DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

domenica 13 dicembre 2015

Svelato il mistero della linea Sacra di San Michele


Una linea immaginaria  e ideale, non precisamente retta, unisce sette luoghi religiosi dall’Irlanda fino a Israele. Ce ne sono in tutta Italia, ma quelli posti lungo questa retta ideale sono quelli tra i più affascinanti perché costruiti in zone di spicco, spesso su promontori per essere bene in vista. 

Sono sette santuari davvero molto distanti tra loro, ma accomunati dal fatto che sono stati consacrati a San Michele Arcangelo. 

Il tracciato comincia in Irlanda dove sorge la Skellig Michael (“roccia di Michele”) La seconda tappa è a St. Michael’s Mount, un isolotto in Cornovaglia, che con la bassa marea si unisce alla terraferma. La linea sacra prosegue poi  in Francia, su un’altra celebre isola, a Mont Saint Michel. Con un salto di 1000 chilometri  in Piemonte sorge la  Sacra di San Michele. 1000 chilometri dopo, in Puglia, una caverna è diventata il Santuario di San Michele ArcangeloDall’Italia la linea ideale ci porta in Grecia, sull’isola di Symi per terminare in Israele sul Monastero del Monte Carmelo
Perché sette santuari? A mio parere il mistero si può svelare facilmente se guardiamo il cielo dal tramonto sino all'alba. Il cielo notturno infatti ci mostra, in tempi diversi, i 7 corpi celesti osservabili a occhio nudo: Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno. Ai tempi in cui furono eretti questi santuari il 7 era diventato ormai un numero sacro e forse ci si era dimenticati del motivo; ma il potere numinoso di questo numero, finì nel nostro inconscio.
Che la fede cattolica e tutte le altre fedi del mondo siano legate al culto degli astri è una cosa evidente. Oggi la cultura Indiana e la religione si nutrono ancora di un'astrologia che veniva usata per gli auspici sull'agricoltura, sulla meteorologia e su mille altre cose legate alla vita quotidiana.  Persino la genesi, la creazione del mondo in 7 giorni non è altro che un continuo rimando al culto degli astri. 
Il primo giorno Dio creò la Luce e la separò dalle tenebre. Come non individuare il potere solare, primo corpo celeste contemplato nella tradizione astrologica? Il secondo giorno Dio separò le acque del cielo dalle acque della terra: la Luna e il suo potere sulle maree deve aver sicuramente influito su questa allegoria. Il terzo giorno Dio creò i vegetali, ed essi con il loro polline poterono viaggiare lungo la terra, esattamente in analogia al pianeta Mercurio che per tradizione astrologica riguarda il potere medicinale delle piante oltre che la comunicazione e i piccoli viaggi. Al quarto giorno Dio creò le stelle e suddivise il tempo in mesi e anni, tutti elementi necessari per scandire i ritmi della natura e coltivare: Venere può aver rappresentato la necessità di cogliere i frutti generati dal fluire delle stagioni. Al quinto giorno Dio creò i pesci e gli uccelli. Mi risulta difficile trovare un parallelismo con il pianeta Marte; mentre è facile con Giove, che riguarda il sesto giorno, quello in cui furono creati gli animali e l'uomo. Il pianeta dell'abbondanza, della magnificenza non poteva che riguardare la creazione dell'essere "perfetto" ossia l'uomo. Il settimo giorno Dio si riposò. Qui il parallelismo con Saturno è fortissimo: in antichità a questo corpo celeste era associato il secco e il freddo, in analogia con la secchezza e l'aridità del terreno in inverno. In questo periodo si lasciava riposare la terra per poi rivederla nuovamente all'opera in primavera. In questo periodo si festeggiavano i Saturnali, le festività nate, evidentemente, per superare la paura inconscia legata alla morte e alla distruzione generati dall'inverno.


Ciao Giuseppe, non so molto di astrologia ma da qualche tempo mi sono appassionata grazie ad una amica che ti segue spesso. Mi sono lasciata quest'estate con il mio ex ragazzo, una storia durata due anni e molto tormentata. Vorrei chiederti delle info riguardo al mio tema natale sull'amore e quando secondo te sarà il momento più adatto a trovare qualcuno che possa fare realmente per me. Con lui ci sono ancora degli alti e bassi, ogni tanto ci sentiamo e vediamo ma non so se sia realmente finita. Attendo una tua risposta e ti ringrazio per la disponibilità! Io sono nata a (...) 

