DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

mercoledì 4 aprile 2012

la mia previsione su Mario Monti. (2^ parte)

A questo link:  http://alramiastrologo.blogspot.it/2012/03/mario-monti-la-previsione-astrologica.html avevo scritto che l'argomento "morte" in generale, sarebbe stato l'elemento ricorrente del suo anno astrologico. A pochi giorni dal suo compleanno vediamo delinearsi le prime corrispondenze tra quanto da me previsto e gli eventi del premier Monti.
Oggi infatti su libero "affari italiani" alla pagina: http://affaritaliani.libero.it/cronache/di-pietro-attacca-monti-hai-tutti-quei-suicidi-sulla-coscienza040412.html leggiamo l'intervento di  Di Pietro: "Monti ha quei morti sulla coscienza", riferendosi ai suicidi a causa del'aumento delle tasse. 
Continua dicendo: "La gente non arriva a fine mese, molti si stanno suicidando, lei questi suicidi ce li ha sulla coscienza...".Di Pietro ha parlato di "scelte drammatiche del governo, Sono stati stabilizzati 767 dirigenti senza averne i titoli - ha continuato - questa e' complicita' nel reato. State facendo pagare l'Imu agli ospizi. C'e' una una scelta di continuita' con Berlusconi - ha proseguito - Monti non viene in parlamento ma va a raccontare bugie ai giornali. Lei - ha detto di Pietro riferendosi a Monti - ha i suicidi sulla coscienza".

Quindi, come da me previsto l'argomento "morte" si sta manifestando attraverso questi suicidi. Io ho previsto un lutto, ma penso che Saturno in 11^ casa di rivoluzione, assieme agli altri valori di 8^ significhi pure questo. 

Il premier continua a subire colpi, ma ho previsto pure che vi saranno notevoli miglioramenti per la sua carriera lavorativa. Sembra un controsenso considerando il fatto che gli Italiani vogliono "linciarlo". Eppure, contrariamente a quello che sembrerebbe essere di buon senso (ovvero una caduta di prestigio a causa dei numerosi rincari), io ho visto all'opposto una riuscita. Staremo a vedere. 





15 commenti:

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

qualcuno in vena di battute simpatiche ma a corto di elasticità, scrive: "è facile fare una previsione in questo modo: basterebbe che morisse il suo pesciolino rosso per parlare di lutti?

Non riesco a decidere se si tratta di una reale mancanza di elasticità o di una frase provocatoria. Avevo anticipato che fare una previsione mi sarebbe costato subire ancora le stupidaggini di qualche perditempo, oppure le provocazioni di qualche ignorante. Ebbene, non mi sono sbagliato nemmeno questa volta.

Penso non ci sia bisogno di rispondere a una domanda del genere per quanto sia ovvia la risposta ma penso che lo farò ugualmente perchè non posso sperare che tutti abbiano la prontezza intellettiva necessaria a capre il tutto: immaginiamo per esempio che Mario Monti abbia un pesciolino rosso. Immaginiamo che questo pesciolino muoia. Questo evento sarà descritto nel grafico oroscopico del presidente? Sì se questo pesce rappresentasse per lui qualcosa di importante, significativo. No se non rappresentasse nulla di importante. Senza arrivare a queste stupide esagerazioni dell'ingenuo provocatore, possiamo dire che sentirsi dire di essere artefici della morte di alcune persone non è cosa di tutti i giorni. Immaginiamo la sofferenza e la preoccupazione del presidente del consiglio che è necessariamente colpito da quello che sta succedendo in Italia, dato che è per causa sua. Questi sono eventi così importanti che necessariamente sono significativi all'interno di un anno astrologico.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

ultime: si delinea un patto segreto con Montezemolo... indiscrezioni? falsità?
Cominciano, come da me previsto, le questioni "segrete" di cui parlavo...

Anonimo ha detto...

Perché censuri i messaggi? Dov'è che qualcuno ha parlato di pesciolini rossi? Perché hai riportato questa frase senza riportare integralmente il messaggio? Come mai finisci sempre per etichettare chiunque la pensi diversamente da te come uno stupido e un provocatore?

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Il messaggio non è stato affatto censurato. Si tratta di un commento che ho ricevuto su facebook che ho pensato di inserire qui dato che è più pertinente. Per tutelare la privacy del soggetto in questione (nonostante fosse solo un provocatore) ho deciso di rimuovere il suo nome e il resto dei contenuti. Se leggi altri commenti sparsi per il mio blog, noterai che alcuni la pensano diversamente da me e i toni sono rimasti sempre pacati. Però non tutti sono educati: qualcuno è profondamente offensivo e pertanto io sono costretto a censurare i suoi messaggi. Qualcuno mi da del ciarlatano senza conoscermi e non capisce nemmeno le mie risposte. Cosa dovrei fare? dargli soddisfazione? Non avrebbe senso rispondere a chi provoca, a chi offende e sopratutto a chi non ha le capacità per capire. Alcuni di quelli che decidono di commentare il mio blog, sono davvero ignoranti e maleducati; e non perché la pensano diversamente da me, ma perché non si sforzano di capire le mie risposte. Insomma, scrivono solo negare qualsiasi cosa io scriva, senza applicare il cervello e rimangono ancorati alle loro convinzioni. Non ha senso che mi facciano domande se poi non sono disposti a mettersi in discussione e imparare. Da parte mia è una perdita di tempo cercare di far ragionare chi proprio non vuole, chi ha deciso di rimanere ancorato ai propri pregiudizi e convinzioni. Voglio raccontarti un episodio: Qualche giorno fa ricevo un invito su facebook per partecipare a un test. Senza alcun pregiudizio, ma badando bene che non fosse un membro del CICAP (i membri di tale comitato è risaputo non sono molto educati e rispettosi, come ho imparato a mie spese ogni volta che ho cercato un confronto) ho accettato la "sfida". Ho approvato l'amicizia su facebook e ho fatto alcune domande prima di cominciare: "quale competenza hai? Sei specializzato in qualche campo del sapere? Hai nozioni di statistica? Sei un esperto di Test?"

La risposta è stata che egli non aveva alcun tipo di competenza. Era così ingenuo da credere di poter fare un test, valutarlo, trarre conclusioni, senza una benché minima conoscenza di basi scientifiche o logiche.

Per lui era sufficiente la sua logica. Allora gli ho detto che doveva prima studiare un poco, e poi poteva ritornare a farmi il test, perché altrimenti mi avrebbe fatto perdere del tempo.
la sua risposta è stata che dovevo risparmiarmi il sermone e dovevo dargli le dimostrazioni che mi chiedeva.
E io con calma e pazienza gli ho detto che senza alcun tipo di competenza non aveva gli strumenti per valutare obbiettivamente le mie risposte.
Naturalmente, invece che mettersi da parte, accettare umilmente i suoi limiti, ha cominciato a provocare, proprio come fa qualcuno qui sul mio blog.
In sostanza, molti senza alcuna competenza, sono convinti di fare domande intelligenti, ma invece non hanno l'umiltà di accettare la loro condizione di "ignoranza": vogliono confutare l'astrologia, le mie affermazioni, ma non si rendono conto che si comportano come bambini: un minimo di preparazione è indispensabile; e dalle domande che mi vengono poste io comprendo subito se sto dialogando con un ragazzino che vuole giocare a fare lo scienziato o con uno studioso serio.

Io conosco bene come si comporta il ragazzo che mi ha fatto la domanda sul pesciolino rosso; e so che è un provocatore. Riconosco il provocatore dal fatto che cerca di trovare il pelo nell'uovo nelle mie risposte e non si cura minimamente di capirle. Potrai immaginare che è snervante dare risposte e vedere repliche sciocche. Mi viene da pensare: "perchè non vai a giocare da un'altra parte?"

Anonimo ha detto...

Io avrei delle obiezioni su questa previsione che non mi sembrano particolarmente sciocche. Sarò censurato?

1) Nella previsione si ventilava la possibile morte di un parente, mentre qui si parla di morte di persone estranee, e non è la stessa cosa. Capisco che la simbologia riguarda la morte, però la previsione è diversa dalla realtà.

2) Ma qual è la realtà? La questione delle presunte vittime di Monti è stata tirata in ballo da Di Pietro, e non è che quello che dice Di Pietro sia il vangelo.

Monti è al governo dal novembre scorso, se ci sono delle persone che si suicidano non può essere colpa sua, evidentemente queste persone avevano già dei problemi da prima del novembre scorso.

Al massimo si potrebbe accusare Monti di non essere riuscito a risolvere in 5 mesi la situazione precedente, ma come potrebbe, non è mica Mandrake.

Ciò che ha detto Di Pietro non è la realtà, ma una interpretazione della realtà piuttosto demagogica.

Non voglio parlare di politica, anch'io ho dei forti dubbi sul fatto che aumentare le tasse sia un metodo per uscire dalla crisi, vedremo se oltre a questo Monti riuscirà a trovare delle soluzioni.

Ma allo stato attuale non si può fare l'uguaglianza Monti=Morte.

Il fatto che invece tu la faccia, sembra proprio motivato dal fatto che vuoi far quadrare i conti.

Adatti la realtà per farla coincidere con la tua previsione.

Inoltre le tue previsioni sono state fatte sull'ipotesi che Monti ha trascorso il compleanno ad Aquila, mentre se cosi' non fosse l'ascendente di rivoluzione non sarebbe più in ottava, dico bene?

Tu come sei arrivato a convincerti che ha passato il compleanno ad Aquila?

Se ben ricordo hai basato questa scelta solo sul fatto che qualcuno ha scritto che quel giorno Monti ha fatto tardi, e quindi che probabilmente ha passato li' la notte.

Ma è solo un'ipotesi, perché bisognerebbe invece andare a cercare i quotidiani di quel giorno per vedere dove Monti ha passato veramente la notte.

E se poi viene fuori che non aveva l'ascendente in ottava, che succede della tua previsione?

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Ecco la dimostrazione pratica di come non interessa ottenere la verità ma solo confutarla: se leggi con attenzione il mio articolo noterai che ho parlato di morte in "generale". Cosa significa? Non penso ci voglia una laurea. Poi ho parlato di morte in "particolare" specificando l'eventualità di un lutto. Cosa succederebbe se Monti non avesse trascorso il compleanno a L'Aquila? Anche qui non sei stato attento: infatti ho scritto che i lutti (e la questione morte in generale) sono confermati anche dalla posizione di Saturno in 11^ casa che è quasi equivalente a quella sopra descritta. Il pianeta non varia di posizione giacché non risulta essere in una zona limite tra due case. Se tu avessi letto con attenzione il mio articolo, non saresti giunto a fare queste osservazioni inutili. Sarebbero state utili se per davvero non avessi scritto quello che ora sto ripetendo. Quindi, questo significa che si cercano assolutamente peli nell'uovo che non esistono. E scommetto che ne troverai altri, giusto per il gusto di negare la validità della mia previsione, proprio come fanno molti provocatori. Se per te le osservazioni del provocatore del "pesciolino rosso" sembrano pertinenti è perchè ancora non hai capito quanto certe situazioni possono essere significative, oppure perchè anche tu vuoi solo provocare. Disattenzione o provocazione? Anche se Monti non è il diretto artefice dell'accaduto, cosa importa? Non è forse un evento per lui preoccupante? Di Pietro afferma quello che affermano milioni di persone e i parenti delle vittime stesse. Alle "stelle" non importa di chi è la responsabilità o la colpa: importa la reazione emotiva del soggetto in relazione a una data situazione. Esse descrivono questo. I suicida sono morti a causa di una situazione pregressa? Ma cosa importa? Importa che tutta questa situazione influisce sulla vita del premier! Come si sentirà dinnanzi a tutto ciò? Farà spallucce? Oppure in qualche modo sentirà il peso dell'opinione pubblica? E non è forse grazie ad essa che noi abbiamo alcune indicazioni (giuste o sbagliate che siano)sul nostro operato o ruolo in società, se abbiamo del potere sociale? Più aumenta il nostro potere, il nostro prestigio, la nostra popolarità e più diveniamo vittima delle persone che ci giudicano e condannano ma che sanno anche lodarci e portarci in gloria quando facciamo qualcosa di buono o cerchiamo di rimediare a un danno senza farne altri. Bene, l'opinione pubblica parla di "morte". Questo "simbolo" è ricorrente ed è così significativo da condizionare eventualmente, le scelte future del premier o quantomeno di indurlo a una seria riflessioni su quello che sta accadendo in Italia e per questo sentirsi in qualche modo responsabile seppur indirettamente. La responsabilità del futuro dell'Italia dipende da lui, e lo sa benissimo: è proprio il suo ruolo. Non penso ci sia bisogno di ulteriori chiarimenti.

Anonimo ha detto...

