DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

martedì 23 ottobre 2012

astrologia giudiziaria



Caro Al Rami, scusa  il ritardo con cui ti rispondo ma ho avuto ed ho ancora problemi con la mia connessione tanto da non riuscire a risponderti direttamente sul blog.
Ahimè devo dirti che il profilo psicologico che hai fatto è incredibilmente esatto. La lunaticità è senza dubbio una mia caratteristica da sempre e se, nell'accezione negativa, mi ha resa instabile in tutti gli aspetti della mia vita avendomi portata a cambiare più volte scelte di studio e professionali ( e a dirla tutta non credo di aver ancora trovato pace) nonchè ad avere avuto un vita sentimentale ballerina dall'altra parte mi ha dato la possibilità di fare tante esperienze, imparare tante cose e di arricchire così la mia esistenza. Mi rivedo nella forte personalità contrapposta all'estrema sensibilità. Ho provveduto a risanare almeno in parte la sofferenza o il blocco psicologico di cui tu mi parli con la psicoterapia alla fine della quale il mio terapeuta mi ha detto una cosa tipo: ora stai bene ma l'instabilità fa parte della tua natura te la devi tenere così com'è e imparare a conviverci!! Questo a proposito dell'avere una Luna dominante :-)

Terribilmente selettiva nelle amicizie e chiusa e questo, hai ancora una volta ragione, è senza dubbio poco favorevole ai nuovi incontri soprattutto sentimentali.
Ma per fortuna, come forse potrai evincere dalle cose scritte ho questo fantastico Giove che mi fa da paracadute o all'occorrenza da propulsore praticamente da tutta la vita!! 
:-)
Quando ho letto la tua risposta lì  lì mi son detta: Porca pupazza che nascita sfigata!!! Poi  fortuna ci ha ripensato Giove a farmi rileggere tutto in chiave più positiva e a farmi dire che, benedetto il mio psicoterapeuta, alla fine mi piaccio orgogliosa, lunatica, anticonvenzionale e orsa così come sono!!

Detto questo, l'unica cosa che mi rende triste è leggere tra le righe che una persona dotata di tale "instabilità" abbia poche possibilità di costruire un amore felice....e guarda caso credo sia anche l'unica cosa che possa rendermi un pò più stabile!! Hai qualche consiglio da darmi?

Ti ringrazio per la tua disponibilità e mi fa sempre molto piacere leggere le cose che scrivi perchè ne apprezzo oltre che i contenuti anche lo stile pieno di verve! :-)
Un saluto.

La tua risposta cade proprio a fagiolo. Proprio ieri ho letto un articolo in cui si demonizzava un certo tipo di atteggiamento dell'astrologo nei confronti del consultante. Oltre che un sottinteso e inutile rimando a determinate scuole di pensiero (inutile perché riduce l'astrologia a un continuo ping pong di attacchi reciproci), vi si poteva leggere l'intervento di un astrologo (non so chi sia perché era stato rimosso il nome) che senza mezzi termini dava alcune indicazioni sulle caratteristiche del consultante. Questo è stato definito un comportamento poco etico e quindi un'atteggiamento che qualsiasi astrologo dovrebbe evitare. Sono d'accordo parzialmente con quelle conclusioni; ma se una cosa è vera va detta e basta, perché il consultante non paga per sentirsi raccontare delle bugie. Naturalmente bisogna essere imparziali e saper trovare anche le positività di un tema natale. E' lecito scrivere a un consultante che ha problemi psicologici? Oppure bisognerebbe dire, alla maniera "new age" che il soggetto si trova in un momento spirituale di basso livello, che la sua attuale evoluzione è bloccata? Ecco, questo è un modo sicuramente poco brutale ma secondo me inadatto a descrivere una situazione. In fin dei conti, il consultante vuole risposte precise a domande precise, perché fondamentalmente non sta a pensare a questioni di tipo trascendentale. Molti astrologi, e soprattutto moltissime astrologhe, si ritrovano a dimenticare che il consultante è fatto di carne e ossa e che vuole risposte concrete, soprattutto oneste anche se spesso dure da accettare. Se il consultante è un pervertito, un depresso, un eccentrico, uno psicopatico, un santo, la cosa va detta con chiarezza. Naturalmente, più il proprio metodo di interpretazione è collaudato  più è facile emettere giudizi corrispondenti al vero. Io ritengo che la "conditio sine qua non" del consulto deve essere il dialogo a quattrocchi, perché solo in questo modo il  consultante può provare a comprendere meglio ed eventualmente accettare le affermazioni dell'astrologo, anche quelle molto dure. Questo è il compito dell'astrologia giudiziaria, ovvero di quella branca del sapere astrologico che serve a emettere giudizi. Venendo al tuo caso, l'accettazione dell'evidenza ti permette di non scappare da altri astrologi per cercare bugie rassicuranti o frasi ambigue. Tu mi chiedi quale sia la soluzione migliore per risolvere il tuo caso: sicuramente è continuare con le terapie e poi applicare, se lo vorrai, le rivoluzioni solari mirate. Ma mi pare che te ne ho già parlato in privato. 

