DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

mercoledì 25 gennaio 2017

Contro la Chiesa e contro la religione


Facebook come al solito è il ricettacolo della disinformazione. Le bufale passano per verità e le verità sono snobbate perché troppo normali. Tra l'altro la moda di questo periodo è quella che bisogna aprire gli occhi, che ci nascondono la verità. Ma chi? Non si sa. Forse il potere, la massoneria, gli illuminati, il Vaticano, gli alieni... 
Il web è il posto migliore per sfogare le più assurde fantasie ma soprattutto per puntare il dito contro qualcuno. L'importante è incolpare chicchessia se ciò può essere utile per scaricare i propri disagi interiori. Non c'è lavoro? Colpa della Chiesa, del Papa, di Trump, di Renzi, degli Alieni, della massoneria, etc. etc. La necessità di fare giustizia è una bugia bella e buona, altrimenti si farebbe qualcosa di concreto. E invece si perde tempo a leggere di complotti e compagnia bella. Si denuncia la società, la politica, si scrivono migliaia di articoli e si seguono i più disparati raccontatori di frottole. Ma cosa si fa di concreto? Nulla. Cosa si fa di pratico per cambiare questo sistema che tanto è denunciato? Nulla di nulla. Semplicemente piace solamente sparlare e malignare. Spirituali? Ma dove! 

Tempo fa, quando Bergoglio fu eletto a Papa furono scritte le peggiori infamie e calunnie sul suo conto. Per quale motivo? Perché c'è sempre il solito che non dorme se non trova qualsiasi appiglio per denunciare qualcuno o qualcosa. Così il Papa, per i seguaci delle cospirazioni diviene tutto l'opposto di quel che è.  E non c'è verso di spiegare le cose a chi ha già deciso che c'è da parlare male di qualcuno, che c'è una magagna da smascherare. Il problema è che a furia di credere a tutte queste cose si finisce per diventare paranoici. Così anche un semplice mal di testa diventa la scusa per dare la colpa alle scie chimiche, alle case farmaceutiche, alla massoneria, al malocchio, etc.

Tra l'altro, parlare male della Chiesa è molto facile dato che grazie a radio e tv scopriamo le storie più cupe di preti pedofili o della ricchezza del Vaticano mentre i poveri divengono sempre più poveri. E mi sembra cosa buona fare denuncia lì dove esiste per davvero qualcosa di scabroso. Ma farne di tutta l'erba un fascio è la solita esagerazione di chi si deve sfogare per forza. Per esempio c'è chi scrive i soliti articoli falsi di suore che sono rimaste incinta, giusto per incentivare ancora più odio e disprezzo verso la Chiesa. E la gente, la stessa che dice di tenere gli occhi aperti, invece ci abbocca. Insomma, bisogna trovare un qualsiasi nemico seguendo chi parla di cospirazioni e seguendo chi si inventa le panzane più incredibili. Trump ha fatto un gesto con la mano? Allora è un Rettiliano (un alieno) e un illuminato, stando a certe voci. Si arriva all'esagerazione e si scade nel ridicolo. 

Di quel che c'è in giro sul web potrebbe anche esserci qualcosa di vero; ma solo una percentuale misera. Però la cosa veramente preoccupante è che a seguire troppo certe voci si finisce per perdere di vista completamente la realtà e si vede in ogni cosa una cospirazione. In ogni caso sembra che a rimetterci di più sia sempre la solita Chiesa, soprattutto da quando circola in giro materiale bibliografico scritto da alcuni autorevoli autori: Biglino traducendo la Bibbia parla di un Dio alieno, De Angelis invece, leggendo molti documenti storici sembra più piantato coi piedi per terra quando parla della discendenza romana di Gesù. Chi ha ragione non è importante ai fini di questo articolo; ciò che però ne viene fuori è sempre la solita solfa: la Chiesa mente, nasconde qualcosa, la religione è tutta una bufala. 