Va bene, allora hai ragione tu, hai fatto una previsione azzeccatissima. Io però non mi farei mai fare un oroscopo da te, perché se mi muore un parente nel corso dell'anno, vorrei sentire questa previsione, se invece è il mio lavoro che potrebbe indirettamente causare la morte di qualcuno è questo che vorrei sentire, e se invece c'è qualcuno che mi accuserà di aver causato la morte di qualcuno, anche se io non ho nessuna colpa è ancora una volta questo che vorrei sentire.
Se nella sua astrologia una cosa vale l'altra, non sono disposto a pagare per un servizio del genere che non mi sarebbe di nessuna utilità.

Saluti

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Ancora errori! Ho scritto mille volte che per fare una previsione precisa e comprendere dove andrà a parare un simbolo astrologico occorre:
1)conoscere la vita del soggetto
2)avere a disposizione i dati di tutti i famigliari
3)avere la possibilità di confrontarsi direttamente con l'interessato
4) considerare fattori ambientali
5) considerare altri fattori indipendenti dall'astrologia.

A priori, senza considerare i dettagli di cui sopra possiamo delineare un quadro generale seppur generico, ma sempre corrispondente.

Non mi importa cosa vorresti sentirti dire. E non mi importa nemmeno specificare quali sono i limiti dell'astrologia. C'è chi contrariamente a come la pensi, ritiene che le mie consulenze siano d'aiuto.

Ora che hai espresso il tuo parere, di tutto rispetto anche se non condivisibile, spero finalmente frequenterai luoghi più consoni alla tua elasticità mentale e intelligenza.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

E poi, per l'ennesima volta vorrei ricordare che durante il corso dell'anno accadono più di un evento legato alla stessa simbologia; e pertanto potremmo avere tanto un lutto, tanto un'accusa di aver ammazzato qualcuno, tanto il fatto di investire un animale etc. etc. etc. Senoi disponiamo dei dati anagrafici di tutti i parenti allora saremo in grado di dire se il lutto riguarderà uno di essi o sarà semplicemente indiretto. Se invece ti aspetti di sapere se la Juventus segnerà 7 goal contro l'Afragolese, allora devi fare questa domanda a un veggente e non a un'astrologo.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Qualche osservatore disattento potrebbe dire che una cosa vale l'altra. E invece non è così. Come ho spiegato prima, durante il corso dell'anno si realizzano diversi eventi legati allo stesso simbolo; e pertanto quando parliamo di morte, dobbiamo aspettarci una serie di eventi legati ad essa, e sapremo definirli a priori con quanta più precisione se disponiamo degli elementi che ho descritto nel punto precedente. Non credo che i soliti "inquisitori" faranno lo sforzo intellettivo per capirlo.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Sto notando, come era ovvio e come ho preannunciato, che alcuni lettori di queste mie spiegazioni fanno orecchie da mercante oltre a commentare nascondendosi dietro l'anonimato. Conviene fare così per non assumersi la responsabilità delle proprie affermazioni. Ma probabilmente si tratta di ragazzini e li perdoniamo.

Passiamo a un esempio: ho scritto che una previsione si fa attraverso un colloquio preliminare. Nel caso di Monti non era possibile e quindi dovevamo aspettarci che la mia previsione sarebbe stata generica, anche se in alcuni punti sono stato preciso a delineare alcuni eventi.

Se per esempio dialogando con un consultante avessi notato Saturno nella VII^ casa e mi avesse informato di una crisi matrimoniale, osservando il grafico dell'anno successivo sarei stato in grado di dire con precisione se vi sarebbe stata una seprazione (o divorzio) con la propria compagna, proprio come feci anni fa quando analizzai il caso di Silvio Berlusconi. In realtà non ebbi modo di fare un colloquio preliminare; ma tuttavia sapevamo in anticipo che il suo rapporto di coppia vacillava. Restava solo da individuare l'anno e il momento in cui sarebbe accaduto. E così feci. Quando non si ha la possibilità di conoscere a fondo la vita del soggetto diventa difficile fare una previsione; pertanto si procede a elencare possibili eventi che riguardano lo stesso simbolo astrologico. La cosa non significa che tutto vale tutto: significa al contrario che con tale posizione più cose si realizzano durante il corso dell'anno, alcune di esse perfettamente prevedibili, altre solo ipotizzabili, altre imprevedibili ma in linea con i significati del pianeta e del settore in cui si trova. Lo ripeto ancora una volta: la determinazione di un evento è opera difficilissima considerando che i fatti umani sono subordinati a fattori astrologici, ambientali, sociali, culturali, genetici e ...casuali.

Ora le domande che mi vengono poste sono pretenziose: se questi piccoli provocatori avessero letto almeno uno dei miei 250 consulti, avrebbero compreso che quando i consultanti mi fanno una domanda rispondo in modo preciso e non generico, ma poco preciso solo quando non ho sufficienti elementi di analisi a disposizione.

Anonimo ha detto...

Ma l'8^ casa non è anche quella delle eredità, dei soldi? Si è parlato molto anche dei suoi guadagni se non sbaglio

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Sì, infatti ho anticipato anche questo. Siccome non mi interesso di politica e dell'Italia in generale, (ho altri interessi) non sono al corrente dei fatti che citi. Mi puoi dare qualche riferimento, link a proposito di quel che affermi?
p.s.: firmati con nome e cognome

Anonimo ha detto...

Per quale motivo un piccolo provocatore dovrebbe firmarsi con nome e cognome?

Per farsi insultare meglio?

Ho notato che lei molto spesso invece di rispondere alle questioni che vengono sollevate, preferisce accusare coloro che la criticano di chiusura mentale e scarsa intelligenza.

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Ma sarà vero quello che afferma questo anonimo? Ho lasciato passare il commento unicamente per mostrare come spesso qualcuno sia predisposto alla dissonanza cognitiva: dice che io non rispondo alle questioni sollevate; ma purtroppo per lei, i lettori non sono stupidi e leggono chiaramente che all'opposto, io ho risposto a ogni domanda senza tentennamenti, senza divagare, senza sviare. Insomma, verba volant e scripta manent. Non riesco a comprendere il senso di questo intervento dato che l'evidenza della sua falsità risiede proprio attraverso tutte le mie risposte in questi 14 commenti: tutte le insinuazioni o domande hanno trovato una risposta precisa. Allora è veramente dissonanza cognitiva o ancora una volta distrazione? Sono sicuro che non riuscirà a trovare un solo caso in cui mi è stata posta una domanda e io ho sviato accusando di chiusura mentale o altro. La mia critica è stata sempre preceduta o seguita da risposte alle domande che mi venivano poste; e ricevere ulteriori domande fuori luogo, (che davano dimostrazione di non aver letto con attenzione il mio commento precedente) o ricche di insinuazioni e falsità (come per esempio quelle del post numero 5, a cui ho risposto con tutta tranquillità) significa che sto rispondendo a una persona ( o più di una?) che non ha assolutamente alcuna voglia di imparare. Che senso ha fare domande se tanto non sei disposto ad accettare le risposte? L'argomento iniziale non era forse definire la significatività di un evento in relazione alle posizioni astrologiche? Dopo aver risposto a quello che inizialmente poteva sembrare un dubbio, sono state sollevate altre domande che non mi sarebbero state poste se solo il mio articolo fosse stato letto con attenzione. Questo, ribadiamolo, significa DISTRAZIONE, oppure voler trovare peli nell'uovo che non esistono e l'ho dimostrato. Domandare è lecito, rispondere è cortesia, ma insinuare diventa provocazione, fare domande a cui io ho già dato risposta è distrazione o provocazione, dire bugie (come per esempio quella che preferisco sviare e offendere piuttosto che rispondere) è dissonanza cognitiva.

Le ho detto che non ho tempo da perdere con bugiardi (e ne abbiamo avuto ora dimostrazione pratica)o provocatori come lei, che sono solo capaci di negare tutto a oltranza, anche le evidenze più schiaccianti.

In questo giorno di Pasqua si svaghi un poco e vada a giocare da un'altra parte. Se vuole fare domande la prego di essere serio, di non scrivere bugie, di leggere con attenzione le mie risposte. In quel caso vedrà che non sarà accusato di essere un provocatore o un ignorante o una persona con dissonanze cognitive. Semplice no?

Auguri di buona Pasqua e si rilassi: abbiamo capito che non condivide le mie affermazioni. Cosa me ne importa? L'importante è che lei non mi faccia più perdere tempo se non ha l'accortezza e il buon senso di perderci qualche secondo in più per leggere con attenzione. Stia bene.