DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

lunedì 31 ottobre 2016

La strada più dura

Risultati immagini per cartello campo minato
Buonasera Signor Al Rami,
mi chiamo G. e da poco mi sto interessando di astrologia.
In realtà già da qualche anno avevo iniziato a leggere dei testi di astrologia di autori diversi. Spesso le opinioni su alcuni argomenti erano molto diverse (cito ad esempio le orbite degli aspetti; i vari domicili, esaltazioni ecc.), per cui la mia mente abbastanza scientifica cominciava ad avvertire una certa confusione.
Decisi così di seguire un autore per volta in modo da poter fare dei confronti e scegliere quello che più si addiceva alle mie esperienze.
Scelsi di seguire la Morpurgo, anche se non condivido al 100% tutto quello che sostiene, ho constatato che molte delle sue interpretazioni applicate al mio vissuto si sono rivelate esatte. Tralascio altri dettagli per non essere troppo prolisso.
Le domande che le volevo porle sono le seguenti:
1) Quali orbite utilizza per gli aspetti? Utilizza anche qualche aspetto minore?
2) Come considera l'influenza di urano e plutone nel mio tema natale? (Plutone a 1° dal Fondo Cielo lo considera in terza, in quarta o in entrambe?) Stesso discorso per Urano a 3° dalla cuspide della quinta.
3) Mi può spiegare meglio come interpreta le case vuote? In un suo video afferma di non tenere conto delle dignità dei pianeti, quindi quali governatori usa per chiarire il significato delle case? Come agisce il governatore di una casa in un'altra casa?
Mi rendo conto di aver riportato domande che per gli esperti sono fin troppo ovvie, ma le assicuro che generano non poca perplessità nei neofiti.
Si senta libero di rispondere alle domande che vuole.
I miei dati sono i seguenti:
(...)
La ringrazio anticipatamente per il tempo che vorrà dedicarmi.

Quando cominciai a studiare astrologia fui molto fortunato perché mi ritrovai tra le mani la nuova guida all'astrologia di Ciro Discepolo. Poi ebbi modo di acquistare numerosi numeri di Ricerca'90 sempre curato da Discepolo, ma che conteneva interventi di astrologi appartenenti ad altre scuole tra cui anche quelli della Morpurgo. Però è studiando i testi di Discepolo che piano piano sono divenuto sempre più critico e scettico e ho cominciato a distaccarmi completamente da quella fetta di astrologi (cioè il 99,9%), che invece sono affascinati dall'aspetto mistico e spirituale della materia. 

Per me era troppo facile quel tipo di astrologia spirituale, mentre è difficilissimo parlare di scienza come Dio comanda. Per parlare in "mistichese" non c'è mica bisogno di prove e controprove! Per parlare di scienza invece bisogna rimboccarsi le maniche e spaccarsi la schiena sui libri. Ed è per questo che ho scelto questa strada. Non mi piacciono le vie facili. 

L'approccio che ho deciso di seguire io, lo definisco "trappola mortale": ciò che pratico deve reggere a mille prove, o quantomeno deve reggere il più possibile. Ho dovuto sostenere un addestramento veramente duro che alla fine mi ha dato gli strumenti per vedere le cose in maniera più critica e obiettiva.  Chi non ha studiato certe cose non può capire. Anzi, nemmeno le vuole capire perché si affida alla la nuove leggenda metropolitana del web: si può essere razionali e valutare le cose senza studiare, semplicemente connettendosi alle potenze dell'universo per mezzo del proprio cuore. Solo in questo modo si può avere la conoscenza suprema  e si possono valutare obiettivamente le cose. Sarebbe come a dire che studiare non serve a niente perché dentro di noi abbiamo tutto ciò che serve. Le solite scuse per non studiare. 

È chiaro che l'impegno non viene premiato perché altrimenti la gente, (anche maestri di una certa importanza) non perderebbe tempo a  mettere il proprio like sui soliti oroscopi lunari che sarebbe in grado di fare persino mia nonna, se naturalmente  avesse un minimo di creatività e conoscenze astrologiche di base. Quindi è bene mettersi l'anima in pace e bisogna rassegnarsi al fatto che le cose che richiedono maggiore riflessione non piacciono e non le legge quasi nessuno. Per questo ho cancellato la mia iscrizione da Facebook. Però ho delegato alcune persone per pubblicizzare i miei lavori: non si sa mai che salti fuori qualcuno disposto a leggere qualcosa di più complesso. 

Ma bando alle ciance veniamo al dunque. 
1)Le orbite che uso sono molto strette: io ho una quadratura tra Luna e Venere che supera i 6 gradi. Leggendo ogni testo astrologico ho notato che quei significati non mi appartengono. Quindi ho compreso che A)le orbite devono essere strette e B)non si allargano nemmeno se si tratta dei luminari. Ho Plutone in 2^ che poteva essere, per poco, in trigono al MC. Mi piacerebbe molto un aspetto del genere, ma io non ce l'ho e non posso accettare qualcosa solo perché mi piacerebbe averla! Cerco di essere onesto con me stesso e spero che questo mi porti ad essere più obiettivo. 
Da questo specchietto noterai che utilizzo anche semisestile, quinconce, semiquadrato e sesquiquadrato. Le orbite per i transiti ovviamente sono decisamente molto più strette.

2)Un pianeta sulla cuspide tra 3^ e IV^ non solo agisce su entrambe le Case, ma è anche dominante. Un pianeta a tre gradi da una cuspide agisce solo in una Casa. Però, dato che non abbiamo certezza assoluta dell'orario di nascita, e ammettendo per assurdo che quel pianeta si trovi a circa 2 gradi di distanza dalla cuspide, anche in questo caso è da considerare come funzionante in due settori contemporaneamente. Per stabilire se hai Urano vicino alla cuspide della 5^ Casa, bisognerebbe analizzare la tua vita. Se agisce solo in IV vuol dire che l'orario è esatto o sei nato pochi minuti dopo. Se invece vediamo che ha funzionato in due Case, allora vuol dire che sei nato un po' prima. Questo tipo di indagine può aiutare a correggere l'orario di nascita. 

3)Le Case vuote vanno lette considerando semplicemente il fatto che i segni zodiacali al loro interno rappresentano la modalità con cui si esprime un bisogno. Non è importante il fatto che all'interno di una Casa non ci sia un pianeta. Il governatore di un segno serve solo a dare qualche informazione in più sulla Casa stessa. Facciamo un esempio. Io ho la VII Casa in Pesci. Il mio bisogno di relazioni si manifesta un po' idealizzando il prossimo (Pesci). Siccome i Pesci sono governati da Nettuno e questo si trova in IV^, posso dire che non solo c'è un'idealizzazione, ma che la partner ha attributi Cancro o è legata alla casa. Infatti vive a casa mia con me ed ha Venere in Cancro.  
Questo mese segnaliamo una forte crescita delle visualizzazioni sul mio blog. Un vero e proprio record! Più di 10.000 visite in un mese! Un grandissimo recupero dopo un poderoso calo estivo. Non mi dite che vi stanno piacendo le cose che scrivo! Sicuramente anche merito dei miei video didattici. 

Nessun commento: