DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

mercoledì 17 gennaio 2018

Astrologia sulla Luna

Caro Al Rami,

Spero tu stia bene e abbia iniziato in maniera piacevole l’anno di rivoluzione nonché quello civile.

Non so se se ne parli molto in Italia, ma negli ambienti scientifico-accademici c’è un certo fermento per i piani della SpaceX dell’imprenditore americano Elon Musk per avviare una colonizzazione della Luna e poi di Marte in questo secolo. Esistono addirittura piani per una colonia sulla Luna di mille persone nel 2040 (praticamente dopodomani) e viaggi su Marte poco dopo. Personalmente sono molto scettico circa questi progetti, ma staremo a vedere (sperando di vivere abbastanza a lungo!).

Mi interessava invece una puntualizzazione sull’astrologia extra-terrestre, che hai affrontato in post del passato. Un residente marziano arriverebbe certamente in un nuovo sistema di riferimento cosmico. Come risulterebbe l’oroscopo di qualcuno nato su Marte? Penso che ci vorrebbero molti anni se non molti secoli per construire un sistema astrologico marziano. La divisione dell’eclittica in dodici segni da 30 gradi ciascuno potrebbe non essere altrettanto valida, o è possibile che visti da Marte i gradi della rivoluzione solare abbiano un significato simbolico diverso. Inoltre, così come la Terra non compare nei nostri temi natali, in quanto punto di riferimento, così i nati su Marte non avrebbero Marte nel tema natale, ma avrebbero invece il pianeta Terra. Sarebbe bello scoprire quali sono le proprietà del nostro pianeta in un’astrologia extraterrestre! Forse ci aiuterebbe a capire meglio la nostra natura. Inoltre, quale potrebbe essere la vita di qualcuno che non ha Marte nel proprio oroscopo? Da terrestre, direi una vita piuttosto pacifica, magari troppo! L’assenza di Marte porterebbe anche a riconsiderare il gioco di domicili e altre proprietà dei segni. Insomma credo che speculare su questi temi sia molto difficile, ci sono molti elementi che m’inducono a pensare che un’astrologia marziana sarebbe alquanto diversa da quella terrestre e costruibile solo con molta pazienza, esperienza, e tempi lunghi. Infine credo che molto di questo rimarrà pura fantasia dato che per il momento andare su altri pianeti e colonizzarli rimane parecchio al di là delle nostre tecnologie e forse del funzionamento stesso dei nostri corpi, che si sono co-evoluti con e nell’ambiente terrestre, plasmato e mantanuto in vita da mille condizioni praticamente non-reproducibili altrove.

Ti auguro una buona giornata,

R.

Bellissima questione. Io partirei da considerazioni di ordine storico: come ha avuto origine l'astrologia? Rispondere a questa domanda significa comprendere se sia possibile un'astrologia extraterrestre. Partiamo dal presupposto che gli antichi studiosi del cielo decisdero di fare una divisione delle costellazioni in 12 parti in funzione dei cicli lunari, 12 per l'appunto: 12 completi e uno incompleto. Inoltre sappiamo bene che l'astrologia si basa sulla diversa inclinazione dei raggi solari che giungono rispetto ai tropici lungo il corso della rivoluzione della Terra attorno al Sole. Ciò significa che gioca un ruolo importante l'inclinazione dell'asse terrestre. Le costellazioni rimangono invece un riferimento solo per l'astrologia Indiana. Inclinazione significa che i raggi del sole sono perpendicolari al tropico del Cancro o del Capricorno (il nome non è casuale) a seconda della stagione e dell'emisfero.

