DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

venerdì 11 marzo 2011

terremoto tsunami Giappone: 11/3/2011 analisi astrologica earthqwake in japan: 03/11/2011 horoscope)




TRATTO DA http://www.blogger.com/comment.g?blogID=4837225311858817366&postID=3969050985918489390






Poseidon 83 ha detto...


Date un occhiata a pag. 181, 182 di "L'astrologia e l'avvenire del mondo" di Andrè Barbault dove emerge chiaramente il collegamento tra le attuali catastrofi naturali in Giappone, le rivolte in Nord Africa e il quadrato plutone - urano, il cui ciclo è messo in relazione, dall'Autore, con il Giappone e con i processi di decolonizzazione.



Inoltre riguardo al riferimento degli effetti del quadrato al Nord Africa, oltre al collegamento tra Plutone - Urano ed i processi di decolonizzazione in genere, l'Autore aggiunge che il suddetto ciclo dissonante si accompagna nel 2010 ai cicli Giove Saturno ed Urano Giove che rappresentano Europo ed USA ed afferma chiaramente: "tuttavia la versione di una tensione Nord-Sud tra popolazioni ricche e paesi poveri non è nemmeno da escludere".
E' abbastanza oggettivo che le rivolte in Nord Africa riguardino fenomeni, latu sensu, di decolonizzazione, nella misura in cui questa può rappresentare una forma di indipendenza dal controllo di un altro paese (o di un despota controllato da un altro paese).
Non c'è dubbio che l'Astrologia Mondiale sia una disciplina caratterizzata sopratutto da grandi difficoltà e da scarso rilievo pratico dato il basso livello di sua conoscienza, ma sia anche una disciplina molto affascinante.Un saluto a Tutti.

Il grande astrologo Andrè Barbault è il massimo esponente a livello planetario di quella branca astrologica definita ASTROLOGIA MONDIALE

E' possibile prevedere catastrofi?

Andrè Barbault ha studiato un algoritmo denominato indice ciclico planetario. Attraverso di esso è riuscito  stabilire tutti i più importanti avvenimenti della storia moderna. 

Il grafico si riferisce alla formazione di angoli planetari significativi e che coinvolgono soprattutto i pianeti lenti. I picchi e le depressioni costituiscono i momenti topici del periodo analizzato. 

Se trattiamo specificamente di terremoti dobbiamo citare Raffaele Bendandi

Raffaele Bendandi (Faenza17 ottobre 1893 – Faenza3 novembre 1979) è stato uno pseudoscienziato italiano.
Bendandi elaborò una sua propria teoria sulla natura dei terremoti e sulle cause che li determinano[1]. I suoi studi e le sue previsioni non sono accettate dalla comunità scientifica, secondo i suoi sostenitori perché Bendandi fu un autodidatta e non pubblicò mai una esposizione scientificadella sua teoria.

Nacque a Faenza, nel quartiere tradizionalmente denominato Filanda Vecchia, da un'umile famiglia, che non poté permettergli di proseguire gli studi superiori. Dopo le scuole elementari, seguì quindi un corso di specializzazione in disegno tecnico e fece l'apprendista da un orologiaio. Ciononostante all'età di 10 anni era già appassionato di astronomia e geofisica, tanto da costruirsi da solo un telescopio e diversi sismografi.
In seguito al terremoto di Messina del 28 dicembre 1908, si appassionò allo studio dei terremoti e, grazie ad un lavoro non troppo faticoso di intagliatore del legno, riuscì a dedicarvi parte del suo tempo. Durante la Grande Guerra servì come meccanico in una squadriglia aerea[2]. Bendandi fu quindi un ricercatore autodidatta: nel 1920 entrò a fa parte della Società Sismologica Italiana[1]e negli anni successivi formulò la propria teoria «sismogenica»[3].
Bendandi trasse ispirazione per la sua teoria dalle passeggiate fatte lungo la battigia, mentre era di guardia durante il servizio militare: nel 1919 ritenne che la crosta terrestre, così come le maree, è soggetta agli effetti di attrazione gravitazionale della Luna. La sua ipotesi per la previsione dei terremoti (mai riconosciuta dalla comunità scientifica, anche perché egli non ne volle mai fornire un'esposizione formale) è basata sull'idea che la Luna, gli altri pianeti del sistema solare e lo stesso Sole siano la causa dei movimenti della crosta terrestre[4], che effettivamente si deforma e pulsa con tempi e ritmi dipendenti dalla posizione dei corpi celesti all'interno del sistema solare. Nei suoi studi Bendandi sfruttò anche una profonda grotta nella vallata del Rio Senio dell'Appennino tosco-romagnolo per avere la conferma dell'influsso planetario attraverso un inclinometro. Una sua prima involontaria previsione la fece per ilterremoto della Marsica il 13 gennaio 1915, quando si accorse che il 27 ottobre dell'anno precedente aveva lasciato un appunto al riguardo nel suo taccuino[5].
Il 23 novembre 1923 fece registrare ad un notaio di Faenza una sua previsione: il 2 gennaio 1924 si sarebbe verificato un terremoto nelle Marche. Il terremoto effettivamente si verificò aSenigallia[6] e il Corriere della Sera gli dedicò la prima pagina, chiamandolo Colui che prevede i terremoti. La sua fama crebbe anche a livello internazionale[7].
Attraverso la sua ipotesi tentò di spiegare la catastrofe che potrebbe aver provocato la scomparsa di Atlantide. Egli sostenne che le forze gravitazionali planetarie, sommandosi, avrebbero provocato uno spostamento del polo geografico, con conseguente spostamento del rigonfiamento equatoriale e allagamento di alcune regioni del globo. Bendandi determinò nel 10431 a.C. l'anno in cui si sarebbe verificato questo cataclisma[8]. Un secondo cataclisma di minori proporzioni, effetto del concorso delle forze gravitazionali di un numero minore di pianeti, si sarebbe verificato nell'anno 2687 a.C. e potrebbe corrispondere al Diluvio Universale. Egli stimò che un evento analogo a quello del 10431 a.C. si sarebbe ripetuto nella primavera del 2521 d.C.[1].
Nei suoi studi si occupò anche di stelle variabili, del Sole, di pologia, di studi cosmici e atmosferici e della radioattività atmosferica in relazione a scopi atomici[9]. Oltre all'attività di scultore del legno intraprese quella di costruttore di sismografi: riuscì a vendere alcuni dei suoi modelli anche negli Stati Uniti[10]. Nella sua casa-osservatorio si dotò anche di una biblioteca scientifica[11].
Durante il periodo fascista, dapprima fu nominato nel 1927 da Mussolini Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia[1]; successivamente però venne diffidato dal pubblicare ulteriori previsioni sui terremoti in Italia, pena l'esilio. In realtà continuò a farlo, ma su giornali americani.
Nel 1928 Bendandi suppose l'esistenza di altri quattro pianeti extra nettuniani[1] sulla base dello studio dell'attività sismica, ai quali diede i nomi di Rex, Dux, Roma e Italia.
Dopo averlo perfezionato, nel 1931 Bendandi affidò all'Accademia Pontificia il metodo da lui scoperto per interpretare il ciclo undecennale del Sole. In seguito riuscì autofinanziandosi a pubblicare Un principio fondamentale dell’Universo, dove descrisse la sua presunta scoperta[12]. Nel 1972 l'astronomo americano Wood e nel 1976 quello inglese Smith approdarono a risultati simili sullo studio delle macchie solari e del ciclo undecennale dell'attività solare, ma non citarono la pubblicazione di Bendandi[3].
Nel 1959 Bendandi sostenne di aver scoperto un nuovo pianeta all'interno del sistema solare tra Mercurio e il Sole, cui diede il nome della sua città natale, Faenza[2]. Ipotesi simili erano già state formulate nel 1859 dal matematico-astronomo Urbain Le Verrier: all'ipotetico pianeta era stato allora dato il nome di Vulcano, ma ad oggi non esiste conferma della sua esistenza.
Sulla base della sua ipotesi, Bendandi predisse anche il terremoto del Friuli nel 1976: cercò inutilmente di avvisare le autorità competenti, che lo trattarono come un ciarlatano[senza fonte].
Venne trovato morto il 3 novembre 1979 nella sua casa-osservatorio di Faenza.
Solo anni dopo, grazie soprattutto all'associazione "La Bendandiana" (di cui è presidente Paola Lagorio), si iniziò a riordinare l'abbondante materiale lasciato da Bendandi, per poter maggiormente comprendere il suo lavoro ed i suoi studi. Attualmente, ricercando tra le sue carte e pubblicazioni, sono state raccolte 103 previsioni, 61 delle quali riguardanti l'Italia; le ultime pubblicazioni risalgono al 1977[5].
I VIDEO:


http://www.youtube.com/watch?v=53BnjaBy064&feature=player_embedded
http://www.youtube.com/watch?v=bK5Ljltn2Js&feature=player_embedded#at=11

"E' un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perchè esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perchè continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo". (Anna Frank) (gemelli)

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ecco un articolo interessante:


http://pianetax.wordpress.com/2011/03/11/terremoto-in-italia-nel-2011/