DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

domenica 12 novembre 2017

Le previsioni astrologiche



Fare previsioni è difficilissimo. È talmente difficile che si preferisce bypassare l'argomento e ci si domanda se forse è meglio credere che non sia possibile osservare il futuro. Lo studio dei transiti, perciò, servirebbe solo  a dare suggerimenti su come comportarsi. Secondo chi la pensa in questo modo, la prospettiva passa dal piano della passività al piano dell'attività; cioè invece di subire l'effetto di un transito, è il soggetto stesso che decide come vivere il passaggio planetario. Io però mi pongo a metà strada tra i due orientamenti perché credo che sebbene la vita non sia determinata sin nei minimi dettagli, esiste qualcosa che è possibile verificare e che quindi è più o meno indipendente dalla nostra volontà: il transito è sia evento che ci cade addosso e sia possibilità da imbrigliare e domare.  E se c'è qualcuno che preferisce l'uno o l'altro orientamento, naturalmente è una questione di gusti, credenze, esperienze.

Però è interessante notare che non ci sono molti libri che mostrano esempi di come sia possibile fare previsioni. La maggior parte dei testi astrologici in circolazione sono a carattere teorico e non descrivono con esempi pratici come leggere un transito o una rivoluzione solare. Tra i pochi al mondo che hanno offerto qualcosa di questo tipo abbiamo André Barbault e Ciro Discepolo, due autori che hanno pensato fosse utile offrire centinaia di esempi concreti, diversamente da chi invece si appella alla propria esperienza senza offrire altrettanti casi da sottoporre a critica. 

La difficoltà nel fare previsioni, perciò, dipende anche dal fatto che molti autori fanno affermazioni che sono il frutto della loro esperienza, ma non danno dimostrazioni pratiche. O quantomeno, i casi sottoposti alla nostra attenzione sono così esigui che non è possibile trarre delle conclusioni. Questo è quello che non potrei fare io senza centinaia di casi da verificare. Sui numerosi testi americani a mia disposizione, per esempio, non ho trovato mai nulla che possa definirsi davvero pratico.

Credo sia ormai noto a tutti, ma a scanso di equivoci mi ripeterò ancora: le previsioni astrologiche non sono certo quelle degli oroscopi della TV e dei giornali. Ci mancherebbe altro! Qui ci riferiamo alle previsioni degli astrologi e non di chi fa oroscopi ma si fa chiamare astrologo.

È chiaro che la quasi totale mancanza di materiale che insegni a fare previsioni incide negativamente sull'idea che lo studente avrà della parte previsionale dell'astrologia. Ci sono tecniche e manuali che descrivono cosa dovremmo aspettarci quando avremo certe configurazioni astrologiche; ma vengono a mancare proprio gli esempi che lo dimostrino in pratica. Così è lo studente stesso che, affidandosi a quanto letto, va a ricercare quel che vuole vedere, a volte omettendo i casi in cui la cosa non corrisponde. O all'opposto, è chi si rende conto delle poche corrispondenze che preferisce astenersi dall'atto della previsione. Ma c'è pure chi va a cercare qualcosa di meglio, per esempio un nuovo orientamento astrologico.

Come dicevo prima, la verità sta nel mezzo: la parola esperienza deve significare anche mettere in discussione le tecniche conosciute per scorpire qualcosa di più efficace. L'importante è che ci sia già qualcosa su cui poter fare riferimento e verifiche. 

L'altro giorno ho fatto una ricerca su quali fossero gli astrologi migliori al mondo e ho trovato --QUESTA PAGINA--  a cura di Patricia Lantz. Naturalmente anche io posso stilare la mia classifica secondo quelli che sono i miei gusti personali; perciò non dovremmo dare molto peso al parere di questa astrologa. Prendiamolo solo a titolo di esempio. Ai primi posti ha inserito Arroyo e Forrest, due astrologi che sebbene abbiano scritto cose assai interessanti, non hanno mai prodotto nulla di utile per fare previsioni. E allora mi chiedo: se un astrologo non si valuta dalla sua capacità di saper fare previsioni, in base a cosa dobbiamo valutarlo? 