Appurato che l'astrologia è la somma tra il ciclo lunare e l'inclinazione dell'asse terrestre possiamo applicare la stessa logica agli altri pianeti. Marte ha stagioni? Sì, ma durano praticamente il doppio delle nostre. Infatti il periodo di rivoluzione di Marte attorno al Sole è di 2 anni terrestri. Non solo: L'inclinazione dell'asse marziano è maggiore rispetto a quello terrestre e perciò la fascia dell'eclittica (la fascia di spazio attorno a Marte dove si vedono passare i pianeti e il Sole) risulta leggermente più inclinata. Ciò sicuramente avrà peso per la domificazione. Ma veniamo al problema: le Lune di Marte sono due e perciò non ha più senso una divisione dello zodiaco in 12 parti. Il sistema astrologico di riferimento di Marte dovrebbe comprendere due zodiaci, uno per ogni Luna. La logica è semplice: giacché il calendario e lo zodiaco terrestri sono soli-lunari, allora lo zodiaco e il calendario di Marte dovrebbe basarsi sullo stesso principio. 

Ma il ciclo dovrebbe essere soli-bi-lunare, cioè includere nel sistema una terza variabile. Ma la domanda che dobbiamo porci è invece un'altra: risolti tutti i parametri per effettuare i calcoli e costruire uno zodiaco marziano, siamo sicuri che possa funzionare? A questa domanda non saprei rispondere proprio. Il fatto è che mi assale un dubbio: e se il funzionamento dell'astologia dipendesse dalla composizione e dal magnetismo o da altre energie ed elementi che esistono solo sulla Terra? Voglio dire che affinché il "segnale" astrologico sia ricevuto, deve esserci una "radio" che possa captarlo. Siamo sicuri che anche altri pianeti siano fatti in maniera tale da captare e trasdurre i segnali in informazioni astrologiche? O è solo una caratteristica della Terra? O è invece una caratteristica umana a prescindere dal luogo in cui ci si trova? E se fosse un concorso di cause? Vale la pena formulare questi dubbi? Beh, se arriveremo a colonizzare la Luna, prima o poi, in effetti, bisognerà fare i conti con ciò.

Se ci trasferissimo sulla Luna, anche in quel caso lo zodiaco sarebbe diverso. Un giorno Lunare dura 28 giorni terrestri. La rivoluzione della Luna attorno al Sole dura un anno perchè viaggia assieme alla Terra. Dunque avremmo un anno fatto di 12 giorni circa.  Ogni giorno avrebbe la durata di un mese terrestre. Poi esiste l'ipotesi suggerita da un altro astrologo in cui biosogna semplicemente calcolare la nostra posizione nello spazio e proiettarla sulla Terra. Se così fosse e dovessimo per esempio fare una rivoluzione solare mirata, allora non sarebbe più sufficiente migliaia di chilometri, ma bisaognerebbe spostarsi per milioni, visto che ogni proiezione della propria posizione si estende all'infinito da una direzzione e converge in un unico punto se la direzione è il centro della Terra. Allora un abitante della Luna farebbe prima a tornare sulla Terra e poi dovrebbe spostarsi nella direzione terrestre prescelta. Insomma, ora stiamo veramente fantasticando, ma è un ottimo esercizio mentale per cercare di capire un po' come funziona questo nostro "giocattolo" che è l'astrologia.


Cercheranno di lederci in ogni modo. Ma non daremo loro la soddisfazione di vederci tristi. Mai.

38 commenti:

gabriele paganella ha detto...

Davvero interessante l'astrologia extra terrestre. Ci ho pensato anch'io ma non approfondito, essendo sicuramente una questione ancora piuttosto lontana. Utilizzo questo spazio per chiederti una cosa. Mia figlia compie 5 anni il 26 febbraio e si beccherà marte e saturno in prima, ha senso viaggiare anche solo per tenere marte in prima e molto lontano dall'ascendente e spostare saturno in seconda? La bimba è in super salute e sapevo che fino all'età di 15/16 sopportare un marte in prima è fattibile se non ci sono complicazioni varie.

grazie mille

Gabriele

Anonimo ha detto...

Poi noi consideriamo L effetto dei vari pianeti, invece stando su Marte dovremmo smettere di considerare gli effetti di Marte? O introdurre fra i vari pianeti la terra e capire che simbologie produce la terra per un marziano? "quest'anno ho la terra congiunta al MC, na tragedia!!!!" 🤣

Anonimo ha detto...

My brother recommended I would possibly like this
website. He was totally right. This put up actually made my day.
You cann't consider simply how a lot time I had spent for this information! Thank you!

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Da un Po sto pensando ad un fatto della mia vita che mi sta creando problemi e niente..pensavo che con il tuo 'knowledge' di psicologia applicata allastrologia potevi darmi degli spunti..
Allora..ho notato che il 90% dei miei conoscenti hanno una vita molto lineare..cioe da quando li conosco sono rimasti sui loro 'binari' senza uscire mai dal loro percorso..ecco io ho avuto un percorso totalmente diverso infatti ho fatto cose che molti reputano 'troppo diverse'da quello che sembro rappresentare..
Anchio ne sono cosciente e questo mi crea una dualità difficile da gestire in quanto non ho una sola 'persona' quindi quando le 2 che si incrociano mi provocano crisi di identità che sfociano in ansia generalizzata..
La mia idea è che la 'colpa' sia da imputare all' estensione che molte volte hanno le case placidus..per farti capire gli altri ascendente acquario che conosco hanno mc in scorpione,quindi un punto che accomuna le loro vite è il fatto di avere questa posizione..io invece lo ho in sagittario quindi presumibilmente mi provoca una specie di senso di 'straniamento..
In secondo luogo il sole..con 'equal' ho sole in undicesima con la placido è in cuspide con la decima..quindi di nuovo dualità.. cosa ne pensi?giuste osservazioni o solo miscellanea?tue teorie?
Ps spero non storcerai il naso quando parlo di altri sistemi di case..è solo per riferimento geografico io pure uso solo placido da sempre..ciao!!

Anonimo ha detto...

Ciao Giuseppe, ascolta cosa dice Emilio Toscano, ospite di questo programma su RAIDUE;

http://www.tg2.rai.it/dl/tg2/rubriche/PublishingBlock-1692a423-550a-42be-b8ad-8487ba192c3f.html

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Grazie mille per la segnalazione. In realtà io già conoscevo Emilio Toscano perché ne aveva già parlato Ciro Discepolo in diverse occasioni. Mi è piaciuto quando Toscano ha detto che l'astrologia è quasi una scienza sono sorpreso del fatto che sia anche uno psicologo. Mi ha colpito anche il fatto che riferisca di fare statistica e perciò andrò alla ricerca di qualche suo lavoro per darci un'occhiata. A parte ciò ho trovato che abbia parlato davvero troppo poco e che sulle previsioni dal punto di vista dell' astrologia mondiale sia stato un po' impreciso.

alessio tammari ha detto...

Buongiorno sig.Al Rami, volevo sapere, come la vede questa eclissi di Luna al perigeo di mercoledì?Ho saputo(mi corregga se sbaglio)che era dal 1866 che non si verificava un'eclissi totale di Luna al perigeo;ed in particolare il fatto che avverrà' nel segno del leone al perigeo; pare che sia la prima volta da 3-4 secoli a questa parte.Cosa ne pensa?Grazie dell'attenzione.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Gentile Alessio prima di tutto grazie per aver scelto me come astrologo a cui porre le sue domande. le sono molto grato. A essere sincero non sono molto documentato sull'eccezionalità di questa eclissi lunare; anzi, non so nulla e nonho avuto nemmeno tempoper documentarmi. Tuttavia possiamo spendere qualche parola sulle eclissi in generale: esse hanno peso in particolar modo per le questioni di ordine collettivo; ma non ho una grande esperienza in astrologia mondiale. È un ambito di cui ho molto rispetto e non me la sento di fare come molti, che improvvisano spiegazioni catastrofiste o in stile oroscopo. Le eclissi in generale sono considerate funeste per i capi di stato, soprattutto se fanno ilcompleanno durante quel giorno. Nel corso di un mese circa dovrebbe realizzarsi l'evento. Ma non conosco alcuna ricerca astrologica che raccolga i casi di quel che è successo durante un'eclissi. Mesi fa ho pratecipato al festival delle neuroscienze dove incontrai Kortkov, uno scienziato che parlava di alcuni esperimenti in condizioni di eclissi solare. Furono esperimenti che servivano a misurare non ricordo quale tipo di energia calcolata dalle sue strumentazioni. Cali energetici si verificavano subito dopo le eclissi. Quando parliamo di eventi a carattere mondiale, è facile scivolare nell'interpretativismo offerto dallenostre capacità di saper fare analogie. Perciò sarà facilissimo trovare astrologi che mettendo insieme il valore funesto dell'eclissi e i significati del segno in cui accadrà, sapranno dare un responso. Ma questo è solo creatività perché, appunto, bisogna aver raccolto numerosi casi per verificare se in effetti le cose sono andate come si immaginava che dovessero andare. Per cui io non mi fiderei di alcuna descrizione se non fosse fatta da chi ha grandissima esperienza in tale campo. Forse Barbault è l'unico che potrebbe dare una risposta.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Vi chiedo scusa se sono poco presente qui, ma lo sono molto di più sulla mia pagina Facebook. Qui tornerò a scrivere presto, una volta terminati alcuni corsi a cui sono iscritto.

Anonimo ha detto...

Ma non avevi abbandonato Facebook, pubblicando un post molto polemico ufficialmente?

A.P.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Infatti è come dici. La pagina è gestita dalla mia fidanzata e io mi occupo solo di scrivere i post e di realizzare i video che poi la mia fidanzata pubblicherà al posto mio. Prima di cancellare il mio profilo Facebook passai la moderazione della mia pagina alla mia fidanzata. Per cui non ho più un account e la pagina è completamente gestita dalla mia fidanzata. Tramite il suo telefonino certe volte aceto per rispondere ai commenti degli utenti.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

*accedo

alessio tammari ha detto...

Ad esempio l'eclissi di luna totale del 28 settembre 2015 coincise con l',inizio dell'intervento russo in Siria.Una quarantina di giorni dopo si verificarono gli attentati di Parigi.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Molto interessante ma naturalmente una rondine non fa primavera. Se ha altre date Allora possiamo confrontarle con gli eventi accaduti per trarne una prima considerazione. Cosa successe quando la luna eclissi esattamente come lo sarà prossimamente?

alessio tammari ha detto...

L'ultima volta che c'è stata un'eclissi totale al perigeo di luna blu fu il 1866, avvenuta il 31 marzo.In quell'anno si verifico' l'ultima carestia in Europa, che riguardo' la scandinavia, in particolare la Finlandia.Poi ci furono gli ultimi conflitti che portarono all'unità d'Italia.Tuttavia quell'eclissi mi sembra si verifico' in Europa ed Africa; questa prossima del 31 sara' visibile solo da Asia, Pacifico e settori occidentali del nord America.Potrei segnalarle come nell'ultima settimana ci sia stato un'incremento importante dell'attivita vulcanica e tellurica nel Pacifico, con l'eruzione del Mayon nelle Filippine e di un vulcano in Giappone, insieme al sisma di magnitudo 8.2 verificatosi nel golfo di Alaska mercoledì scorso.Potrebbe forse l'eclissi aumentare ulteriormente l'attivita endogena nel Pacifico?

Anonimo ha detto...

Ciao al!perdonami se ti scrivo qua togliendosi tempo da Facebook ma.non ho possibilità di contattarti in altro modo!
Volevo un tuo parere..ho acquistato 'quando siete nati?' di v.w..e dopo aver esaminato sotto l'ottica dei singoli gradi ogni mio pianeta radix e in più tutte le cuspide delle case sono arrivato ad una serie di osservazioni..
▪le descrizioni sono molte volte precisissime tanto da stupirmi..ma ho notato che esse descrivono fatti già presenti nel mio tn..è come se i gradi mettessero degli enormi ! Sulla situazione dettata dalle case,ti faccio alcuni esempi..piu volte si fa riferimento a 'tradimenti da parte di amici' ed io ho già Nettuno in 11..tante volte si riferisce di fatti riguardanti gli occhi ed io ho ascendente pesci e aspetti luna Nettuno.. quindi ho elaborato ipotesi:
1 la situazione celeste riflette quella terrestre come uno specchio..jn Po esoterica ma pur sempre valida
2 proiezioni mie
3 casualità
Cosa ne pensi??
Buona giornata..e scusa ancora per il tempo!!Ciao!!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Che la situazione terrestre rifletta quella celeste è possibile perché da tempo già io parlo di ridondanze, ripetizioni che si presentano in forma diversa all'interno del quadro astrologico come a voler dire di guardare in una specifica direzione e per facilitare la comprensione della propria personalità e del proprio destino. Per quanto attiene la questione dei gradi zodiacali penso che prima di tutto bisogna avere la certezza assoluta del proprio orario di nascita e perciò è azzardato applicare il significato dei gradi alle singole Case astrologiche visto che la loro posizione muta ogni 4 minuti. Io applicherei il significato dei singoli gradi zodiacali esclusivamente alla posizione del sole escludendo gli altri pianeti ed escludendo le Case perché altrimenti si finirebbe per mettere troppa carne sul fuoco. Se Noi aumentiamo i punti da interpretare aumentano le probabilità che per puro caso le cose possano trovare una corrispondenza con i fatti. Questo non aiuta lo studioso di astrologia a scoprire se stesso e non aiuta nemmeno a evolvere il sapere astrologico. Generalmente Io parto dalla convinzione, forse è sbagliata, che qualsiasi item astrologico e approssimativo soprattutto per le questioni relative alle case astrologiche. Anche io Infatti ho studiato il testo di Van Wood e ho trovato delle sorprendenti corrispondenze; ma In altri casi le definizioni non trovavano per nulla corrispondenza con i fatti accaduti ai miei consultanti Ho col loro carattere. Oppure la definizione è così vaga che può essere applicata a molti. Allora ricapitolando io applicherei il significato dei singoli gradi esclusivamente al sole e all'ascendente, ma prima di applicare questo all'ascendente bisogna individuare il significato preciso di tutti e 360 i gradi zodiacali virgola cosa che ancora non esiste. Esistono approssimazioni oppure definizioni molto fantasiose gli autori che non hanno nulla a che fare con la vera e propria ricerca astrologica di tipo empirico. Per esempio escluderei completamente da questo argomento i gradi sabiani perché appunto si riferiscono a un tipo di astrologia di fantasia. Non credo che ci sia qualcuno che abbia certezza assoluta del minuto esatto in cui sia nato. Questo tipo di ricerca si fa attraverso sperimentazioni che durano molto tempo e anche in quel caso individuare proprio il minuto preciso diventa una cosa complicatissima. Per cui è impossibile applicare il significato dei gradi alle case astrologiche e all'ascendente. Io ho provato a fare un esperimento, cioè ho dato per scontato che il significato dei singoli gradi fosse sempre giusto e poi ho visto quei due o tre gradi in più o in meno rispetto a quello che ho ottenuto attraverso le mie ricerche astrologiche per quanto riguarda l'ascendente. Quindi ho cercato di vedere quale Fra Questi gradi forse quello più corrispondente con i fatti della mia vita e con il mio carattere. Però, ripeto che io ho dato per scontato che gradi fossero sempre validi. Purtroppo mi son dovuto ricredere proprio sperimentando su tantissimi casi che il significato del grado solare non sempre corrisponde alla vita del soggetto.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Chiedo scusa per gravissimi errori grammaticali ma sono con il registratore vocale e non ho la pazienza di rileggere prima di pubblicare

Anonimo ha detto...

Dove hai trovato il libro? È da molto che vorrei comprarlo ma non riesco a trovarlo!

Anonimo ha detto...