In linea di massima il tormento in amore è qualcosa che riguarda un po' tutti; ma te in particolar modo visto che hai Venere dissonante a Plutone. Infondo ti piace cacciarti in situazioni al limite perché sono più "pepate". Mi viene in mente il caso di un mio consultante che scelse una partner complicata e ne subì le conseguenze nonostante io l'avessi informato di lasciar perdere: conoscevo il grafico della ragazza di cui lui si era invaghito e sapevo che lei non era abbastanza affidabile perché volubile. Infatti la relazione portò solo guai. Mi viene in mente anche il caso di una consultante che poteva scegliere un partner sereno, tranquillo, e invece preferì quello che le dava più problemi. Penso tu abbia capito il senso di questa posizione astrologica. Sarà sempre così? Potrebbe essere; ma molto dipende dal tuo livello evolutivo: durante il nostro percorso di vita possiamo imparare tante cose e migliorarci oppure possiamo cadere vittima delle nostre stesse pulsioni, come accade a molti che non riescono a cambiare la loro vita e finiscono per commettere sempre gli stessi errori, spesso credendo di aver fatto la cosa migliore. Secondo il mio parere bisogna ancora aspettare qualche anno prima che tu possa trovare la tua anima gemella, e io penso che il transito di Urano in trigono al MC e a Venere potrà aiutarti nell'impresa, anche se a mio parere occorre il concorso di qualche altro pianeta più lento. Ciò che può fare la differenza è una rivoluzione solare mirata per incentivare le buone posizioni che arriveranno. 

Novità?
Senti, volevo farti una domanda riguardo la RS 2016: oltre ad aver calcolato quella per Roma, come già sai, ho calcolato anche quella per Lisbona che mi hai suggerito. Vorrei capire meglio cosa potrebbe accadere potenzialmente con quella per Roma (stellium in VIa), e cosa invece con quella per Lisbona (stellium in VIIa). Tu avevi accennato ai problemi inerenti all'abitazione (IVa) con quella per Lisbona, anche qui se mi puoi spiegare meglio. E con Marte Saturno in IIIa in quella per Roma? Cosa potrebbe portare, incidenti automobilistici?
Grazie.

Perdonami per la lunghissima attesa: tra esami e lunghe liste d'attesa sono riuscito solo ora a leggere il tuo messaggio. Purtroppo le vostre richieste sono così talmente tante che prima di un mese non riesco a rispondervi. Questo per me è un bene perché dimostra quanto io stia diventando sempre più popolare anche grazie alle rivoluzioni solari mirate. Veniamo alla risposta: uno stellium in 6^ non sempre porta notizie drammatiche e ciò dipende dai transiti; ma in ogni caso è sempre qualcosa di negativo. Alle volte è facilmente identificabile e altre volte è più difficile. Fatto sta che è meglio evitare posizioni del genere se possiamo invece scegliere qualcosa di meglio. Anche ammettendo non sia vero che uno stellium in 6^ Casa porti problemi, è meglio cercare soluzioni alternative per incentivare quel che si vorrebbe ottenere. Per esempio uno stellium in VII mi sembra utile per vivere nuove relazioni se si è single. Può essere utile per avere più occasioni che si possa ribaltare una situazione di coppia spiacevole; o si può sperare che possa portarci più aiuti dalle persone. Quando parlo di problemi per l'abitazione intendevo dire che un vicino di casa potrebbe dare grossi fastidi, che potrebbe accaderci uno sfratto, che potremmo avere danni per allagamento, incendio, che potrebbero occuparci la casa, che ci crolla un muro, che dobbiamo pagare tasse arretrate sulla casa, e chi più ne ha più ne metta. Non possiamo sapere di preciso cosa possiamo aspettarci con Marte e Saturno in IV. Non è una posizione ottima, anzi, è pessima; ma se con ciò possiamo migliorare il lavoro ed evitare un ascendente in 6^ che potrebbe dare cose ben peggiori di quella congiunzione, allora è meglio cambiare aria. Ovviamente se c'è da perdere la casa è naturale che una soluzione del genere non va affatto presa in considerazione. Se però sai che c'è da ristrutturare un immobile, se sai che c'è da querelare un vicino di casa, allora quella posizione funge da valvola di sfogo. In 3^ casa invece i due pianeti sono tollerati meglio; ma se sono in accoppiata a un ascendente in 6^ io mi sentirei di cambiare aria perché il loro peso potrebbe venir fuori raddoppiato: cadiamo dalle scale facendoci molto male, oppure ci distruggono la macchina... Mi viene in mente per esempio la RS di una mia consultante che con Marte e Saturno in 3^ ha praticamente speso migliaia di euro per dei continui guasti al motore, è rimasta a terra non so quante volte, le hanno spaccato il parabrezza e infine le hanno rubato l'auto. Ne ha passate davvero tante anche perché l'ascendente era in 12^ casa di rivoluzione. 

Gentile dott. Al Rami,
mi sono affacciata all'astrologia per puro caso e sono rimasta letteralmente senza parole. Non sono una esperta. Ho parlato due volte soltanto con una astrologa. Ma gli accadimenti dell'ultimo anno parlano da soli.Ho sentito parlare di Lei in termini molto positivi e ho letto il suo curriculum vitae. 
Sono nata a (...) Cosa può dirmi sul mio tema natale? La ringrazio molto per le informazioni che riuscirà a darmi e Le porgo distinti saluti.

Carissima lettrice ti ringrazio per il "dottore" ma non lo sono ancora. Non esiste una laurea in astrologia anche se nella realtà si tratta di un sapere che per davvero meriterebbe di essere studiato nelle università. A mio parere, in questo modo, potremmo evitare che perfetti incompetenti abusino di questa conoscenza. Speriamo che le cose possano cambiare in futuro. Mi fa piacere ti sia avvicinata all'astrologia ma spero che tu lo abbia fatto con razionalità perché è facile poi cadere nella credulità di chi trova che tutto funziona. Nella realtà non tutto funziona e bisogna essere cauti quando si fanno certe affermazioni: bisogna prima di tutto collaudare il sapere e metterlo alla prova. Io per esempio ho verificato tramite esperienza personale che esiste una sorta di ereditarietà astrale, che le coppie col Sole in quadratura sembrano più frequenti nei cadi di rapporti resistenti nel tempo. Però ciò non toglie che tutto possa essere rivisto e perfezionato man mano che continuo ad analizzare casi. Infatti ho scoperto che dobbiamo prendere, nel caso dei rapporti di coppia, Sole di A e Luna di B nello stesso segno anche se non sono in congiunzione. Lo stesso per Venere e Marte. Sono piccole "chicche" ottenute analizzando migliaia di casi. Poi da poco ho cominciato anche a tenere nota delle mie osservazioni e ciò mi facilita il compito. Cosa dire del tuo tema natale in breve? Sole in Vergine e in 9^ Casa mi fanno pensare a forti interessi nei confronti delle filosofie, dell'estero, dei viaggi. Sovente abbiamo soggetti che sposano uno straniero oppure persone che vanno a vivere in un'altra regione o in un altro stato. Insegnanti, sportivi, si trovano spesso a nascere con questa posizione. Testimonia la necessità di imporsi con il proprio modo di pensare o spinge a sottovalutare moltissimo i rischi di ogni situazione . Possiamo dire che esiste una specie di candore, ingenuità che fa commettere errori  anche se poi, l'intento è quello di essere analitici e pratici. Conosco un soggetto che sostiene di parlare con gli angeli e quindi vive pensando di avere la verità in mano. Un altro invece pensa di fare la cosa giusta e si caccia sempre nei guai, non sa dire di no, pensa di poter gestire situazioni che poi invece gli sfuggono di mano. Un altro ancora si appropria delle idee degli altri e pensa di essere una star. Ciò che tutti condividono è l'entusiasmo e l'intraprendenza. Un astrologo con Sole in 9^ era un vero esperto di linguistica, ma la troppa fiducia in se stesso lo ha portato a grossi errori, gravissimi, come quello di confondere il suo Sole in 9^ con il Sole in 8^ e attribuire la sua passione per l'insegnamento alla Luna. Il che dimostrava che era tutto teoria e zero pratica. Ciò che facciamo, infatti, non è dato dalla Luna che invece rappresenta solo le aspirazioni, i sogni. Inoltre sottovalutava moltissimo l'interlocutore. Non tutti però sono spocchiosi e gradassi o superficialotti. Esistono persone che per davvero si elevano e diventano studiosi serissimi; tuttavia permane sempre quel non so che di Sagittario che mostra la loro ingenuità nonostante si possa avere la sospettosità dello Scorpione, la severità del Capricorno o la puntigliosità della Vergine. 


Ciao al! (...) vedendo che non rispondevi più ho deciso di scriverti...
Ho grossi problemi! in quanto ho comprato i biglietti aerei per la prossima RSM ma guardando meglio le opzioni mi sono accorto che un altra e' probabilmente migliore..io personalmente preferirei la nuova meta..ma bisogna dire che è anche una meta lontanissima! tu cosa faresti al mio posto??? ti posto i cieli.. il primo, già organizzato, ha l'ascendente in nona.. il secondo, la soluzione trovata ieri, ha l'ascendente in settima.. cosa preferiresti?
Ps: della prima soluzione non mi piace il saturno in prima, la venere in dodicesima che non so come funzionerà, e poi non mi sento pronto a cambiare residenza come vorrebbero i valori di nona e di quarta.. del secondo non so quanto mi convenga piazzare l'ascendente in settima per tre anni di fila! e poi nettuno congiunto al fc non è' questo granché ..ma soprattutto e' un viaggio costosissimo!
Grazie per l'eventuale interessamento..anche se forse è' troppo tardi!!
Buona serata!!
Sicuramente sono arrivato troppo tardi dato che mi hai fatto questa domanda circa 20 giorni fa. Purtroppo sono stato sommerso dallo studio e da mille altri impegni e per questo non ho potuto fare prima. Se vuoi posso darti il mio numero di cellulare così quando avrai da pormi domande urgenti potrò risponderti al volo e non dovrai aspettare tutto questo tempo. Dato che sei un mio lettore affezionato posso concederti questo privilegio. vediamo i grafici
.
A questi due grafici manca il TN come riferimento e quindi mi risulta difficile scegliere la soluzione migliore. Non posso nemmeno stabilire quali transiti possono essere vantaggiosi per la prima soluzione e quali per la seconda. La seconda soluzione è interessante perché è meglio Marte in 11^ che in 2^; inoltre Giove incollato al MC è ottimo se accoppiato a uno stellium in 2^. Però anche la prima con Giove in I^ è 100 volte meglio che Saturno nella stessa Casa. Dici che nella prima soluzione avresti l'ascendente di rivoluzione in 9^ Casa radix, il che mi fa pensare che tu possa avere l'ascendente Capricorno; mentre nel secondo caso invece dici che avresti l'ascendente di rivoluzione in VII^ Casa radix e il che direbbe che hai l'ascendente Toro. Sicuramente ti sei espresso male e questo non mi aiuta a suggerirti una soluzione valida, anche se penso ormai sarà tardi per organizzarti visto che il tuo compleanno avverrà tra una decina di giorni. 
 La violenza non è solo fisica e può assumere diverse forme; ed è ancora più grave quando chi la attua ne è inconsapevole. Non è importante, ma da anni qualcuno mi perseguita con commenti anonimi, citando il mio nome ad ogni suo articolo e cercando di ledere la mia immagine solo perché non condivide la mia posizione che per lui è sinonimo di truffa. Anche questa è una forma di violenza che genera in me solo sdegno e rabbia. Clicca QUI per conoscere tutta la storia. 

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao al..cosa vuol dire che il tuo amico confondeva un sole in nona con uno in ottava?
Ciao r.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Usando il sistema delle Case uguali, il Sole cadeva in 8^ e non in 9^; dunque lui diceva di avere il Sole in 8^. Essendo influenzato da questa conoscenza aveva forzato la lettura della sua personalità ignorando completamente che egli è in realtà un Sole in 9^. Bisogna poi aggiungere che usando il metodo delle Case uguali è quasi impossibile riconoscere le caratteristiche obiettivamente le caratteristiche del Sole nelle Case perché il metodo non è affinato allo scopo. Infatti, se noti bene è la scuola di AA quella che meglio definisce il significato del Sole nelle Case dato che non le considera solo un ambito in cui accadono le cose. Se si vede per esempio la 9^ come la Casa dei viaggi dimenticando pure che è quella dell'entusiasmo, dell'arroganza, della presunzione, della forma mentis legata alla conoscenza, allora non si può essere davvero obiettivi perché mancherebbe una grandissima fetta di interpretazione che dovrebbe essere colmata analizzando altre parti del cielo. E in effetti attribuì alla Luna certe caratteristiche. Se Avesse saputo che avere il Sole in 8^ Casa comporta essere erotici, sospettosi, tormentati, attratti dalla morte, egli avrebbe capito immediatamente che 1) il sistema delle Case uguali non è valido e 2)che la sua lettura di se e degli altri è completamente sbagliata.

M ha detto...

Ciao Giuseppe, grazie della risposta. Il fatto è: non ho una macchina né ho in preventivo di acquistarne. Non ho neppure un lavoro, né, viste le mie condizioni (età ecc.), concrete prospettive di trovarne uno dignitoso e - soprattutto - con una retribuzione dignitosa. Quanto potrà favorire il settore lavoro una Venere in 6^? (RS per Lisbona). I miei problemi di relazione con le donne sono quelli che sono, da una vita; ovvero si parla del Nulla. Ma ho un appartamento di proprietà. Che quindi rimane uno dei pochi settori in cui, suppongo, potrei davvero essere penalizzato, proprio perché è un fattore già concretamente presente nella mia vita...

Anonimo ha detto...

le religioni sono state create,come l'astrologia del resto,col preciso scopo di tenere calme le masse e di indurle a credere in "qualcosa"che non c'è....e forse anche per incutere nell'uomo,creatura fragile,debole e insicura,"qualcosa"in cui credere dopo la morte,l'illusione del "ci sarà qualcosa per me?".Semplice opinione.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Generalmente chi va in chiesa non ci va per esprimere l'opinione da non credente. Alla stessa maniera chi scrive su di un blog di astrologia non ci va per dire che l'astrologia è nata per tenere calme le masse. Tra l'altro è un parere disinformato visto che l'astrologia nasce da osservazione empirica e qui, è ovvio che io debba correggere, non tanto per necessità di far cambiare idea, ma con lo scopo dell'onestà, a prescindere dal fatto che poi dall'altra parte ci sia disponibilità ad accettare tale correzione. L'astrologia, come detto prima, nasce in Mesopotamia in virtù di osservazioni correlate al ciclo stagionale. La necessità dunque non era religiosa visto che assieme all'astrologia c'era anche la religione. Dunque parliamo di tre cose diverse che coesistevano ma separatamente; ed è storia, non opinione personale: 1) l'astrologia come osservazione della natura e dunque scienza della natura; 2) religione come fede per il controllo sociale delle masse e 3) la magia come controllo della natura (oggi medicina, tecnologia, scienza). Relativamente al fatto che la religione poi sia nata solo per tener calme le masse è un'altra inesattezza: ha anche e sicuramente tale funzione ma ciò non ha nulla a che vedere con la reale esistenza o meno di una divinità. Allora bisogna fare una distinzione tra fede e religione. La religione è in funzione dell'organizzazione sociale poiché veicola comportamenti; ma la fede è una ragione dell'essere, indipendente dalla razionalità o dalla fantasia: è una funzione essenziale dell'essere umano, un aspetto dell'esistenza universale che riguarda la mente collettiva, ma che naturalmente ognuno vive in maniera più o meno intensa. Quindi è troppo sbrigativo liquidare la fede o l'astrologia come "qualcosa che è stato creato per tenere a bada le menti fragili e deboli" prima perché sono inesattezze e secondo perché la questione è molto più complessa e articolata e dovrebbe essere affrontata con maggiore serietà. Quindi, qui non potevo che risponderti in questo modo e non potevo far passare questo commento senza spiegarti come stanno i fatti, ripeto, premettendo che non vi è alcuna pretesa di convincerti. Per chi si pone il tuo stesso dubbio questa mia risposta potrebbe essere da stimolo per un approfondimento. Credo di aver capito chi tu sia e conosco già la tue opinioni in merito. Solo che non riesco proprio a capire il motivo di tale intervento. Grazie lo stesso per il tuo contributo perché mi hai dato modo di chiarire certi punti.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Non credi abbia chissà quale funzione sociale perché non hai mai affrontato l'argomento in maniera seria. Non credo tu abbia studiato qualche testo in merito; semmai ti riferisci a quel che vedi con gli occhi del profano. A va bene. Ti consiglio di studiarti il mio libro gratis e scaricabile online intitolato "astrologia e antropologia". Ma non penso tu sia interessato a una visione veramente profonda di tale argomento. Cosa significa che chi crede davvero nella scienza difficilmente avrà una fede? Non è affatto vero poiché persino Einstein disse che chi non accetta l'insondabile mistero non può essere uno scienziato. E persino autori del calibro di Paul Davies non possono che concludere, razionalmente, nell'esistenza di un Dio quando studiano la fisica dei quanti. E parliamo di scienziati di fama mondiale, non di studentelli del liceo. E possiamo dire che hanno una razionalità minore di chi non ipotizza l'esistenza di un Dio? Ciò che fa la differenza sono gli indizi offerti dai propri studi. La volontà umana non ha nulla a che vedere con la volontà divina e come detto in precedenza, le due cose possono coesistere, esattamente come coesistono i due emisferi cerebrali che solo se lavorano in sinergia possono offrire una visione unitaria e più efficace del mondo. Ed è questo il punto: è solo una tua visione la contraddizione che ci trovi; nulla che sia veramente razionale, anche perché non sei né un ricercatore, né uno scienziato e non credo nemmeno tu abbia gli strumenti per poter definire cosa è razionale e cosa no. Quindi va bene la tua opinione, ma non è definibile affatto razionale perché è veramente ingenuo crederlo senza un'accurata conoscenza dei paradigmi scientifici, della realtà ontologiche ed epistemologiche di chi affronta questi argomenti in maniera seria. Tu sei uno scettico, questo sì. E scetticismo non ha nulla a che fare con la ragione e con la razionalità. È solo una condizione psicologica che guida le osservazioni e le influenza. Tant'è che nessuno scettico ha mai evoluto il pensiero scientifico che invece richiede inventiva, fantasia e audacia. A tal proposito ti consiglio di leggerti il libro di P. C. Feyerabend uno dei più grandi epistemologi contemporanei, successore di Popper, intitolato "contro il metodo". Inoltre ti consiglio il mio libro gratis e scaricabile online intitolato "astrologia e scienza". La conclusione è che le opinioni sono un conto; ma la scienza e la razionalità sono tutt'altra cosa.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ciao M, buon Natale anche a te e scusa se mi sono dimenticato di risponderti. In effetti se l'unica cosa concreta che hai è la tua abitazione di proprietà, sarebbe meglio evitare lesioni nel settore che la riguarda. Anche se non hai un lavoro quella Venere in 6^ potrebbe esserti utile a farti trovare qualcosa di nuovo. Ovviamente non mi aspetto grandi rivoluzioni: occorrono più rivoluzioni solari per cambiare significativamente la propria vita.

Mauro ha detto...

Ciao Giuseppe, leggo solo ora il tuo commento. La rivoluzione l'ho fatta a Lisbona, staremo a vedere. Esiste un tot minimo di rivoluzioni? e devono essere consecutive?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Diciamo che ogni caso è a se stante e ci sono soggetti che per raggiungere risultati non hanno bisogno di RS mentre altri che ne hanno grande necessità. Io penso che un caso disperato in amore, per esempio, avrebbe la necessità di almeno 5 RSM consecutive che incentivino la 5^ o la VII^ Casa. Io ho avuto bisogno di 3 o 4. Alla fine ce l'abbiamo fatta!

Mauro ha detto...

Il mio è un caso disperato sia nel lavoro che in amore... :( ed è difficile darmi una priorità. Non saprei ad esempio se nella RS del 2017 valga la pena incentivare il lavoro, magari spostando Giove dall'11^ alla X^, o l'amore, spostando Venere Sole e Mercurio (o anche solo Venere) dalla IV^ alla 5^ - naturalmente sto semplificando perché poi bisogna valutare bene come vanno a cadere tutti gli altri aspetti di RS.