Buongiorno,
sinceramente pensavo di trasferirmi a Berlino,con quali risultati economici,sarebbe il caso di questo passo,porterebbe ciò alla mia svolta economica e amorosa?
Grazie.

Se generalmente le mail che mi giungono contengono un minimo di spiegazione utile all'analisi del caso, questa qui è talmente povera, (nonostante l'invito a sprecare qualche parola in più) che difficilmente riuscirò a fornire indicazioni precise (a domande imprecise, ovviamente risposte imprecise) In  questa mail per esempio non si comprende se sei già fidanzato, sei sei in fase di separazione, se sei sposato. Qui si parla solo di svolta sentimentale e vediamo se ci sarà. Per svolta, naturalmente possiamo intendere tutto e il contrario di tutto; ma mi sforzerò di inventarmi qualcosa, (perché devo fare affidamento alla mia fantasia per interpretare gli astri, senza partire da una situazione specifica e ben definita). Il problema è che generalmente chi chiede un consulto si aspetta che l'astrologo funga da indovino, come se la situazione del soggetto fosse scritta chiaramente e senza alcuna possibilità di errore. Ma l'astrologia non funziona in questo modo, non vi è alcun determinismo. Attraverso la sinteticità della mail, ho intuito come una specie di sfida: "io gli dico il meno possibile, vediamo se ci indovina". Ripeto, non funziona in questo modo. Infatti le posizioni astrologiche hanno un ventaglio di possibilità d'espressione e solo se conosciamo con precisione la situazione attuale, è possibile comprendere dove andranno a parare le posizioni analizzate, cioè, quale tra le varie possibilità d'espressione è più probabile che si realizzi. Difatti, l'astrologia non è uno strumento da indovini, ma uno strumento di previsione; e se fai bene attenzione alla differenza, noterai che essa è determinante per comprendere l'approccio all'astrologia e all'astrologo. Ma sorvoliamo e andiamo avanti. Il tuo anno astrologico, cominciato nel giorno del tuo compleanno, mostra Giove in 9^ casa e venere in X^. Io non so se ti trasferirai, ma queste due posizioni favoriscono quello che intendi fare. Insomma, se la tua scelta è quella, allora otterrai sicuramente dei vantaggi. Non confiderei invece nelle questioni di cuore perché hai Nettuno che transita nella tua VII^ casa radix e mi fa pensare al fatto che da un po' di tempo stai vivendo questioni poco chiare, ambigue, paure, tormenti, confusione in ambito di coppia. Plutone transita nella tua 5^ casa radix e nella 5^ casa di rivoluzione: sicuramente vi è stata una situazione di tormento, una relazione distruttiva. Ora, la stessa posizione può indicare una nuova cotta, un innamoramento vissuto con intenso tormento, oppure il tormento per una donna che stai abbandonando. Non mi hai dato indicazioni e pertanto non posso dirti nulla di concreto. Ho detto infatti, che la stessa posizione indica diverse cose in base a quello che ora c'è nella tua vita. Se proprio vogliamo far galoppare la fantasia, questa posizione potrà indicare maggiore interesse verso la pornografia o verso attività sessuali porco ortodosse. In altri casi rappresenta il tentativo tormentato di procreare. Insomma, se dobbiamo rimanere sul vago, allora la parola d'ordine è tormento. l'anno astrologico si prospetta molto insidioso sotto diversi punti di vista: delle situazioni stanno per essere chiuse definitivamente e quindi pure un rapporto, eventualmente, se fosse ancora in piedi. Le ristrettezze sono di tipo economico: dovrai ridurre notevolmente le fuoriuscite e pertanto non escludo pure il fatto che lieviterà enormemente il desiderio di risparmiare il più possibile. Ripeto, tutto sommato, il transito di Giove nella X^ casa radix e la contemporanea presenza di Venere nella X^ casa di rivoluzione mi parlano di emancipazione. Insomma, durante il corso dell'anno aspettati di crescere in una o più direzioni, non necessariamente nell'ambito lavorativo. Non sono certo che si tratterà di lavoro: infatti noto posizioni contraddittorie: Urano da un lato ci parla di colpi di scena, eventi imprevisti e inaspettati a proposito delle questioni economiche (per assurdo potrebbe essere pure una vincita- o un furto) ma dall'altra abbiamo Saturno che porta ad avarizia, all'accumulo, al risparmio. Cosa aggiungere? Null'altro tranne che per approfondimenti dovremo risentirci privatamente, e questa volta considerando la tu situazione attuale. 

Nessun commento: