DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

lunedì 1 luglio 2013

Sagittario, Kirone e mitologia

 
Così mi stuzzichi però e mi fai sorgere altre domande. Sicuramente mi sfugge qualcosa: perchè il Sagittario ha a che fare con l'insegnamento che per quanto ne so io è "affare" di quinta casa/Leone?....ASPETTA. ASPETTA, ASPETTA mentre scrivo mi risovviene qualcosa in mente: il Sagittario è cosignificante della nona casa che se non vado errata attiene anche agli studi. E' così?

E' un piacere interagire con te. Spero però di non sottrarti del tempo prezioso.
Zeus mise in cielo, sotto forma di costellazione Kirone, il centauro che allevò Ercole e Achille. Esso era il loro insegnante oltre a essere un medico e un guaritore. Oggi si attribuscono le stesse caratteristiche all'asteroide omonimo; ma il mito è sempre lo stesso. Se all'asteroide vengono attribuite le caratteristiche di guaritore e autoguarigione non vedo per quale motivo non dovrebbe essere fatto lo stesso per il segno zodiacale dato che il mito è lo stesso e identico. Insomma, il Sagittario e Kirone sono la stessa e identica cosa. 

Come ho specificato altre volte, secondo me non ha molto senso considerare il mito per attribuire a un corpo celeste un dato valore. Infatti ogni segno zodiacale ha delle particolarità che non sono sempre condivise dal mito o che lo sono solo se si fa galoppare la fantasia e se si forza troppo la mano (oltre a quelle condivise).

Per esempio, il candore tipico del Sagittario non c'entra granché col mito di Kirone. C'entra se lo si vuole far c'entrare per forza, sempre per analogia. Ma le analogie sono ingannatorie e fallaci. 
Allora, da cosa dipendono le corrispondenze dei segni astrologici con col mito?
Semplice: in base a quello che accadeva agli uomini appartenenti a quel segno sono stati costruiti dei miti. Esempio: chi nasceva a fine Marzo aveva delle caratteristiche legate alla combattività. In quel periodo si pensò bene di associare questa combattività all'ariete che si butta impavido contro il nemico. Furono dunque attribuite tali caratteristiche a tutte quelle persone nate in quel periodo dell'anno. Successivamente, su quel segno furono costruiti i miti e le leggende. Dunque non è vero che esiste una corrispondenza a priori tra mito e fatti della vita! (alle volte sembra così). Per questo non condivido assolutamente la questione della sincronicità.
Scusami questa divagazione ma secondo me è necessaria per risponderti.
Ora, casa 9^ e segno del Sagittario condividono la questione dell'insegnamento, non perché Kirone fosse un maestro, ma perché chi studiò i nativi del Sagittario vide che si comportavano in un dato modo e per questo inventarono il mito di Kirone. Insomma, i miti non sono altro che storie che vengono fuori in base ai fatti che accadevano sulla terra, alle vicende di tutti i giorni.
Diciamo che il mito di Kirone corrisponde coi fatti perché fu costruito apposta così, e non il contrario! Cioè, non è che i fatti vanno in un certo modo perché aderiscono al mito di Kirone!
La 9^ casa ha  che fare con gli studi superiori, ma non bisogna dimenticare che anche il Leone 5^ casa ha a che fare con l'insegnamento; però ognuno con modi diversi: Il Sagittario con le valenze Giove manifesta candore, ingenuità, paciosità, tracotanza, baldanza, cieca fiducia nelle proprie capacità; il Leone con le caratteristiche del Sole si manifesta con illuminazione, controllo, autocontrollo, potere, decisione, vitalità.
Nel mio caso abbiamo: Sole in Sagittario, Luna in Leone e Mercurio in 5^ casa. Da sempre ho insegnato qualcosa a qualcuno e ho avuto dei seguaci.

2 commenti:

Alessandro D'Angelo ha detto...

Sarebbe simpatico abbellire il contenuto dello studio astrologico con una poesia che si addice al tema del "Sagittario".

INNO A GIOVE
Il Sagittario governa bene
alleviandogli molte pene.

Padre buono degli dei e'
e spiegabile e' il suo perché':

essere allegro e' il suo significato più profondo

con desiderio di godere ogni cosa al mondo.
---
Fra i romani Jupiter era il "padre della luce"

gran fuoco che tutti illumina, ma pochi conduce...

verso l'allegria, la giustizia e l'onesta'

come un allegro, sereno, e gioviale buon papà...
--
Il geroglifo di Giove ad un due-quattro somiglia

creando con il quadernario della "Bella famiglia" (4 elementi).

Zeus fu il terzo maschio, figlio di Cronos e Rea,

che per salvarlo dal padre lo getto' nel fiume Neda.
--
Nella mitologia greca lievitò il dialogo d'"amore",

sentimento molto forte, ben sentito con vero ardore.

Nel suo essere e' insita anche la giustizia vera,

sentimento innato, espresso in ogni maniera.
--
Fu egli che interruppe il rito del sacrificio sanguinoso

fatto nefasto creduto da molti utile, ma obbrobrioso.

Valore "numinoso" di espansione e di sacralità.

Giove bonario manifesta la sua vivace attività.
---
In questo mito si crea un profondo fondamento religioso.

Conflitto fra immanenza e trascendenza in modo rigoroso.

Nella cultura ebraica Tsedek significava "giusto",

dio pagano sempre allegro, ballerino, ma vetusto.
--
Egli rappresenta il valore umano verso la trascendenza

non tralasciando lo studio e l'interesse per l'immanenza.

di Alessandro D’angelo
https://sites.google.com/site/alioscias/inni/inno-a-giove

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

molto molto carina! :D