DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

mercoledì 8 novembre 2017

Al Rami: 20 anni di astrologia.

 
Novembre 1997-Novembre 2017
Non ricordo la data precisa, ma da quel giorno a oggi sono passati vent'anni di studi astrologici.
Ricordo ancora il mio primo acquisto alla libreria Arethusa di Torino e di un simpatico signore con papillon che mi illustrava tutti i testi per cominciare a studiare l'antica arte di Urania.

In quel periodo frequentavo il DAMS a Palazzo Nuovo e durante il percorso per raggiungere l'università spesso mi fermavo davanti alla vetrina di quella famosa libreria in via Po.  
Fu amore a prima vista per i testi di Ciro Discepolo, poi divenuto mio maestro, quando acquistai il numero 34 di Ricerca '90.  Ma avido di conoscenza spaziai da un'autore all'altro per aprire la mia mente anche ad altre "verita".

La mia carriera astrologica può essere suddivisa in tappe. La prima corrisponde al 2002.
Non ricordo la data precisa, ma quello fu l'anno in cui cominciai per la prima volta a scrivere articoli astrologici su internet. Nulla di paragonabile a ciò che scrivo oggi; ma sicuramente un buon addestramento.

Dicembre 2008 rapprensetò una seconda svolta importante per i miei studi astrologici perché cominciai a sperimentare le rivoluzioni solari mirate facendo il mio primo viaggio di compleanno a Dubai. Fu un evento straordinario perché ebbi modo di verificare tutto quello che avevo sempre letto e che non avevo mai avuto il coraggio e le risorse per mettere in pratica. Fu un gesto che all'epoca ritenni folle, ma che mi ha insegnato come i fatti valgano più di mille parole e teorie.

In quegli anni cominciai a leggere molto anche libri di logica, scienza e filosofia, perché mi sentivo troppo limitato: stavo cominciando a capire che non dovevo fermarmi allo studio dei testi astrologici ma dovevo costruirmi anche una solida base scientifica per capire meglio certi concetti e per dare più spessore e rigore ai miei studi. Volevo mostrare al mondo che chi studia astrologia non è affatto stupido o credulone. E volevo avere una marcia in più rispetto ad altri colleghi.

La terza svolta avvenne a maggio del 2010 quando sotto consiglio di numerosi amici fondai questo blog per cominciare ad avere un mio pubblico di lettori e per rispondere alle loro domande. Da quel giorno ho moltissimi affezionati che da molti anni ritornano a chideremi una consulenza. I veri e propri maestri della mia vita, infatti, siete stati proprio voi. Attraverso lo scontro tra la teoria astrologica e i fatti accaduti nella vostra vita, ho potuto comprendere meglio il valore dell'astrologia e i suoi limiti, naturalmente facendo ricorso a tutto quel che avevo appreso dalla manualistica e dai convegni astrologici.

La svolta più decisiva, però, fu nel 2014 con l'iscrizione alla facoltà di psicologia. Durante gli anni precendenti avevo già acquisito molte nozioni psicologiche studiando da autodidatta; ma grazie all'insistenza di mia madre fu presa la decisione di ampliare il mio background culturale. Ciò che fondamentalmente mi spinse a un percorso universitario fu la voglia di riscatto nei confronti di una comunità astrologica che mi aveva sottovalutato, un po' anche per colpa mia. Inoltre mi avrebbe restituito più credibilità agli occhi dei lettori più scettici. Almeno lo auspicavo. Il primo trenta e lode giunse in antropologia culturale, materia che più di tutte ha influenzato i miei studi astrologici e che oggi mi sta invogliando a scrivere un libro sulle origini dell'astrologia. Ma lo straordionario percorso universitario mi ha fornito competenze anche in neurofisiologia, in sociologia, nonché in statistica, anche se l'altro grande amore è stato quello per la psicologia clinica, materia su cui mi sono concentrato per la tesi di laurea e su cui mi sto concentrando oggi per la stesura di un libro che appunto parla di astrologia, patologie psichiatriche e non solo.

Lo stesso percorso universitario e il tirocinio curriculare presso il consultorio di Fasano hanno contribuito ad affinare le mie competenze relative all'approccio con il cliente; e devo specificare che sono immensamente grato alla figura del mio tutore Antonio. Infatti grazie alla fiducia che ha nutrito nei miei riguardi ho potuto sperimentare in prima persona, sempre sotto la sua supervisione, la pratica di veri e propri colloqui psicologici, assaporando concretamente tutte le nozioni acquisite sulla psicologia dei sistemi. 

Durante questi primi venti anni di studi astrologici ho imparato che posso veramente capire un po' di più me stesso, chi mi circonda e anche un po' il nostro futuro. Ho compreso che il lavoro di altri astrologi colleghi è uno stimolo per far le proprie riflessioni ma ho compreso pure che è meglio non esporsi per evitare inutili discussioni. Ho imparato che la pratica parla più di mille teorie e che le varie logiche lasciano il tempo che trovano. Ho imparato che non esiste un determinismo rigido e che bisogna sempre studiare senza cullarsi delle conoscenze acquisite. Inoltre ho imparato che l'astrologia è un continuo divenire grazie a studi e scoperte; ma ho capito pure che il consultante è una fonte di ricchezza straordinaria per mettere alla prova le conoscenze acquisite e per testare le proprie ipotesi. Bisogna essere multidisciplinari, cioè studiare molte materie diverse; bisogna essere di mentalità aperta e sperimentare anche ciò che sembra assurdo o strampalato. L'astrologia mi ha dato la possibilità di incontrare Francesca, la mia anima gemella; e perciò ho imparato che nella vita bisogna sempre insistere e non bisogna mai arrendersi. Questi vent'anni di studi astrologici mi hanno insegnato che il proprio sforzo prima o poi viene ripagato dalla consapevolezza di essersi arricchiti interiormente: la consapevolezza di aver capito un po' di più questo misterioso mondo e questa vita così difficile è una ricchezza inestimabile. 

13 commenti:

Ausilia ha detto...

Buon giorno Giuseppe, che dire se non grazie per tutto il tempo che ci hai dedicato, per tutto l'aiuto che hai dato alle persone che si rivolgevano a te come amico e come Astrologo.
Buon Anniversario e di nuovo grazie per la tua generosità!!

Anonimo ha detto...

Grande al!

Anonimo ha detto...

..ah e visto che studi da vent'anni piccolo test..
Che differenza ce tra la sessualità in quinta e quella in ottava??Io non lo so hahah!
Ps:strana casa la 8..parla al 90% di soldi,cd docet,il restante si divide tra fine delle cos'è,tra cui la morte ma non è tema centrale come nell'undicesima,poi una sessualita di cui non so le caratteristiche..quale sia il nesso tra queste cose non lo so hahah!aggiungi altro se mi sin dimenticato qualcosa..ciao!

Anonimo ha detto...

Complimenti :)

Anonimo ha detto...

Ciao Giuseppe, innanzitutto volevo farti i complimenti per la tua particolare capacità nell'analisi astrologica! Ti seguo da molti anni e ho sempre trovato molto ben accurato il modo in cui interpreti i vari aspetti, nonché l'indiscussa capacità di spiegarli in maniera meticolosa e ben centrata. Proprio perché riconosco in te queste particolarità, volevo chiederti un parere sulla mia prossima RS, che avrà luogo a Vancouver. Sono nata il 17/11/1984 alle ore 5:45 a Chieti. Quest'anno ho avuto un confronto serio nel mondo delle relazioni affettive e ho da poco chiuso una storia che mi ha in qualche modo consumata (Difatti, la RS del 2016, a Cuba, vedeva un AS di rivoluzione in Settima casa, con Sole Mercurio e Saturno, più Venere in 8). La settimana prossima sono in partenza per il Canada, e di conseguenza avrò ben cinque pianeti (Luna, Giove, Venere, Sole, Mercurio) in 5•casa di rivoluzione. Volevo chiederti se vedevi la possibilità della nascita di una storia d'amore stavolta più serena e felice, di una guarigione emotiva dopo quest'ultimo anno pesantissimo sotto il profilo relazionale, e se tali aspetti (associati ad un ascendente di rivoluzione in 9casa) potevano anche indicare una possibilità di successo a scopo artistico televisivo visto che ho ricevuto alcune proposte in tal senso, di cui andrò a discutere nei prossimi giorni. Ti ringrazio per l'attenzione e rinnovo la mia stima nei tuoi confronti.

Stella

Anonimo ha detto...

Grande Al! Auguriiiii
Anna C.

Anonimo ha detto...

Complimenti e auguri per la tua carriera. Aldo

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Prima di tutto grazie a tutti per gli auguri. Per l'anonimo che mi chiede la differenza trala sessualità espressa dalla 5^ Casa e quella legata all'8^, direi che si possono solo fare supposizioni.
Ciò che cambierebbe è la motivazione a monte. La 5^ Casa ci parla di sessualità come atto creativo e liberatorio; mentre l'8^ ci parla di sessualità come atto compensatorio alla paura della morte. L'8^ è più specifica per quanto concerne le problematiche sessuali: una Luna in 8^ ci parla di problematiche sessuali molto più di una Luna in 5^. In 5^ la procreazione è intesa come atto creativo e generoso; in 8^ è intesa come modo per prolungare la propria esistenza, trasmissione dei geni, ereditarietà.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Per Stella (nome azzeccatissimo per questo blog). Se l'intento è quello di favorire l'amore io suggerirei di trascorrere il compleanno a circa 50 km a ovest di Vancouver (Canada) perché ci potrebbe essere il rischio che in 5^ possa capitare anche Saturno. E questo sarebbe un peccato. Quindi, ore 20.37 del 16 novembre cerchi di trovarsi a 50/100 km a ovest da Vancouver. Nanaimo o Port Alberni.

Anonimo ha detto...

e' vero che fai consulti gratis? sono nata il 25 2 88.
Grazie se mi rispondi e auguri.

Anonimo ha detto...

Per prima cosa volevo farle i miei complimenti e auguri per il proseguo della sua carriera e dei suoi studi.
20 anni non sono pochi!
(Che ne direbbe di creare una rivoluzione solare per l'Al Rami astrologo? Ahah)
Però le sto scrivendo per chiederle un confronto sulla tematica della salute in una rivoluzione solare:
Io ho sempre visto come problemi di salute la prima o dodicesima casa colpite dai malefici è solo pochissime volte la sesta è stata colpita...
Non crede che la sesta riguardi più che altro il lavoro dato che la prima e dodicesima casa riguardano di più la persona?
Grazie e buon fine settimana.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Ritengo che I, 6^ e 12^ Casa riguardino la salute a pari merito. Forse la 6^ un po' di più in virtù del fatto che nel TN indica proprio la salute. A dire il vero, un Sole o un Ascendente o Marte in 6^, raramente li ho visti agire sul piano del lavoro. Metterrei tutte e tre sullo stesso piano: la I in quanto a nergia psicofisica, la 12^ per le prove nascoste, la 6^ specificamente per la salute.

Giuseppe Al Rami Galeota ha detto...

Chiedo scusa all'utente che mi ha chiesto se faccio consulti astrologici. Sì, sono a sua disposizione. Scriva alla mia email ggaleota@libero.it
Mi scusi ancora per essermi dimenticato di rispondere alla sua domanda.