Vediamo insieme, secondo la lista dell'astrologa, per quali motivi si sono distinti gli autori citati:
-Arroyo: ha ridefinito alcuni concetti astrologici in termini psicologici ed energetici. 
-Erlewine: il primo a creare software astrologici. Ha inventato l'astrologia dello spazio locale e ha ideato calcoli per l'astrologia eliocentrica. 
-Forrest: è leader per l'astrologia evolutiva, ma nemmeno lui ha fornito indicazioni e una lista di casi per verificare l'attendibilità di certe affermazioni.
-George: il suo approccio è sempre legato alla psicologia, è divenuta famosa per aver descritto il significato di alcuni asteroidi. 
-Wolf Green: astrologo sempre dall'approccio evoluzionista, ha scritto un testo su Plutone chiarendo i suoi significati, ed ha vinto premi per aver spiegato qual è il percorso evolutivo dell'anima. Anche in questo caso pura filosofia. 
-Greene: autrice famosissima che ha integrato la psicologia junghiana all'astrologia. L'approccio anche in questo caso non è di tipo empirico. 
-Hand: è uno storico e astrologo che ha scritto un libro sui transiti ritenuto assai importante. Ma nemmeno lui presenta una casistica per verificare l'attendibilità delle sue affermazioni, e nemmeno lui offre un metodo per leggere i transiti nel loro insieme. 
-Harness: esperto di astrologia vedica. Questo genere di astrologia, a mio parere si presta molto a immediata verifica. Però non so se l'autore abbia scritto testi con centinaia di casi da sottoporre a peer review. 
-Lehman: astrologa per l'astrologia classica. Anche in questo caso non so se abbia pubblicato lavori da sottoporre a verifica in peer review.
-Merriman: ha lavorato sul tema dell'astrologia finanziaria mostrando correlazioni tra astri e mercato. Non so quanti casi abbia portato a testimonianza della sua tesi; ma credo valga la pena approfondire. 
-Brennan: esperto di astrologia ellenistica. Non so se offre casi da sottoporre alla peer review.
-Catton: si occupa di astrologia "sciamanica" ha ideato un sistema che fonde astrologia classica e astrologia moderna. Anche qui non saprei se l'autore offre casi per la valutazione tra pari.
-Coppock: come l'autore precedente, ma in più ha approfondito il significato dei decani. 
-Fernandez: esperto di astrologia evolutiva, quindi nessun caso da poter valutare. 
-Jones: astrologo contemporaneo specializzato ugualmente in astrologia evolutiva. Si occupa di questioni legate all'anima. Perciò anche in questo caso parliamo di filosofia e non di pratica. 

Lungi dall'esser definita una lista esaustiva e veramente valida, l'americana omette di inserire Barbault, Morpurgo e Discepolo, tre autori di straordinario impatto, l'ultimo dei quali ha fornito per davvero tutti gli strumenti per il peer review. 

La lista è costituita principalmente da astrologi che NON FANNO PREVISIONI ma che hanno saputo applicare certe nozioni psicologiche e "new-age" alla pratica astrologica della lettura dei transiti e del tema di nascita.  Questo dimostra che in America non sono orientati a una lettura fatalistica o probabilistica delle cose. Ma in Italia?

Le cose stanno un po' diversamente: mentre molti astrologi  cercano di adeguarsi agli standard americani, i consultanti continuano a chiedere consulenze per avere informazioni precise, pratiche, concrete. Sbagliano? Ovviamente, se crediamo che l'astrologia possa dare risposte concrete sul futuro e non solo suggerimenti per migliorarsi, allora le richieste del consultante sono del tutto legittime. Legittime come le pretese di demonizzare o meno certe configurazioni del tema Natale, dei transiti o delle rivoluzioni solari.

Per esempio Barbault ci ha dimostrato il funzionamento dell'indice ciclico planetario, ossia che in base alla vicinanza o alla lontananza dei pianeti tra loro, il periodo storico sarà positivo o negativo. E questo in barba a chi vorrebbe vedere i transiti semplicemente come opportunità per crescere ed evolversi. Quest'ultima idea, per l'amor del cielo, è etica per chi fa lo psicologo per mestiere; ma sono pure convinto che l'astrologia giudiziaria non sia totalmente in contraddizione con l'idea dell'evoluzione. Occorre solo il giusto compromesso. No determinismo, ma possibilismo, probabilismo. Il fine dell'astrologo, in fin dei conti non è quello di fare il terapeuta visto che per quello ci sono già gli psicologi.

Allora, in conclusione, ogni scuola astrologica ha i suoi paradigma; e l'approccio psicologico tanto in voga deve comunque scontrarsi pure con l'evidenza delle prove oggettive di chi presume di poter fare previsioni anche demonizzando, all'occorrenza, certe posizioni astrologiche. Ovviamente, solo per chi lo vuole. D'altra parte non possiamo negare che l'approccio psicologico possa essere utile per il counseling astrologico e per la teoria: una disciplina che si rispetti deve contenere in sé una montagna di nozioni che attingono anche alle scienze umanistiche. 

Perciò, un'astrologia che sia veramente tale, per me non è solo un mucchio di nozioni: è tanta, tantissima pratica per verificare l'attendibilità di certe nozioni. E per far questo occorre sbilanciarsi, occorre fornire tutte le regole di calcolo e interpretazione con centinaia di esempi. Solo in questo modo possiamo veramente comprendere su cosa si basa l'esperienza di un astrologo. Potremmo, poi, essere in disaccordo con le regole individuate; ma almeno è sempre meglio di chi offre solo grandi paroloni e si pone al di fuori di ogni verifica.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Si è vero Ciro Discepolo da la possibilità agli altri di giudicare le sue capacita di interpretare un oroscopo.

https://www.youtube.com/watch?v=VsISdA6GtOc

Anonimo ha detto...

Non mi pare che Discepolo abbia dimostrato grandi capacità di interpretare un tema natale, perché si convince che Bossetti sia nato al tramonto, mentre nel suo estratto di nascita, recuperato successivamente, c'è scritto che è nato verso mezzanotte. Ma non è tanto questo che mi fa pensare che Discepolo sia un astrologo sopravvalutato, quanto il fatto che anche dopo aver ottenuto l'estratto di nascita, Discepolo insista nel dire che l'orario che aveva ipotizzato lui, sia quello giusto, mentre ad essere sbagliato è l'orario riportato dall'estratto di nascita.
A me francamente questa cosa mi sembra assolutamente assurda, ma quanto bisogna convinti delle proprie idee per dire una cosa del genere?
Avrebbe fatto una migliore figura se avesse ammesso semplicemente di essersi sbagliato.

Lei dr.Galeota che cosa ne pensa?

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

In questo caso non saprei, ma anche a me è capitato di No n fidarmi dell'estratto di nascita. Tutto ciò ha un senso perché l'estratto non è sempre garanzia di un orario certo. Basti pensare che chi nasce in casa viene dichiarato persino due o tre giorni dopo. Mia nonna è nata il 27 ma sulla carta d'identità risulta il 30. Partendo dal presupposto che i certificati sono affidabili sino a un certo punto, il vero astrologo, quello serio, non deve fidarsi mai di nulla. La verifica dell'ora di nascita è una pratica imprescindibile dell'AA, e c'è tutto un protocollo da seguire, fatto di domande e controdomande, anche a trabocchetto, per sondare alcuni aspetti della vita che magari non sono palesemente evidenti. Nel caso di bossetti, No n ha la fisicità da Sole in IV, ci sono dubbi sui suoi genitori, e moltissime cose fanno presagire che quindi l'orario sia errato. Chi ha un sole in IV non è fissato per la moda, per le lampade. E se nel TN una cosa così primaria del soggetto No n è evidente da un tratto astrologico primario, vuol dire che l'orario è sbagliato. Un astrologo di esperienza da mille ragionamenti e controverifiche. Sarebbe stato superficiale attenersi all'estratto. Almeno io No n lo faccio mai. Esperienza... Ascendente Vergine: diffidenza, precisione, meticolosità. Discepolo: Marte in Vergine. Quindi...

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Per capire meglio la situazione io prima di tutto Le chiederei se ha letto la nuova guida all'astrologia di Ciro Discepolo. Se l'ha letta sicuramente avrà notato che le indicazioni contenute in quel libro permettono di fare analisi dei temi di nascita che sono infallibili. Cioè noi possiamo veramente vedere gli effetti di un sole in sesta casa così come sono descritti da Ciro Discepolo quando analizziamo un tema di nascita e perciò non possiamo sbagliare mai e poi mai. Utilizzando quei parametri di valutazione non sbagliamo. Perciò quando troviamo qualcosa che differisce e che non corrisponde a quei parametri dobbiamo chiederci se quello sia l'unico essere vivente che sfugge alla regola oppure se l'orario di nascita di questa persona in effetti sia da rivedere. Perciò se sì ipotizza l'esistenza di un orario di nascita sbagliato lo si fa con cognizione di causa. Insomma, io penso che l'unico sistema sia quello di verificare su migliaia di casi. Mi viene in mente la storia di un mio consultante che giurava e spergiurava di esser nato a mezzanotte e anche la mamma e i parenti giuravano che fosse nato in quell'orario. Però io non mi sono mai fidato perché esattamente come ha fatto Ciro Discepolo ho notato che i fatti della vita di questa persona non erano in accordo con le posizioni di Quel tema di nascita. E infatti avevo ragione perché facendogli fare la richiesta dell'estratto di nascita era venuto fuori proprio quello che avevo ipotizzato io e cioè che lui era nato verso le 4:00 del mattino.

Anonimo ha detto...

Secondo me, Discepolo se è veramente è convinto che l'orario che aveva ipotizzato lui è corretto, mentre è sbagliato quello dell'estratto di nascita, non potrebbe limitarsi a dire è così e basta, ma dovrebbe recarsi a Mapello, per intervistare le persone che erano presenti alla nascita di Bossetti, cominciando da sua madre. Probabilmente le persone che hanno assistito alla sua nascita, che tra l'altro è pure stata una nascita gemellare, sono ancora in vita e quindi potrebbero testimoniare se la nascita è avvenuta intorno al tramonto o intorno alla mezzanotte.

Da un punto di vista astrologico il suo oroscopo calcolato per l'orario intorno alla mezzanotte (adesso non ricordo esattemente quale fosse, ma il suo estratto di nascita è reperibile su internet) mi sembra che combaci con quello che si sa di lui. Con questo orario il suo ascendente è Leone e questo può avere a che fare con la sua mania per l'abbronzatura di solito ci si abbronza d'estate quando il sole si trova in Leone. Così come una IV casa fortissima può entrarci con un reato inerente la pedofilia. Non è che tutti quelli che hanno dei valori IV casa siano pedofili, ma Bossetti ha una IV casa incredibilmente piena. La IV casa essendo la casa dell'infanzia una qualche connessione con la pedofilia potrebbe anche avercela.

Ma a parte queste considerazioni astrologiche, se veramente si è convinti che Bossetti sia nato in un orario di nascita diverso da quello dell'estratto di nascita, bisognerebbe procurarsi le testimonianze di coloro che erano presenti.

Le ripeto che per me non è tanto importante il fatto che Discepolo si sia sbagliato nel cercare di individuare l'orario di nascita, ma il fatto che abbia continuato a dire di aver ragione, anche dopo aver ottenuto l'estratto di nascita.

Ho letto che Discepolo avrebbe intenzione di scrivere un libro su Bossetti, per cui determinare quando sia effettivamente nato, sarebbe proprio indispensabile, e quindi se non ci si fida dell'estratto di nascita bisogna raccogliere le testimonianze di chi era presente.

Quasi mi è venuta la voglia di fare io stesso questa ricerca. Basterebbe controllare se il numero della madre è in elenco, e domandargli se si ricorda a che ora è nato suo figlio.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Perciò chi fa analisi credendo che l'estratto di nascita sia sempre affidabile commetterebbe un errore di ingenuità ma dimostrerebbe anche inesperienza. Sarebbe più assurdo pensare che un esperto di tale calibro non sia capace di leggere un tema, tanto da farlo corrispondere a l'orario che vuole lui. Non avrebbe senso. Sarebbe una grande sottovalutazione. E chi studia quei libri impara sia a non sottovalutare l'autore e sia a comprendere i motivi logici che lo hanno condotto a tale conclusione. Io avrei fatto lo stesso anche se ho sbagliato a fidarmi dell'orario di nascita di Papa Francesco. Vuol dire che alle volte sono superficiale e sbaglio.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