Non ci vuole certo una laurea in astrofisica o in bioingegneria molecolare per comprendere che le religioni nascono per fini sociali. Non ci vuole certo una laurea in meccanica quantistica per comprendere che ogni testo religioso non può essere preso alla lettera. Ma questo non dimostra nulla: non ci dice se Dio esiste davvero o se la trinità è un'invenzione. E allora? Allora ciò che conta è il nocciolo della questione, il succo del messaggio che viene trasmesso e non il messaggio stesso. È questo ciò che conta. Che Gesù non sia nato davvero in una grotta poco ce ne importa: ciò che importa è il messaggio di amore e di pace. Perciò, fede significa credere alla sostanza e non alla forma. Tanto più ci si fa domande, tanto più ci si allontana dalla fede. Perciò, è davvero stupido accusare la Chiesa di aver inventato qualcosa che non esiste. Che tutto sia pura invenzione o no, al fedele non importa, perché è al di sopra delle dimostrazioni.

Altrimenti che fede sarebbe? Fede significa credere senza sé e senza ma; e non è affatto irrazionale: sarebbe irrazionale se si credesse a qualcosa che può essere dimostrato falso. Ma per antonomasia, l'esistenza di un Dio non può essere dimostrata; ed è irrazionale, perciò, andare a ragionarci sopra: esistono materie che richiedono il ragionamento e altre che richiedono l'abbandono totale della ragione; altrimenti sarebbe come voler commentare un'opera d'arte con la calcolatrice. Il panino si morde e non si beve: non si può usare un mezzo inadeguato per approcciare a una data materia. 

Che la Bibbia parli di Alieni poco interessa ai fedeli: chi ci dice che gli antichi non si siano inventati tutto? Appunto fede. Quindi credere a un Dio alieno non sarebbe altro che una nuova RELIGIONE: esistono vasi e manufatti con rappresentazioni di uomini con teste alate e altre figure mitologiche; ma mica questo significa che tali uomini siano esistiti per davvero! Perciò anche la Bibbia potrebbe contenere molti fatti inventati anche se parlasse di alieni. Ma che ce ne importa? Mica siamo ai tempi in cui dovevamo credere in Adamo ed Eva! Per il fedele ciò che conta è il messaggio e la fiducia nell'esistenza di qualcosa di sovrannaturale. Chi non ha mai amato non saprà mai cosa significa amare; e chi non ha fede la scambierà sempre per irrazionalità. Quindi è davvero sciocco puntare il dito contro la Chiesa e le religioni in genere: solo uno stolto perderebbe tempo a dimostrare con la logica ciò che invece non ha nulla a che fare né con dimostrazioni e né con prove.  Quindi, perdete tempo a cercare di spiegare lì dove serve la logica: la fede va vissuta e non ragionata.

Ovviamente questo non ha nulla a che fare con la serietà di chi fa ricerca storica; ma ha a che fare, però, con chi con certe ricerche vorrebbe far crollare la fede, e mi riferisco a quei ragazzini che hanno perso Dio dentro di loro o non l'hanno mai avuto; mio riferisco a quelli malati di cospirazione che vedono la truffa e il male dietro ogni cosa. "Malus male cogitat" (i malevoli pensano il male) dicevano gli antichi...

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Buon giorno sign.Alrami il mio nome è (...).Mi permetto di chiederle un parere sul mio tema natale in particolare sul lavoro. ho studiato tanti anni per diventare medico,a causa di una brutta storia d'amore e di un compagno violento ho dovuto interrompere al quinto anno per 3 anni.Adesso lavorando in una impresa di pulizie ho potuto pagare gli arretrati DI tasse,non riesco però a studiare perché mi ritrovo a vivere in 20 mq senza una stanza per me, con i miei genitori in un paese. Le dico questo perché sembra che sia veramente ostacolata in ogni mia scelta professionale lei cosa mi consiglia,si vede dal mio tema natale per quale lavoro sono portata? troverò lavoro?potrò andarmene da casa dei miei?sono molto triste anche perché vorrei avere anche io un futuro sereno,avendo mia madre malata i soldi servono.Grazie mille sono nata il 9.04.1982 a Roma alle 9e 45.
Mi mancano 10 esami per laurearmi in medicina e credo che se riuscissi a rimettermi a studiare in un 3 anni considerando le circostanze dovrei farcela.Però quello che vorrei sapere è che strada mi consiglia DI prendere se non è la medicina sono disposta a mettermi in gioco.Ho un compagno che vive distante ed ha un lavoro stagionale nella ditta di pulizie dove l'ho conosciuto,adesso dovrebbero richiamarlo per lavorare a marzo come a me .Fatto sta che non possiamo fare una famiglia per il momento e lui vive con i suoi a 140 km di distanza.Mio padre mi sta aiutando  potremo prendere in affitto con la mia famiglia una casa più grande.In più c'è una piccola pensione DI mamma che ha (...) e anche con quella tiriamo avanti, (per inciso faccio io da badante a mia madre).Mi trovo in questa situazione perché mi sono lasciata rovinare la vita dal mio ex compagno che sono riuscita a lasciare,anzi dal quale sono scappata un anno fa circa.Tale persona era estremamente possessivo gelosa,mi ha fatto violenza psicologiche, mi chiudeva in casa mi ha impedito di studiare...mi ha allontanata da tutti compresi i miei genitori . Dopo la fuga da tale essere (che ho avuto la forza di denunciare grazie ad un centro anti violenza) i miei genitori mi hanno dato rifugio,ho trovato lavoro anche se per lavorare facevo la pendolare alzandomi alle 4 di mattina mi sono rimboccata le maniche,ho conosciuto il mio attuale compagno.Adesso vado dritta al punto: riuscirò ad avere una indipendenza economica?che lavoro mi consiglia dì fare?se in ambito medico che specializzazione?riuscirò a prendere casa insieme al mio compagno.


Gentile lettrice, prima di tutto mi scuso per il tempo che ha dovuto attendere prima di ricevere questa risposta. Le domande che mi ha posto sono molte e purtroppo devo essere breve e conciso per mancanza di tempo. 
Che lei sia stata vittima di abusi si evince da Marte e Saturno in 5^ Casa. Per quanto concerne la sua instabilità negli studi, io credo si tratti della dispersività dell'ascendente Gemelli e del Sole in 11^ Casa che predispone a una carriera nel campo della progettazione. Per lei sarebbe idonea un'attività in cui sia prevista una grande possibilità di variare; ma se proprio dovessi scegliere una professione in campo medico le suggerirei la pediatria per via dei molti pianeti in V Casa, o di curare bambini affetti da patologie gravi. In alternativa potrebbe lavorare presso qualche scuola o consultorio dove sia richiesto il recupero di bambini disagiati. In che rapporto è con l'arte? Venere in X Casa e i molti valori in Bilancia e in 5^ casa lasciano supporre un'interesse per il bello in senso lato; ma forse per via di Saturno in 5^ potrebbe vivere la sua vocazione artistica in tarda età. Giove in 6^ credo sia un punto a suo favore per la carriera lavorativa e quindi penso che l'avrà di sicuro una indipendenza economica anche per via del suo aspetto fisico. Allo stesso tempo lei cambierà più volte lavoro, esattamente come descritto da quell'Urano in 6^.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Non è detto che siano sempre e solo calunnie, il giornalista Verbitsky ha condotto una serissima indagine e ne ha riportato i risultati su un libro mettendoci la faccia e esponendo varie prove a sostegno delle proprie tesi. La chiesa ha smentito tutto. Ora dove sia la verità è sempre difficile da stabilire, sia in un senso che in un altro, ma sicuramente il livello intellettuale non è basso. Bisogna sempre informarsi bene su tutto anche su quelle che potrebbero sembrare calunnie inutili, come su quelle che sembrano verità innegabili, si sbaglia quando si esagera da uno dei due lati qualunque esso sia. cercare di usare la propria testa non dando niente per scontato. Come si suol dire: anche i paranoici hanno dei nemici.

Anonimo ha detto...