Ciao al..purtroppo ho un problema alla spina dorsale..secondo astrologia sarebbe dato da valori leone/capricorno..quindi potrei considerare anche sole-saturno?
Domanda nella domanda..devo vedere anche le case che corrispondono a quei segni?A regola funziona col sole..Ma non mi sembra che ad esempio Marte in undicesima porti malattie ematiche..mi sbaglio?Ciao!!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Problemi alla spina dorsale si vincono da forti valori Leone o capricorno. Giusto. Sole dissonante a Saturno potrebbe dare gli stessi problemi? Forse.La X e la 5 casa pure? Si. Marte in 11 ha a che fare con problemi ematici? Forse, perché l'11 ha a che fare con problemi circolatori in generale.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Il libro di Van Wood lo acquistai da un sito che si chiama Maremagnum. Provi con questo o con comprovendolibri

Anonimo ha detto...

Ciao Peppe. Ho visto che stai facendo un corso sulla psicologia criminale e volevo sapere se scriverai un articolo. Mi piace moltissimo quella criminologa che esce sempre in TV ma sarebbe bello unire l'astrologia con la crimonologia. Cosa ne dici?
G.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sì, sto in effetti studiando questo argomento per scrivere un libro astrologico dove parlerò di quel che accade nella mente dei maniaci, degli stalker, dei criminali. È un argomento che come ben sai mi sta molto a cuore proprio a causa di quel che ho subìto. Naturalmente non permetterò mai più a nessuno di rovinarmi la vita e di togliermi il sorriso. Proprio per questo motivo sto impegnandomi moltissimo in alcuni corsi e letture e sto dedicando poco tempo a questo blog. Infondo penso che sia giusto dedicare la propria attenzione anche ad altro: la vera intelligenza secondo me sta nella nostra capacità di spaziare, di cimentarci in cose nuove, nella nostra capacità e volontà di essere sempre elastici e disposti al miglioramento. In tutto ciò, sicuramente giocherà un ruolo importante l'astrologia. A tal proposito, ieri in libreria ho visto un libro di astrologia che non ho acquistato ma che ho ritenuto molto interessante poiché tratta più o meno l'argomento che volevo trattare. Si tratta di un testo intitolato Astrologia Archetipica. L'ho sfogliato molto velocemente ma mi è sembrato veramente ben fatto. Purtroppo sono stato preceduto da questi autori; ma ciò non toglie che io possa fare qualcosa di simile e altrettanto valido ma soprattutto in maniera più sintetica. Infatti si tratta di un testo davvero molto corposo con tante di quelle nozioni che forse potrebbe scoraggiare il neofita. Anche il mio testo sarebbe molto psicologico, userei gli stessi argomenti ma partendo da presupposti teorici diversi da quelli della psicoanalisi Junghiana che mi sembra ormai super-inflazionata.

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Volevo porti una mia osservazione..
Ho notato,nel mio caso,che chiaramente non a livello di eventi non riesco ad abituarmi psicologicamente alla nuova rs finché il sole non sorpassa ascendente..ora come gli altri anni in questo mese in cui transita in 12 sto ancora cercando di digerire i fatti della scorsa rs ma sembra di non riuscire più ad uscire dal tunnel..ipotesi
1 perché tra rs e sole in prima nel mio caso trascorre poco quindi è placebo
2 effettivamente ce una dualità eventi/coscienza che si riflette una sul sole e una sulla prima casa..
Cosa ne pensi??Ciao!!

Anonimo ha detto...

Trovato su maremagnum! Grazieeeeeeeeeeeeeeee 😊😊😊

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Fantastico!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

