DOTTORE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE. RICERCATORE ARCHEO-ASTRONOMICO, ASTROLOGICO, PSICOLOGICO.

martedì 27 settembre 2016

Uomo e Natura (9^parte)


La prima ad occuparsi dell'impatto dell'uomo sulla natura fu la Rachel Carson (Gemelli) che in "primavera silenziosa", denuncia l'uso del DDT nelle coltivazioni. Parliamo degli anni '60, periodo in cui nascono molti movimenti ambientalisti e nascono nuovi enti come il NEPA per valutare l'impatto dell'uomo sull'ambiente. Plutone era appena entrato nel segno della Vergine (alimentazione, grano, salutismo). 

Anche la sociologia di quel tempo subisce una scossa grazie al lavoro dei primi due veri sociologi dell'ambiente, Dunlap e Catton (a una mia ricerca non risultano le date di nascita dei due autori), che affermano quanto la sociologia contemporanea fosse limitata poiché considerava fortemente ancora le questioni antropocentriche, senza prendere in considerazione, invece che esiste una bicondizionalità in cui l'uomo influenza l'ambiente e ne è influenzato. Per questo elaborano il NEP, il nuovo paradigma scientifico per ridefinire la sociologia, che a loro parere doveva essere ampliata con le conoscenze di altre discipline. Definirono così, 4 leggi fondamentali:
1)l'uomo è solo una tra le specie dell'ecosistema
2)esiste un rapporto complesso tra uomo e ambiente con conseguenze spesso inattese
3)le risorse non sono infinite 
4)l'inventiva umana non può controbilanciare questa perdita.

In contrasto con le idee riformiste dei due autori, abbiamo il lavoro di Lhumann (Sagittario), più conservatore, che non intendeva la sociologia in una veste più ampia; ma per lui chi si doveva occupare delle soluzioni era il campo dell'economia perché la sociologia contemporanea non si occupava della sfera della produzione umana come invece era stata intesa in periodi precedenti. 
Per Lhumann giacchè la società è costituita da una fitta rete di relazioni e comunicazioni, il problema ambientale è tale solo quando se ne parla, perché parlandone si ottiene la risonanza; quindi quello dell'inquinamento non è un problema interno alla società. 

Oltre a Lhumann chi si doscosta dal lavoro di Dunlap e catton furono molti altri autori che ripresero, ancora una volta, le idee di Marx e che affronteremo nella prossima puntata. 

Nessun commento: