DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

sabato 2 gennaio 2021

Mente astrologica e mente psicologica

 

1 gennaio 2021, ore 15, comincio col botto!

🤩🤩🤩 Ascendente in decima Casa radix con 💓💓🤗🤗 Venere in cuspide sesta settima casa di rivoluzione.

😭Marte e Urano in undicesima casa di rivoluzione

😭😭😭Stellium in ottava casa di rivoluzione

🤔😅Saturno e Giove in ottava casa di rivoluzione

🙄 Nettuno in decima casa di rivoluzione. 


Alcune considerazioni: il Volguine parla di sovrapposizioni delle case di rivoluzione con le case e i pianeti radix. Questa è ormai storia passata: per esempio la sovrapposizione dell'ascendente di rivoluzione con Marte radix non va tenuta in considerazione, così come per esempio la sovrapposizione della seconda casa di rivoluzione con l'undicesima radix. Anche l'ottava casa di rivoluzione è sovrapposta su Mercurio radix, e come detto prima, non va considerata. Non si leggono nemmeno gli aspetti tra i pianeti di rivoluzione e i pianeti del TN perché essi rappresentano solo ed esclusivamente i transiti del giorno. 


La lettura è molto più semplice.


Il Volguine ha ipotizzato che tutti quei dettagli potessero essere utilizzabili, ma si sbagliava. Anche il segno zodiacale dell'ascendente di rivoluzione non va considerato. 


La questione è semplice: certe volte, per la numerosa vastità dei simboli presi in esame e con una lettura molto elastica, si possono individuare, per puro caso, dettagli che si possono tranquillamente evidenziare dalla semplice lettura sintetica che include: l'ascendente di rivoluzione nelle case radix e i pianeti di rivoluzione nelle case di rivoluzione. Stop.


Più aumentiamo gli elementi da considerare e più diventa facile, per puro caso, centrare una previsione. 


Faccio un esempio. La seconda casa di rivoluzione in undicesima casa radix dovrebbe indicare che i guadagni e le spese sono connesse agli amici. Naturalmente se offriamo una cena a un amico, ecco che la fantasia galoppa e crediamo che i fatti di siano verificati. Le questioni devono essere rilevanti, e non fatti abituali. 


Vediamo cosa è successo l'anno scorso, dove in effetti ho fatto un prestito a un amico. Come potete vedere, nel secondo grafico la seconda casa della rivoluzione solare era sovrapposta alla decima casa radix e non all'undicesima. Perciò possiamo immediatamente, e definitivamente, scartare per sempre l'idea del Volguine. 


La lettura è più sintetica ma non per questo più facile. Come potevamo sapere che quell'anno avrei prestato dei soldi a un amico? In nessun modo.


Non è che per forza ci dobbiamo aspettare che l'astrologia ci dica tutto! Ci sono cose che sfuggono, dettagli che possiamo comprendere, a volte con grande dose di fortuna e altre volte con metodo. 


L'esperienza di un astrologo è costellata da centinaia di coincidenze che, purtroppo, gli fanno credere di essere bravo. Chi non ammette il peso delle coincidenze in astrologia, non può essere davvero critico. 


Infatti la realtà è governata da diverse leggi: il determinismo, il probabilismo, la sincronicità e il caos. Chi vuole vederci solo determinismo e sincronicità, farebbe bene a studiare seriamente e tutto da capo.



Torno a parlare di rivoluzioni solari. Abbiamo visto, nel post precedente, che è sbagliato considerate le sovrapposizioni delle case di rivoluzione con le case radix, ad eccezione dell'ascendente di rivoluzione. 


Abbiamo visto che secondo il Volguine, i prestiti agli amici o dagli amici, vanno ricercati attraverso la sovrapposizione della seconda casa di rivoluzione con l'undicesima radix. 


Ho prestato molti soldi a un amico nei guai (Nettuno nella 11a casa di rivoluzione), ma la seconda casa di rivoluzione si trova in decima e non in undicesima. 


Vediamo, però, se usando la tecnica dei dispositori, potevamo prevedere l'evento. Il dispoditore della seconda casa di rivoluzione (il denaro) in Gemelli è Mercurio e si trova in settima (soci, partner). Ci azzecca? No. 


Il dispositore della undicesima in acquario è Urano e si trova in dodicesima. Ci azzecca? No. 


Ora, l'astrologo che per forza vuole trovare corrispondenze va a citare in causa Chirone e Lilith che ovviamente non fanno altro che confondere il tutto. 


Occorre allora considerare le stelle? Ovviamente no. Tanto sono al 90% negative. 


Qualcuno potrebbe pensare al nodo lunare nella seconda casa di rivoluzione, in transito nella undicesima casa radix. Anche questa è un'idea da scartare perché i significati del nodo non ci azzeccano con i fatti accaduti. I transiti dei nodi indicano i luoghi della vita in cui ci trasformiamo di più. Non ci azzecca. Ed affermare che si tratta di un evento "destinico" ovviamente è fede e non lo si può dimostrare. 


Onestamente ci sono stati eventi ben più importanti e se proprio dovessimo citare in causa il karma e la trasformazione, tra tutti i fatti, questo è ciò che ha inciso meno. 


Quindi mi ricollego a quanto detto nel post precedente: l'astrologia non ci dice tutto, e aggiungere molti elementi di analisi ci fa beccare le cose per purissima coincidenza. 


Allora, Nettuno in undicesima ci parla di angosce per amici, e di amici angosciati. Così è stato, in più di un occasione e per molteplici motivi (non solo per motivi economici, ecco perché i fatti non possono risultare). Questo è più che sufficiente, è l'essenziale ed è l'unica cosa che davvero funziona: i pianeti di rivoluzione nelle case di rivoluzione. Stop. 


Dell'esperienza di altri, ovviamente non mi importa, poiché ognuno si legge le cose come vuole. Mille volte, infatti, mi sono ritrovato a leggere analisi con significati inventati di sana pianta pur di fare quadrare le cose.

Abbiamo visto che il Volguine è in clamoroso errore. Ovviamente secondo i miei parametri di oggettività.


Allora cosa dobbiamo aspettarci dalle rivoluzioni solari? 


Siccome ogni pianeta di rivoluzione, nelle case di rivoluzione, si esprime attraverso più eventi, logicamente non è possibile stabilire con precisione un evento specifico! 


Ovvio! 


Ci volevano chilometri di scritti e migliaia di esempi?


La logica è semplicissima: se due fratelli gemelli hanno la stessa Rivoluzione solare eppure vivono eventi diversi, significa che possiamo centrare gli argomenti, ma non gli eventi in sé per sé. Chiaro?


Centrare un fatto è anche un fattore di fortuna, di sesto senso, e ci può stare. Ma non sforzatevi di individuare un fatto preciso perché il simbolo astrologico si esprime attraverso un ventaglio di possibilità. 


Perciò è inutile cercare a destra e a manca dettagli per capire un fatto in maniera precisa. 


Chi non ha capito questo, ha una visione troppo romantica dell'astrologia: una visione scorretta perché nulla è deterministico nella vita umana.


............

..................................................................................

Alla base della scienza c'è la domanda circa ciò che si può negare. Alla base della filosofia c'è la domanda circa ciò che possiamo conoscere. Alla base della spiritualità c'è la domanda circa ciò che si può sentire. Alla base delle psicologia c'è la domanda su come funziona tutto ciò. 

Con la psicologia oggetto e soggetto coincidono. La mente che studia se stessa.



Quel che c'è oltre la mente lo decide la mente stessa? Persino che possa esistere qualcosa oltre la mente, che sia più della mente stessa, è un'idea della mente?


E questa idea da dove proviene se non da un'esperienza? E l'esperienza cosa è se non il modo che usa la mente per raccontare a se stessa ciò che accade? 


Una mente al di fuori di se stessa è come una tazza vuota che viene riempita da un'entità invisibile.

 

Che ciò sia pensabile è comunque il risultato di una mente pensante, poiché è la mente a pensare ciò che si pensa. 


Anche se fossimo al di fuori di noi e qualcuno ci inserisse un pensiero, saremmo sempre noi a dargli un senso?


Pensare che qualcuno possa inserirci un pensiero e che esso possa fare tabula rasa delle nostre valutazioni, è pensabile come possibile. Non è detto sia vero.


È possibile tutto ciò che è pensabile infatti. E per accedere a una mente oltre la nostra mente occorre sempre la nostra mente. 


La mente, per superare se stessa cosa usa se non se stessa? Ma come può una mente superare se stessa usando se stessa? 


Occorrono due menti affiche una delle due si modelli e si evolva. Esiste una mente divina che ci modella? Ma il modellamento è sempre un atto comprensivo, persuasivo, e la comprensione è sempre usare la propria mente, imparando da un'altra mente, così che la nostra diventi un po' come quella mente. 


Morale della favola, per quanto possa esistere o meno una mente trascendentale, divina, oltre la nostra mente a cui accedere, non potremo mai essere liberi al cento per cento dalla nostra mente che valuta quella, nonostante quella ha un po' influenzato il nostro stesso pensare.


Così, piano piano, diventiamo quella mente. Capire che ciò è in effetti un processo della mente, capire come la mente supera se stessa, ed accorgersene, è supercoscienza. 


(Dal punto di vista psicoanalitico ciò somiglia tanto a un rapporto padre figlio: una mente educata da una più grande... ma il figlio quanto è figlio di suo padre e quanto figlio di se stesso? La domanda è retorica).


venerdì 20 novembre 2020

Sol Invictus, il nuovo libro di Al Rami

 

♒L'era dell'Acquario? L'era astronomica si calcola in base alla precessione degli equinozi, fenomeno astronomico legato all'inclinazione dell'asse terrestre. Ogni era dura circa 2140 anni e comincia nel momento in cui il punto gamma, è orientato, all'equinozio di primavera, verso il confine di una costellazione zodiacale. Il movimento avviene in moto retrogrado. 


🔥Ora il punto gamma (o vernale) mira verso l'inizio dei Pesci, ma ci vorranno secoli prima che punti verso il confine della costellazione dell'Acquario. A ciò si aggiunge il fatto che il confine tra una costellazione e l'altra è arbitrario, ed è una convenzione moderna che non corrisponde più a quella degli antichi astrologi che dividevano le costellazioni in archi di trenta gradi ciascuno. 


⭐Oggi i confini sono cambiati così che abbiamo costellazioni zodiacali di diversa ampiezza. Questo si tradurrebbe nel fatto che ogni era zodiacale durerebbe tempi diversi. 


✅Anticamente, però, il calcolo veniva effettuato contando da Aldebaran e Antares, rispettivamente definito il quindicesimo grado delle due costellazioni. Da lì si procedeva a dividere lo zodiaco in parti uguali. Oggi tale modello operativo non viene più impiegato. 


⚡Infatti molti astrologi, per determinare l'inizio di una nuova era astrologica procedono con un calcolo diverso. Osservano il momento in cui Giove e Saturno saranno congiunti al grado zero di un dato segno zodiacale. Qui non si parla più di era astronomica perché le costellazioni non sono più tenute in considerazione. Si tratta di era astrologica perché si tiene conto degli ingressi dei pianeti rispetto allo zodiaco tropico. 


🙏Anticamente si affermava che ogni ciclo Giove-Saturno fosse accompagnato dall'arrivo di un nuovo messia. 


🔥Questa configurazione si originerà il prossimo 21 Dicembre, giorno del solstizio d'inverno (mio compleanno), e giorno in cui la grande depressione storica volgerà al termine. 


🌞🌞🌞Per quel giorno, ho realizzato per te un rito che potrai leggere sul mio libro intitolato "Sol Invictus" (acquistabile su ogni store online, e su Amazon, subito disponibile, anche se un errore tecnico mostra non lo sia)


✨✨✨👁️ È un incredibile e meraviglioso mistero, quello della psiche umana. 

🌞 E l’astrologia è come un sole che illumina l’oscura profondità del nostro inconscio; è un raggio di luce che spazza via le nubi dell’inconsapevolezza. 

👁️ “Conosci te stesso” diceva l’oracolo di Delfi, perché ciò significa abbracciare la conoscenza di te, del tuo futuro, per prevedere il comportamento degli altri. 

✨“La scoperta e la conoscenza sono la musica per la tua danza”. E tu vuoi danzare con il potere del sole invincibile?


🌟Il 21 dicembre, giorno del solstizio d’inverno, è il più magico dell’anno, perché si apre un simbolico portale di energie che ti ricordano antichi culti pagani di rinascita e rigenerazione. Tra queste, nel giorno della grande congiunzione tra Giove e Saturno, spicca l’energia del sole invernale che sorgendo perfettamente a sud est e fermandosi per tre giorni in quella direzione, proseguirà il suo moto trionfante e radioso. ​🌞🌞🌞


👁️🔥In quei giorni così carichi di mistero, puoi fare come gli antichi e saggi uomini di un tempo, ma con gli strumenti di sapienza che ho scelto per te. Con questo libro potrai:


💪scoprire i tuoi punti di forza;


👁️sviluppare più consapevolezza;


🥳imparare a gestire le tue relazioni;


🔥conoscere il potere del tuo sole invincibile;


🌈conoscere il tuo pianeta avatar;


🌟sperimentare l’energia della connessione;


♥️scoprire lo scopo della tua vita;


💪realizzare i tuoi obiettivi;


È un’occasione unica, da non perdere, perché da quel 21 dicembre, l’indice ciclico planetario subirà un’inversione di rotta per concedere all’umanità uno dei periodi più fiorenti della storia, dopo aver attraversato l’infernale plutoniano.


🌟🌟🌟Quando trovi un senso alla tua vita, l’Universo intero si illumina. Psicologia, Coaching e Astrologia per trovare lo scopo della tua vita, per realizzare obiettivi, e gestire conflitti. Un nuovo, appassionante, curioso viaggio tra le stelle e dentro la tua anima per scoprire il potere del tuo sole invincibile.


🌈🌟✨🌞Acquistabile su tutte le piattaforme di vendite libri online. Ecco il link per l'acquisto su Amazon: https://www.amazon.it/Sol-Invictus-Giuseppe-Rami-Galeota/dp/B08NDZ2QFP/ref=mp_s_a_1_72?dchild=1&keywords=sol+invictus&qid=1605349163&sprefix=sol+Invictus&sr=8-72

venerdì 4 settembre 2020

Spiritualità e psicologia

 Il mio costante percorso di crescita culturale mi ha portato a comprendere una cosa: la filosofia alla base di certe dottrine spirituali ha influenzato sicuramente lo svilupparsi di certe ideologie della psicologia e certe ideologie della psicologia moderne, possono senz'altro essere utilizzate per sviluppare ulteriori concetti filosofici utili per la crescita spirituale. Lo scopo ultimo in ogni caso è non solo la consapevolezza, ma anche l'efficacia in pratica.

La differenza tra uno spiritualista e uno psicoterapeuta sta sostanzialmente nel fatto che il primo esprime le sue affermazioni sul proprio cliente in maniera dogmatica, perché sente la verità dentro, perché nell'intimo sente che tutto ciò è vero, magari fidandosi di uno spirito guida o di canalizzazioni. Questa fiducia cieca nel sentire, lo spinge a non cercare e a non dare dimostrazioni. Lo psicoterapeuta invece ha dubbi a proposito della propria stessa valutazione del cliente, e corregge il tiro man mano che si sviluppa la relazione terapeutica. Lo spiritualista parte già da una verità, lo psicoterapeuta invece formula delle ipotesi che corregge in itinere e si aspetta delle dimostrazioni e delle prove della correttezza del proprio ragionamento e dell'efficacia del proprio trattamento. 

Lo spiritualista crede, lo psicoterapeuta scopre. Lo spiritualista crede di essere psicoterapeuta, lo psicoterapeuta cerca di usare quanti meno dogmi possibile. 

Lo spiritualista crede di avere la verità. Lo psicoterapeuta la cerca. Lo spiritualista ha fiducia, lo psicoterapeuta ha dubbi. Io ho dubbi, tanti, che mi tolgo cercando prove e dimostrazioni, perché chi ha già una verità ha smesso di imparare. 

Sapete bene: sono un astrologo, ho una laurea in scienze e tecniche psicologiche, ho scritto dei libri, migliaia di articoli eccetera eccetera. So il fatto mio. Tuttavia la mia biblioteca continua a crescere. Perché? Perché non mi è sufficiente ciò che già so e ciò che ho scoperto con la mia cultura e intelligenza. Molti libri mi deludono, altri mi cambiano. L'amico Davide Tuveri a proposito della spiritualità mi ha fatto il copia incolla di un lungo testo scritto dallo spuritualista Andrea Panatta, frasi che mi hanno colpito. Così ho deciso di comprare i suoi libri e sto per cominciare a leggerli con lo scopo di trarre il massimo insegnamento e magari di trovare ulteriori argomenti che possono essere utili per la stesura dei miei prossimi libri. Ecco il copia-incolla che mi ha spinto all'acquisto di questi libri.

I Normali e gli Spirituali

"Ho visto scorrere il meme sottostante condiviso da diverse centinaia di persone ultimamente. E ogni volta onestamente avevo un crampo allo stomaco.. lo so, perdonatemi se sono ancora umano e non sono illuminato. Quello che mi colpisce in sé , è la velata forma di razzismo che il meme vuole veicolare. "Noi spiritualisti non possiamo essere compresi dalle persone normali". Il che è esattamente il gioco dell'ego che tende a separare piuttosto che integrare.

Potremmo soffermarci anche su un altro pericoloso aspetto di questo messaggio apparentemente innocuo: il fatto che si cerchi la spiritualità per sentirsi speciali, una specie di supereroi dotati di poteri paranormali e quindi, ancora una volta, distinti dalla massa dei comuni mortali. Inutile dirvi che non è così. Sapete, tanti anni fa (più o meno 23) anche io ebbi questa fase, una fase che i miei maestri definivano adolescenziale, nella quale scoprìi il meraviglioso mondo della spiritualità: energie, coscienza, piani sottili, chakra e auree, occultismo e spiritismo, canalizzazioni e chi più ne ha e più ne metta.

 Ebbene sì, ho attraversato anche io quella fase entusiastica, euforica nella quale ci si nutre di qualsiasi cosa sia fuori dall'ordinario e si scopre che probabilmente la vita ha anche un aspetto occulto del quale pochi si preoccupano e che sembra rispondere a tutte le domande sull'esistenza. Ricordo che affrontai questo periodo a seguito di tutta una serie di strani episodi che per me rappresentavano un contatto con lo spirito, con la sensazione di essere 'speciale', di essere una specie di 'eletto' perchè in effetti vedevo cose che altri non vedevano e sembravo essere cosciente di fatti che ai più erano sconosciuti (e me la tiravo per questo...oh se lo facevo).

Questo ebbe due effetti all'epoca: da una parte spinse la mia curiosità ad indagare più a fondo e mi fece scoprire un sacco di belle cose, dall'altra però mi portò gradualmente a negare la vita 'ordinaria', con tutto il suo insieme di cose noiose, scontate, banali, le cose di cui i 'normali' si occupavano: i soldi, le relazioni, il futuro, il lavoro, il gioco, la creatività..cose normali insomma. E ancora più in là mi provocò una bella depressione che ci misi anni a comprendere e ancor di più a risolvere: chi mi tirò fuori da quel casino mi disse sostanzialmente questo. Non si può crescere in una direzione spirituale senza curarsi contemporaneamente anche di quella materiale. Negando un aspetto dell'esistenza si rafforza proprio ciò che si nega, e quel che è negato prima o poi tornerà a farsi vivo, centinaia di volte più forte di prima.

Mi disse anche che lo spiritualista polarizzato è affetto da questa particolare forma di razzismo nella quale i 'normali' non sono più visti come persone degne di essere incluse nel proprio panorama. Si isola dalla normale vita sociale perchè non ritenuta utile alla crescita spirituale e si convince che dovrebbe sempre stare con persone simili a lui. Non si interessa più del mondo reale con la conseguenza di un progressivo scollamento da cose come la politica, la società, l'economia, la psicologia e la scienza, ritenute in qualche modo inferiori e non 'profonde'. Al giorno d'oggi posso però dirvi questo: la polarizzazione spirituale è una forma di stupidità difficilmente guaribile se non viene riequilibrata con una potente dose di realtà.

La distinzione fra 'normali' e 'spirituali' è a conti fatti un infantile tentativo di sentirsi speciali, normalmente eretto a difesa di qualche privazione affettiva o di una incapacità di adattamento e quindi, come tale, non funzionale a un buon equilibrio psico-fisico e una buona integrazione con il resto dell'umanità. E se siamo tutti uno, allora siamo uno anche con quei 'normali' che non possono capirci (in teoria). Le poche persone che mi hanno convinto in questo percorso durato 23 anni, erano e sono persone dotate di una forte energia spirituale, grandi capacità (e poteri) ma che sono anche molto efficaci sul piano della normale realtà di tutti i giorni. Sicuramente non sono persone che hanno difficoltà a comprendere o ad essere comprese dai 'normali', anzi, sono estremamente integrate nella cosiddetta società normale, tanto da non dare nell'occhio e da risultare assolutamente ordinari. Perchè il fatto è questo. Più si cresce più si tende a voler rimanere umili, ordinari, e invisibili esteriormente, più si cresce più si impara a essere totalmente nel mondo, ma senza essere totalmente del mondo."