Caro Giuseppe, altre volte mi sono trovato d'accordo con te ma non in questa occasione. O meglio, sui tuoi concetti generali posso anche convenire, ovvero conta la sostanza e non l'apparenza. Le religioni, però, e le tre monoteistiche specialmente che si rifanno allo stesso dio, si basano tutte su palesi ed addirittura sfrontate bugie tradotte in dogmi assurdi ed obblighi ridicoli utili soltanto a generale paura e quindi a produrre utili per se stessi e la loro organizzazione terrena.La gente deve, se vuole, credere in un Dio, non perchè ingannata ma perchè convinta ed è del tutto inutile, anzi dannoso, spingerla a credere per paura o, peggio, con l'inganno. Ognuno di noi e TU DOVRESTI ESSERE IL PIU' TITOLATO PER ESPRIMERE CIO', ha un percorso singolo e personalizzato nella propria vita materiale. Lo deve scoprire da sè senza l'aiuto di guru o para-guru e senza che una religione gli debbe dire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Quando tu dici: "Non ci vuole certo una laurea in astrofisica o in bioingegneria molecolare per comprendere che le religioni nascono per fini sociali. Non ci vuole certo una laurea in meccanica quantistica per comprendere che ogni testo religioso non può essere preso alla lettera. Ma questo non dimostra nulla: non ci dice se Dio esiste davvero o se la trinità è un'invenzione. E allora? Allora ciò che conta è il nocciolo della questione, il succo del messaggio che viene trasmesso e non il messaggio stesso. È questo ciò che conta. Che Gesù non sia nato davvero in una grotta poco ce ne importa: ciò che importa è il messaggio di amore e di pace." Ecco, fino a qui mi ritrovo anch'io e potremmo pure aggiungere che non importa neppure se Gesù Cristo sia mai esistito perchè ciò che conta è il messaggio che a suo nome è stato veicolato alle masse. Poi però concludi con: "Perciò, fede significa credere alla sostanza e non alla forma. Tanto più ci si fa domande, tanto più ci si allontana dalla fede. Perciò, è davvero stupido accusare la Chiesa di aver inventato qualcosa che non esiste. Che tutto sia pura invenzione o no, al fedele non importa, perché è al di sopra delle dimostrazioni." Ecco, qui non mi ritrovo per niente perchè FEDE significa FIDUCIA, cioè significa affidarsi ciecamente a coloro, umani come te, che ti impongono norme e comportamenti e che in passato sono arrivati anche agli eccidi di massa ed alle torture in nome del loro concetto di Dio.Fede quindi è esattamente il contrario della ragione ed indottrinare le masse con falsi dogmi, paure illogiche, invenzioni, novelle e false interpretazioni di libri come la bibbia che nulla hanno di sacro, è come se tu nella tua professione per convincere qualcuno che la lettura della carta del cielo è una scienza, invece che far ragionare la gente, ti mettessi a dire che l'ha detto un dio che ti è apparso (solo a te) su un monte e ti ha detto come ti dovevi comportare. Non bisogna fare l'errore di credere che la gente sia tutta scema. Internet sta producendo un cambiamento epocale e in tanti (anche io nel mio piccolo) stanno tentando far ragionare che non è come ciò che hanno fatto sinora le religioni, cioè non far ragionare. Questa è onestà intellettuale. Grazie per l'attenzione e buona giornata.
M. DB.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Mi spiego meglio: ho scritto che non si può pretendere di fare le pulci a riguardo di ciò che non può essere dimostrato. In tal caso si sceglie se credere o no, ma lo si fa a istinto, con il cuore, con la pancia. Lo stesso potremmo dire di chi crede nel Karma e nella reincarnazione: non esisterà mai dimostrazione di quel che certe dottrine orientali affermano, perché per antonomasia la religione non va dimostrata. Se si cerca dimostrazione allora diviene filosofia e si perde la fede. Ed è giusto quel che dici circa l'indottrinamento e le violenze; ma questo è il rischio che si corre quando dalla fede si passa al fanatismo. Io faccio sempre l'esempio del nucleare: può essere tanto una fonte di energia potente, quanto una fonte distruttiva, a seconda di come viene impiegata. Quindi fede significa fiducia cieca, sì, ma cum grano salis: non dobbiamo confondere la fede con certi estremismi. Quindi, credere a illogiche invenzioni e credere a qualcosa detta da un Dio apparso chissaddove, come ho detto prima è naturale, normale, e non è detto che sia sbagliato. Lo diventa quando si tocca l'estremo. Non credo che internet faccia ragionare; anzi, crea perlopiù disinformazione. Sopratutto a livello di fede perché cerca di trattarla come una filosofia da analizzare e trattare con logica. Ma come ho detto prima, ciò è assurdo perché la fede non ammette né logica e né ragionamento. E questo non ha nulla a che fare con l'imposizione di qualcuno perché non siamo ai tempi delle crociate. Siamo ai tempi in cui possiamo credere per scelta. Chisseneimporta se si tratta di favole? La fede è credere ciecamente senza farsi domande. Non è stupido! È vitale! La religione non è una scienza, non è un qualcosa che bisogna sondare, indagare, verificare! Quindi non ha senso l'informazione diffusa dal web! Non serve a nulla se non a fare chiarezza su un documento storico. Ma se si cerca di fare chiarezza vuol dire che si hanno dubbi. E se si hanno dubbi vuol dire che non si ha fede. E quindi la religione perde la sua funzione, che non è più quella di organizzare la società. Non bisogna confondere il motivo per cui sono nate le religioni con la sensazione che procura a livello individuale. Quindi, tutto dipende dall'approccio: se io non ho fede mi documenterò e troverò qualsiasi cosa per dimostrare che la Bibbia sia un libro che parla di Alieni o che le cose sono andate diversamente da quel che ci dicono. Ma chi se ne importa? Nel nostro cuore, mettendo da parte la ragione, possiamo continuare a vivere gli insegnamenti della nostra religione. Perché? perché torno a dire che l'atto di fede è l'abolizione della ragione. E la ragione sarà applicata lì dove serve, non certo nella religione! Perché se lo facessimo diverremmo studiosi, teologi, filosofi. E chi ha detto che per forza dobbiamo sapere come sono andati i fatti? Saperlo serve solo ad aumentare nozioni su nozioni. Ma la fede non è conoscenza! È esperienza. Faccio un altro esempio: ci dicono in mille che dobbiamo evitare tale ragazza perché è una poco di buono. Invece ce ne innamoriamo e ce ne infischiamo della ragione e della logica. Dal punto di vista logico razionale stiamo sbagliando; ma dal punto di vista dei sentimenti stiamo facendo bene. Perciò il punto non è se è giusto o sbagliato, ma solo che cambiando il punto di vista soddisfiamo scopi diversi: studiando assolviamola sete di conoscenza, vivendo la fede invece assolviamo la nostra sete di mistico. La sete di conoscenza non ha senso che sia applicata alla religione a meno che non decidiamo di trattare la religione come un sapere.

Anonimo ha detto...

Dunque, se ho ben capito il tuo concetto, mio caro Giuseppe, poichè le masse sono stupide,raccontiamo loro pure delle frottole purchè da queste frottole ne traggano l'idea che costituiscono una verità assoluta. Tanto l'importante è che credano in qualche cosa e non rompano le scatole comportandosi come dicono loro coloro che hanno inventato le favole. Scusami ma siamo su piani di pensiero diametralmente opposti. Quando tre religioni diverse (più qualche ramo collaterale) credono in uno stesso dio, poi lo chiamano in modi diversi (e sarebbe la meno), poi ognuno lo vede in maniera diametralmente opposta all'altro, poi uno di questi dio dice che è tifoso esclusivo di un solo popolo e vorrebbe che tutti gli altri fossero distrutti, un altro inneggia alla guerra santa e dice di ammazzare tutti gli infedeli (che poi sarebbero quelli che credono anch'essi in lui), un altro ancora dice di ammazzare chiunque la pensi diversamente da lui e quindi magari di dare fuoco a migliaia di persone o a sterminare intere popolazioni, allora siamo alla follia. Altro che positività della fede. La fede cieca equivale alla stupidità. Si può anche aver fede in un Dio buono e misericordioso, Si può aver fede in un Dio che ci ha creati ed al quale ritorneremo dopo morti. Si può aver fede nell'Aldilà ed in tante altre cose perché come dici giustamente la fede è cieca. Quello che non si deve favorire in alcun modo è la fede che trova spunto da bugie e disinformazione interessata di altri uomini come noi.Quindi, per concludere, è obbligo di ogni essere umano di questa terra pretendere che si ricerchi con tutti i mezzi una verità non divina ma storica sugli avvenimenti accaduti,non accaduti o deformati volutamente.Altrimenti aveva ragione da vendere il vecchio Marx che diceva che la religione è l'oppio dei popoli. Ricorda che FEDE vuol dire FIDUCIA e deve essere RAZIONALE, mentre i DOGMI sono imposizioni irrazionali creati per rimediare a falle di ragionamento e non possono essere oggetto di fede.Tu sei il PRIMO che deve credere nella razionalità e nella verità in quanto devi dimostrare a chi tratta l'Astrologia come una falsa scienza da baraccone che invece è, come l'Astronomia, una scienza esatta come sapevano già gli antichi prima che la FEDE DELLE RELIGIONI imponesse ai fedeli di non crederci. Le religioni sono le tue nemiche perché della razionalità dell'Astronomia hanno paura, come hanno paura di tutti quei fenomeni definiti spiritici o medianici che sono in grado di aprirci dei contatti diretti con l'Altrove e dall'Altrove parlano e ci dicono tantissime cose....Qui mi fermo. Grazie e ciao a presto.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Parlo da fedele e al contempo da uomo di scienza. Circa lo studio dell'astrologia, poiché è un sapere, il mio approccio è razionale. Per cui è lì che va applicata la ragione. Ma per quanto attiene la fede il discorso è diverso. Non razionaluzzo perché non ha senso dato che non è un sapere. La religione è dogma ed è per questo che va accettata. Premetto che nessuno crede al vecchio testamento e ripeto che non siamo ai tempi in cui si doveva credere ad Adamo ed Eva. E non importa la verità storica dietro la Bibbia e quanto il vecchio testamento in realtà sia ricco di aggressività. Si sa che non può esser preso alla lettera è nemmeno tanto tenuto in considerazione. Ma lo si può interpretare per far quadrare meglio i conti... La fiducia di cui parliamo non è nel prendere alla lettera ciò che dice la Bibbia ma ha coglierne il senso, indipendentemente dal fatto che poi nella realtà essa parli di un dio malvagio è vendicativo. Ma ripeto, nemmeno i preti prendono sul serio il vecchio testamento...

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Il dogma è per antonomasia oggetti di fede è per questo che chi ha fede lo accetta incondizionatamente. Voglio dire che a livello razionale tutto potrebbe essere un enorme bugia; ma come detto prima, dalla religione non possiamo pretendere risposte. Per questo occorre accettare il dogma ciecamente se si ha fede. Se non si ha fede non si accetta nulla. La fede significa credere comunque anche con tutte le prove logiche che si sta seguendo una fandonia. E non è stupido ciò.significa solo imparare a scindere il cuore dalla ragione. E non è da tutti. Io ne sono capace.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Mettiamo per assurdo che si dimostri definitivamente che la Madonna non era Immacolata, per me non cambierebbe nulla circa la mia fede. Continuerei a credere nel contrario pur avendo tutte le prove. È sai perché? Perché non mi interessa la verità così come invece mi interessa quando studio astrologia o altre scienze. Fede significa abbandonarsi è e non pensare. È ciò non ha nulla a che fare con qualcuno che mi manipola perché sono io che scelgo di credere. Sì, si può convivere con due nozioni opposte senza cadere in conflitto. È questo lo sbaglio del web: non insegna come superare il conflitto tra fede e conoscenza.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Voglio dire che esiste la possibilità di prendere in considerazione due verità opposte senza cadere nel conflitto. Si può aver fede pur sapendo che sono tutte balle. È lì ché sta il bello! Sono col telefonino e la grammatica lascia a desiderare.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Voglio dire che esiste la possibilità di prendere in considerazione due verità opposte senza cadere nel conflitto. Si può aver fede pur sapendo che sono tutte balle. È lì ché sta il bello! Sono col telefonino e la grammatica lascia a desiderare.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Mettiamo per assurdo che si dimostri definitivamente che la Madonna non era Immacolata, per me non cambierebbe nulla circa la mia fede. Continuerei a credere nel contrario pur avendo tutte le prove. È sai perché? Perché non mi interessa la verità così come invece mi interessa quando studio astrologia o altre scienze. Fede significa abbandonarsi è e non pensare. È ciò non ha nulla a che fare con qualcuno che mi manipola perché sono io che scelgo di credere. Sì, si può convivere con due nozioni opposte senza cadere in conflitto. È questo lo sbaglio del web: non insegna come superare il conflitto tra fede e conoscenza.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Il dogma è per antonomasia oggetti di fede è per questo che chi ha fede lo accetta incondizionatamente. Voglio dire che a livello razionale tutto potrebbe essere un enorme bugia; ma come detto prima, dalla religione non possiamo pretendere risposte. Per questo occorre accettare il dogma ciecamente se si ha fede. Se non si ha fede non si accetta nulla. La fede significa credere comunque anche con tutte le prove logiche che si sta seguendo una fandonia. E non è stupido ciò.significa solo imparare a scindere il cuore dalla ragione. E non è da tutti. Io ne sono capace.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Parlo da fedele e al contempo da uomo di scienza. Circa lo studio dell'astrologia, poiché è un sapere, il mio approccio è razionale. Per cui è lì che va applicata la ragione. Ma per quanto attiene la fede il discorso è diverso. Non razionaluzzo perché non ha senso dato che non è un sapere. La religione è dogma ed è per questo che va accettata. Premetto che nessuno crede al vecchio testamento e ripeto che non siamo ai tempi in cui si doveva credere ad Adamo ed Eva. E non importa la verità storica dietro la Bibbia e quanto il vecchio testamento in realtà sia ricco di aggressività. Si sa che non può esser preso alla lettera è nemmeno tanto tenuto in considerazione. Ma lo si può interpretare per far quadrare meglio i conti... La fiducia di cui parliamo non è nel prendere alla lettera ciò che dice la Bibbia ma ha coglierne il senso, indipendentemente dal fatto che poi nella realtà essa parli di un dio malvagio è vendicativo. Ma ripeto, nemmeno i preti prendono sul serio il vecchio testamento...

Anonimo ha detto...

Dunque, se ho ben capito il tuo concetto, mio caro Giuseppe, poichè le masse sono stupide,raccontiamo loro pure delle frottole purchè da queste frottole ne traggano l'idea che costituiscono una verità assoluta. Tanto l'importante è che credano in qualche cosa e non rompano le scatole comportandosi come dicono loro coloro che hanno inventato le favole. Scusami ma siamo su piani di pensiero diametralmente opposti. Quando tre religioni diverse (più qualche ramo collaterale) credono in uno stesso dio, poi lo chiamano in modi diversi (e sarebbe la meno), poi ognuno lo vede in maniera diametralmente opposta all'altro, poi uno di questi dio dice che è tifoso esclusivo di un solo popolo e vorrebbe che tutti gli altri fossero distrutti, un altro inneggia alla guerra santa e dice di ammazzare tutti gli infedeli (che poi sarebbero quelli che credono anch'essi in lui), un altro ancora dice di ammazzare chiunque la pensi diversamente da lui e quindi magari di dare fuoco a migliaia di persone o a sterminare intere popolazioni, allora siamo alla follia. Altro che positività della fede. La fede cieca equivale alla stupidità. Si può anche aver fede in un Dio buono e misericordioso, Si può aver fede in un Dio che ci ha creati ed al quale ritorneremo dopo morti. Si può aver fede nell'Aldilà ed in tante altre cose perché come dici giustamente la fede è cieca. Quello che non si deve favorire in alcun modo è la fede che trova spunto da bugie e disinformazione interessata di altri uomini come noi.Quindi, per concludere, è obbligo di ogni essere umano di questa terra pretendere che si ricerchi con tutti i mezzi una verità non divina ma storica sugli avvenimenti accaduti,non accaduti o deformati volutamente.Altrimenti aveva ragione da vendere il vecchio Marx che diceva che la religione è l'oppio dei popoli. Ricorda che FEDE vuol dire FIDUCIA e deve essere RAZIONALE, mentre i DOGMI sono imposizioni irrazionali creati per rimediare a falle di ragionamento e non possono essere oggetto di fede.Tu sei il PRIMO che deve credere nella razionalità e nella verità in quanto devi dimostrare a chi tratta l'Astrologia come una falsa scienza da baraccone che invece è, come l'Astronomia, una scienza esatta come sapevano già gli antichi prima che la FEDE DELLE RELIGIONI imponesse ai fedeli di non crederci. Le religioni sono le tue nemiche perché della razionalità dell'Astronomia hanno paura, come hanno paura di tutti quei fenomeni definiti spiritici o medianici che sono in grado di aprirci dei contatti diretti con l'Altrove e dall'Altrove parlano e ci dicono tantissime cose....Qui mi fermo. Grazie e ciao a presto.