La cosa è molto soggettiva e dipende persino da quel che abbiamo sentito dire in giro a proposito di come dovrebbero funzionare le rs. Per esempio c'è chi dice che funzionano già tre mesi prima del compleanni è "magicamente" ne sentono davvero l'effetto. Autosuggestione. Se ognuno sente qualcosa di diverso vuol dire che molto dipende dal proprio soggettivo criterio di analisi ma pure dal significato che attribuisce a ciò che ha imparato dai manuali e dal tipo di manuali che ha letto. Una volta un simpatizzante mi disse che non credeva nelle rsm pur non avendo mai letto nulla dell'argomento e nemmeno di Discepolo. Nonostante ciò pretendeva di conoscere come leggere una rs. Ma sto forse uscendo fuori tema. Per rispondere alla sua domanda dovrei farle una io: chi ha detto che quando si passa da una rs a una nuova ci debba essere un adattamento psicologico? Adattamento a cosa? Le posizioni che vanno di anno in anno mica si riflettono a livello psicologico! Questo accade generalmente per i pianeti in prima casa; ma la cosa non è detto che avvenga istantaneamente con lo scoccare del compleanno!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Per esempio, mettiamo il caso che il soggetto poco prima del compleanni si sposi con Giove in I di rivoluzione, e mettiamo che dal compleanno successivo abbia invece Saturno, il passaggio da uno stato emotivo gaudente a uno triste, non è detto che avvenga allo scoccare del compleanno. Ciò che conta è che un cambiamento avvenga entro 365 giorni. Ogni pianeta si manifesta durante il corso dei 365 giorni a partire dal compleanno. Una Venere in 5 potrebbe esprimersi il primo così come l'ultimo giorno dei 365. Qualcuno erroneamente crede che esiste un cambiamento psicologico ed eventi che cambiano in blocco. Ma dove sta scritta questa cosa? Chi l'ha inventata? Sono credenze, pregiudizi, erronee interpretazioni..

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Non esiste una regola per cui esiste un tempo affinché ci si adatti o che prima avvengono i fatti legati al sole di riv. o all'ascendente etc etc. I fatti o un determinato stato psicogico compaiono nel corso dei 365 giorni a seconda della rs e dei transiti. Per esempio è con la rl in corso che si sta manifestando una mia posizione che si riferisce al mio umore. Possiamo dire che la rs sta cominciando a funzionare da questo momento? No. La rs comincia a funzionare dal compleanno; è alcuni effetti li sentiamo immediatamente, altri potremmo sentirli persino l'ultimo giorno prima del compleanno successivo.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sono col mio telefonino e causa t9 commette molti errori grammaticali...

Anonimo ha detto...

Grazie al..
Con tutte le domande teoriche che ti ho fatto mi sin scordato il tarlo che mi affligge..approfitto adesso
Io ho dominante sagittario,Marte mercurio mc,e uno stellium in nona,mercurio più venere e Plutone ma in scorpione..ho sempre viaggiato moltissimo solo che fa 2 anni a questa parte mi sono sia stufato Io,smesso rsm seguire concerti viaggi di lavoro etc,sia non è più la necessità a spingermi a farlo..ho elaborato ipotesi
-la spinta al lontano era data da mercurio rappresentante la giovinezza in questo caso in sagittario era proiettato verso i viaggi..con la maturità sono passato al mio Giove in vergine che come sappiamo è un segno proiettato sul quotidiano e poco propenso ai viaggi che molte volte sono dispendiosi.a favore di ciò anche mentalmente ero proiettato verso pensieri filosofici adesso penso solo ai miei problemi pratici..a sfavore però ce il fatto che ho una nona piena e gli astri non smettono mai di funzionare anche se sembra di si in questo caso..
- mi è successa la cosa tipica del sagittario che col passare dell' età intende il lontano più in senso filosofico che materiale..potrebbe benissimo darsi vista la mia non propensione allo spostamento ma non credo in quanto i temi filosofici o comunque relativi al lontano in senso mentale come ho già detto sono l'ultima delle mie preoccupazioni..
-semplicemente con la volontà posso piegare il mio tn..per gli scettici sarebbe la manna ma andrebbe contro la totalità degli astrologi per cui io tema di nascita è immodificabile..quale opzione scegli e cosa ne pensi?Ciao!!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Un mio consultante ha il sole in nona casa ma non è né un viaggiatore e né una persona interessata al lontano in senso filosofico. Però potremmo dire che è fortemente Sagittariano ugualmente perché commette tutta una serie di errori nella sua vita basati sulla sottovalutazione dei rischi e sulla sopravvalutazione di se stesso. Il fatto stesso che lei dice di piegare le combinazioni astrologiche a favore della sua volontà è tipicamente Sagittariano, tipicamente legato alla presunzione Sagittariana. Il termine presunzione non necessariamente deve essere legato a qualcosa di negativo ma a volte anche Ha qualcosa che ci spinga in avanti dal punto di vista dell' ottimismo dal punto di vista della convinzione nelle nostre capacità. Quindi non è solo una questione di interessi, ma è anche e soprattutto una questione di carattere. Non dimentichiamo inoltre che lato Sagittaria noleggio viale dell'esistenza ha a che fare con l'edonismo con i piaceri della vita con la cucina virgola un po' come nel caso del Toro e può spingere a un'ottica un po' Goditi va della vita e altre volte invece ha un atteggiamento mentale da avvocato, da magistrato, da giudice. Per non parlare poi di quei casi in cui la componente Sagittario si manifesta attraverso l'esuberanza fisica tipica di alcuni attori. Certamente noi tutti con l'opportuno addestramento possiamo superare i nostri limiti, ma questi limiti non ci permettono di cambiare segno zodiacale o di stravolgere il nostro quadro astrologico. ci permettono solo di vivere una combinazione astrologica ad un livello superiore o inferiore rispetto a quello che abbiamo vissuto finora.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Mi dispiace per la pessima grammatica e ortografia ma purtroppo sono con il solito telefonino e non ho la pazienza di mettermi a rileggere e correggere ciò che scrivo