È davvero giusto essere quanto più precisi possibile e quindi le do ragione quando dice che Bisognerebbe chiedere il resoconto dei parenti però è anche vero che Ciro discepolo è un astrologo di esperienza e che quindi non si sbilancia rebbe se non fosse quasi matematicamente certo di quel che afferma. Devo dissentire Per quanto riguarda la sua analisi sulla ascendente leone e l'abbronzatura. Non mi risulta che le persone che ci tengono molto alla cura del proprio corpo alla precisione e alla mania calita dei dettagli abbiano un ascendente Leone. Questa è una cosa che si riscontra solo in Chi ha fattori di sesta casa o vergine in evidenza. Ma non solo Parliamo di un atteggiamento rilevante Per quanto riguarda l'estetica e la cura del corpo, parliamo anche di una vita in prigione che può essere rappresentata solo da una forte presenza di fattori di settima casa. Infatti non potremo spiegarci Come mai il soggetto è finito in prigione senza prendere in considerazione il forte affollamento della sua settima casa che come lei ben sa riguarda le guerre subite o esercitate nei confronti del prossimo. Perciò, ciò che è stato preso in considerazione è una moltitudine di fattori che sommati e messi insieme non lasciano dubbi sul fatto che l'orario di nascita sia un altro. Anche io Osservando il grafico eretto per l'orario dell'anagrafe credo che sia sbagliato. E per arrivare a dire una cosa del genere Le cose sono due: o non ho capito niente di astrologia oppure la somma di moltissimi fattori in contrasto con quel che è successo Mi hanno condotto fare conclusioni giuste come infatti è accaduto in altre occasioni. Sinceramente io non posso stabilire quali sono le condizioni che hanno influito a far sì che l'orario di nascita fosse sbagliato. Ma una volta mi è successo che la consultante mi avesse fornito un orario da estratto anagrafico in cui per la verità era più affidabile quello fornito dai genitori. L'ostetrica o chi per lei anziché scrivere le ore 20:00 aveva scritto le ore 8:00. Dobbiamo sempre partire dal presupposto che in ogni settore ci può essere sempre un certo margine di errore umano e sono proprio le verifiche che permettono di comprendere se c'è o meno.

Anonimo ha detto...

Mi scusi, ma oltre quel commento che contiene delle considerazioni di tipo astrologico, gliene avevo inviato anche un altro con delle considerazioni a carattere logico-pratico che mi sembrano altrettanto importanti.

Sul fatto che il padre di Bossetti non sia quello ufficiale non ci sono dubbi. Il fatto che sua madre continui a negare di aver avuto una relazione extra-coniugale non ha nessuna importanza, perché quello che conta è l'esame del DNA. Ma che c'entra il fatto che si tratti di un figlio illegittimo con l'orario della sua nascita? Il sesso sia coniugale che extraconiugale è sempre un fatto privato che di sicuro non avviene in presenza di testimoni. Al contrario una nascita avviene in presenza di numerosi testimoni, le infermiere, l'ostetrica, e i parenti della partoriente, che anche se non sono in sala parto, sono in sala d'attesa e a cui viene data subito la notizia dell'avvenuta nascita. Lei fa l'esempio di sua nonna, che pur essendo nata in un giorno e stata registrata in un altro giorno. Ma sua nonna in che anno è nata? Un tempo molte nascite avvenivano in casa, e comunque non si dava molta importanza al particolare dell'ora di nascita. Bossetti invece è una persona giovane, che ha più o meno la sua età, ed è nato nel nord Italia dove notoriamente le persone sono più precise e diligenti. Per cui è molto improbabile che l'orario riportato sull'estratto di nascita sia sbagliato, anche perché è un orario arrotondato ai 5 minuti, e non alla mezz'ora, o all'ora. Quindi è molto difficile che quello indicato dal suo estratto di nascita possa essere un orario sbagliato. Lei non dovrebbe fare l'esempio di sua nonna, ma dovrebbe fare l'esempio di se stesso. Ho visto che per la sua nascita lei riporta un orario preciso al minuto, ossia che non è nemmeno arrotondato ai 5 minuti. Credo che sia così perché lei ha rettificato il suo orario di nascita sulla base di considerazioni astrologiche. Ma di quanto differisce l'orario che utilizza per il suo tema natale, da quello riportato sul suo estratto di nascita? Sarei pronto a scommettere che questo orario differisce meno di 5 minuti da quello che lei adotta per il suo TN. Perché l'orario di Bossetti dovrebbe essere sbagliato di 6 ore?

E' vero, tutto è possibile, però che l'estratto di nascita di Bossetti riporti un orario completamente sbagliato, è altamente improbabile.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Sì, avevo già moderato questo suo commento ma non so perché non è venuto fuori. Comunque avevo già risposto nel messaggio precedente a questo suo ultimo intervento. In effetti lei ha ragione a dire che è improbabile che un orario di estratto anagrafico possa essere sbagliato, ma certo non è impossibile; e il fatto che io abbia trovato altri casi analoghi a quelli del Bossetti, mi lascia supporre che non sia l'unico caso in cui l'estratto di nascita sia forviante. È vero che se è facile sbagliarsi scrivendo le 8:00 al posto delle 20:00, per quanto riguarda l'orario di nascita di Bossetti anche un orario di battitura sembra improbabile. Ma visti i precedenti è possibile. Quando facciamo un'analisi astrologica occorre Prima di tutto considerare i fattori più importanti ossia quale la casa solare. Se il bossetti fosse tipicamente un sole in quarta casa, sarebbe del tipo casalingo o avrebbe un'attività professionale direttamente collegata alla famiglia. Dalle abitudini del bossetti non pare che gli fosse un casalingo. Inoltre è assai raro che soggetti col sole in quarta possano essere single ed è assai più probabile se soggetto a un sole in sesta o molti attributi vergine. Non risulta nemmeno che il bossetti fosse un fanatico l'informatica Come spesso accade a chi ha una quarta casa occupata dal sole. Quindi è chiaro che i sospetti i dubbi siano più che leciti. Ma ribadisco il fatto che se Ciro discepolo ha scelto di non considerare l'orario dell'estratto anagrafico, certamente non è perché non sa leggere i temi di nascita. Se così fosse, il suo metodo astrologico sarebbe fallibile e i miei consultanti Sarebbero tutti scontenti. Considerando che il metodo si basa sul presupposto della verifica e della controverifica, Io credo che attualmente sia il più affidabile di tutti. Sarebbe anche possibile che l'ipotesi di Ciro Discepolo sia sbagliata anche se io lo ritengo improbabile. Fatto sta che l'orario di nascita ufficiale non mi convince per quei motivi che ho elencato e per 1000 altri. Non ricordo dove, ma Ciro discepolo aveva affrontato il tema di bossetti spiegando più nel dettaglio i motivi per cui aveva scelto di optare per un altro orario di nascita. Potrebbe chiedere direttamente a lui ho ricercare quell'articolo per avere più chiarezza circa i motivi che hanno spinto questo astrologo a tale conclusione.

Anonimo ha detto...

Vabbè ma se l'utente non crede al metodo di Discepolo, fatti suoi. Che utilità ha convincerlo del contrario? Una perdita di energia! Si affidi pure agli insegnamenti che ritiene migliori. Al Rami non sprechi il suo tempo.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Credo non ci fosse una polemica contro Discepolo. Ma è vero che senza conoscere ciò che sta alla base dell'AA sia lecito e legittimo rimanere un tantino perplessi nella pratica di mettere in dubbio persino l'orario di nascita. Ma è naturalmente una questione di esperienza, non un modo di fare eccentrico.

Anonimo ha detto...

Ciao al..
Navigando sul web dilaga l anomalia per cui i soggetti riferiscono di avvertire gli effetti della rs qualche tempo prima della congiunzione sole-sole..chi indica i famosi venti giorni,chi solo il periodo di congiunzione,personalmente avvolte mi è capitato addirittura dall' ultima quadratura..
Sui siti dediti all' a.a i soggetti vengono informati che si tratta di placebo o simili..ma io penso che sia una realtà che esiste e che vada studiata!altre cose che ho notato è che la rsm sembri interagire con la rs di base ma ora troppa carne al fuoco eh eh
Che cosa ne pensi?Ciao!

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Tutta questa storia è nata a causa del fraintendimento della regola suo venti giorni. Ma prossimamente scriverò un articolo per spiegare la questione.