell'autoreferenzialità degli astrologi.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

In realtà ci si fida dei fatti. Se l'astrologia funziona bene non vedo per quale motivo affidarci a calcoli prenatali. O funziona l'uno o l'altro. Un soggetto non può essere Sagittario di nascita è più appartenere al segno prenatale.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Èassolutamente vero che ogni evento è oroscopizzabile, ma noi stendiamo un tema del momento in cui firmiamo una società o in cui è solo in incubazione? L'unico sistema è sperimentare. Poi scriverò meglio e più approfonditamente la questione della radiazione solare