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Cosa ne pensi delle frizioni radix mercurio/Nettuno?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Penso si tratti di una configurazione che è analoga alle dissonanze tra illuminarie Nettuno perché conferisce spesso le stesse fobie e le stesse preoccupazioni. Per esempio una mia consultante con mercurio in congiunzione a Nettuno soffre di ornitofobia. Invece la figlia suicida di un mio consultante aveva lo stesso aspetto che sicuramente ha devitalizzato un quadro astrologico già penalizzato in altri punti. Più raramente parliamo di genialità e un po' mi sento di vantarmi per via del mio mercurio in semi sestile a Nettuno che mi permesso di vincere Già all'età di 8 anni una competizione artistica dove Partecipavano anche adulti. Infatti la mia creatività e la mia originalità di pensiero da piccolo mi portarono ad essere elogiato nell'intera scuola. Quando abbiamo le dissonanze questo elemento di genialità forse emerge con più intensità ma a discapito della componente emotiva e caratteriale perché tali settori vengono investiti dal caos e dall'angoscia. Se non sbaglio anche Beppe Grillo ha una dissonanza tra Mercurio e nettuno che sicuramente ha favorito il suo genio artistico in qualità di comico e che lo ha portato anche a lottare per motivi ideologici un po' utopistici.

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Ultimamente ho abbandonato il mio gruppo di amici..Quello classico "all'italiana" che si raduna al bar sotto casa/parco/piazza e generalmente fa ciò per tutta la vita senza ambizione/voglia di cambiare posto al massimo si faranno una famiglia senza appunto mollare le radici..
Insomma da un Po sono diventato insofferente a tutto ciò un Po perché lo vedo come il fallimento dell' individuo ma soprattutto perché mi sono stufato e voglio cambiare aria..
A quale valore astrologico attribuisci questa mia insofferenza!ciao e di nuovo auguri di tante belle cose..alla prossima

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

È molto difficile rispondere a questa domanda perché io non so se si tratta di una cosa passeggera o questo senso di insofferenza c'è sempre stata. Perciò se si tratta di qualcosa di passeggero bisogna andare a vedere che tipo di Transiti stanno attraversando il suo cielo in questo momento. io non so chi lei sia, non conosco il suo tema di nascita e pertanto non posso valutare. Potrebbe dipendere da Urano o Nettuno in undicesima casa di rivoluzione ma potrebbe dipendere da mille altre cose e senza avere sott'occhio il quadro di nascita non posso esprimermi